Non è la Rai compie 30 anni: l’inizio della Tv trash priva di talento

Il 9 settembre 1991 partiva la prima puntata di Non è la Rai, programma ideato da Gianni Boncompagni, il primo per Mediaset, allora ancora Fininvest.

Non è la Rai ebbe 4 edizioni e andò in onda fino al 30 giugno 1995. Tanti i cambiamenti susseguitisi negli anni, per un programma che diede il via a quella che sarebbe diventata una Tv trash priva di talento. Dove ragazzine sempre più giovani – si arrivò a 14 anni di età nell’ultima edizione – esibivano il proprio corpo come fossero in vetrina. Quasi a farsi desiderare, dai coetanei fino ai meno giovani e attempati.

Certo, già a fine anni anni ’70 su Raidue iniziarono i primi programmi demenziali, votati esclusivamente alla futilità e votati al divagamento. E ci può anche stare. La Tv è anche e soprattutto intrattenimento.

Negli anni ’80, con il Biscione di Berlusconi che irruppe a livello nazionale però, ci fu una accelerata in questo senso. Si pensi a Drive in. Quanto meno, però, parliamo di un programma dove si esibivano molti cabarettisti, diversi dei quali già con anni di esperienza alle spalle.

Non è la Rai, invece, diede il via alla Tv che non prevede talento ed esperienza. Tutta basata sull’esposizione del corpo, come ben descrive Vasco Rossi nel brano Delusa.

Ripercorriamo la storia di Non è la Rai e che fine hanno fatto le sue protagoniste.

Non è la Rai storia

non è la rai storia
Foto da BlMagazine

Come riporta Wikipedia, il programma è andato in onda su Canale 5 nella sua prima edizione e per parte della seconda. Poi fu spostata su Italia Uno l’11 gennaio del 1993 e qui trovò il massimo successo nella terza edizione. Mentre la quarta perse gradualmente audience, tanto che una quinta edizione prevista non andò mai in onda. Sostituita da Generazione X, programma condotto da Ambra Angiolini.

Una sorta di Agorà televisivo dove a dibattere sui temi dell’attualità erano i giovani dell’epoca. Sebbene il programma a sua volta non fu confermato per lo scarso successo.

Alcune delle protagoniste dello show hanno iniziato lì le loro carriere di attrici, cantanti, conduttrici televisive e attrici comiche. Queste alcune delle ragazze che ebbero maggiore successo negli anni a seguire:

  • Laura Freddi
  • Pamela Petrarolo
  • Alessia Mancini
  • Alessia Merz
  • Antonella Elia
  • Romina Mondello
  • Yvonne Sciò
  • Antonella Mosetti
  • Cristina Quaranta
  • Sabrina Impacciatore
  • Claudia Gerini
  • Emanuela Panatta
  • Miriana Trevisan
  • Maria Monsè
  • Ambra Angiolini

Quest’ultima passò dall’essere una delle tante ragazze a conduttrice nella terza edizione. Si ricorderà il famoso auricolare con il quale Boncompagni diceva alla Angiolini cosa dire.

Le prime due edizioni furono invece condotte rispettivamente dalla Bonaccorti e da Paolo Bonolis, anche con giochi a premi (come il mitico Cruciverbone). Tuttavia, già il ruolo di Bonolis fu gradualmente ridotto e si preferì dare molto spazio alle ragazze stesse.

Inoltre, il format passò dal classico programma per casalinghe (in stile Domenica in o Pronto Raffaella?) a programma per giovani e giovanissimi.

Nella quarta edizione fu dato spazio a ragazze sempre più giovani, addirittura 14enni e già si vide l’addio di diverse protagoniste delle edizioni precedenti. Ambra ebbe ulteriori poteri di conduzione e fu dato spazio a moda e musica, presentando le Hit del momento.

L’ultima puntata di Non è la Rai si chiuse con Ambra che tra le proprie lacrime e quelle delle altre ragazze, cantava il brano T’appartengo. Il che suonava come un addio definitivo.

Nel corso del tempo cambiò anche la fascia televisiva della messa in onda. Passata dalla tarda mattinata al primo pomeriggio.

Diverse le polemiche alle quali il programma prestò il fianco. Anche perché con la discesa in campo del patron di Fininvest Berlusconi nel ’94, Non è la Rai non fu esente da fargli pubblicità.

Famosa fu la frase nella quale affermava che Satana teneva per Achille Occhetto mentre il Padreterno sosteneva Silvio Berlusconi. La stessa Ambra che, come detto qui, si è fatta portavoce proprio dell’anti-berlusconismo.

Ecco lo spezzone:

Ambra fu comunque in buona compagnia, visto che tanti furono i Vip di Mediaset che fecero il proprio outing per il Cavaliere. Anche personaggio dal calibro di Mike Bongiorno o Raimondo Vianello.

Non è la Rai: che fine hanno fatto ragazze

che fine hanno fatto ragazze di non è la rai
Foto da Kronic

Che fine hanno fatto le ragazze di Non è la Rai? Vediamolo di seguito, con l’aiuto di Momento donna.

Ambra Angiolini

E’ colei che ha avuto forse la carriera più significativa. Non come conduttrice, ma come attrice in diversi film. Fece notizia anche il matrimonio con Francesco Renga, poi naufragato in una separazione, nonché la relazione più recente con Max Allegri.

Antonella Elia

Negli anni novanta, Antonella ha partecipando come valletta a numerosi programmi. Nel 2004 fu concorrente de L’Isola dei Famosi, dove lasciò il segno per un litigio pesante con Aida Yespica. Negli ultimi anni si è allontanata dalla tv (vi partecipa più come opinionista di reality) per dedicarsi al teatro.

Miriana Trevisan

Tra le ragazze più amate dai maschietti, fu prima Velina di Striscia la Notizia e poi valletta della Ruota della Fortuna. Anche lei ha abbandonata prima la tv per dedicarsi successivamente al teatro.

Laura Freddi

All’epoca di Non è la Rai fece scalpore la sua relazione col conduttore Bonolis. Ha condotto alcuni programmi come il Festivalbar ed è stata una Velina di Striscia la notizia proprio insieme a Miriana Trevisan. E’ ritornata in TV grazie alla partecipazione al Grande Fratello Vip, per poi allontanarsi di nuovo dalla Tv.

Alessia Merz

Anche lei per qualche anno ha lavorato in TV come Velina e come ospite fisso a Quelli che il Calcio. Non è mancato un ruolo di attrice, nel film Panarea. Poi ha partecipato a L’Isola dei Famosi, ed è stata inviata della Vita in Diretta. Da anni si è allontanata dal piccolo schermo.

Claudia Gerini

Rientrava tra le 14enni del programma e ha avuto una discreta carriera di attrice, con oltre 40 film. Sebbene resti alla memoria soprattutto uno dei primi: Viaggi di nozze, di e con Carlo Verdone.

Yvonne Scio

Yvonne Sciò già conduceva i giochi dedicati ai più piccoli prima dell’esperienza a Non è la Rai. Ha poi partecipato a film e serie tv sia in Italia che negli Stati Uniti. Oggi è molto attiva sui Social dove presenta la sua vita mondana.

Pamela Petrarolo

Dopo il programma ha partecipato ad alcuni show in tv ed è stata tra i concorrenti del reality La Fattoria, nel 2006. Oggi si allo spettacolo saltuariamente. Ha pubblicato 3 album come cantante, tra cui il primo Io non vivo senza te, uscito nel 1994 dove Pamela propone i brani che cantava a Non è la Rai.

Nicole Grimaudo

Dopo la conquista del titolo di Miss Non è la Rai la sua carriera iniziò in ascesa. Difatti è stata la protagonista di diversi film di successo, diventando un’attrice affermata. Ha lavorato con registi di spessore come: i fratelli Taviani, Ferzan Ozpeteck, Lina Wertmuller e Giuseppe Tornatore.

In questo mio precedente articolo troverete che fine hanno fatto altre ragazze di Non è la Rai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice