Cina, Russia e India stanno costruendo il Mondo che verrà: e noi ne saremo fuori

Cina, Russia e India stanno costruendo il Mondo che verrà: e noi ne saremo fuori

Introduzione

La guerra in Ucraina sta cambiando la geopolitica mondiale. Forse l’Occidente ha voluto stanare Putin utilizzando il popolo ucraino come esca per provare l’assalto finale. Assalto finale che per ora si combatte sul terreno della finanza, scongiurando una devastante escalation militare.

Tagliando i circuiti di pagamento e confiscando beni, l’America sta cercando di fare terra bruciata intorno a Vladimir Putin, creandogli nemici interni, che lo portino alla destituzione. Per ora la Russia regge, cercando sistemi alternativi, ma occorrerà capire fino a quando potrà andare avanti.

L’Italia, come detto più volte, si è messa contro la Russia e contro i propri interessi, visto che ci fornisce diverse materie prime, vi esportiamo diversi prodotti e attiriamo il facoltoso turismo russo. Irresponsabile il discorso di Mario Draghi qualche giorno fa con Zelensky video-ospite in parlamento. Ma del resto, il Premier è un liquidatore fallimentare (qui il suo eloquente discorso sul Britannia del 1992) ed è stato piazzato a Palazzo Chigi, e molto probabilmente l’anno prossimo al Quirinale, per completare la sua opera.

Comunque, le superpotenze alternative a quelle occidentali, ossia Cina, la stessa Russia e l’India, stanno già costruendo il mondo del futuro. Che superi gli Stati Uniti e il suo dollaro. Valuta per gli scambi mondiali dal dopoguerra ad oggi. Come gli States fecero ai danni dell’Europa nel mondo che uscì malconcio dalla seconda guerra mondiale.

Ecco alcuni esempi di ciò. Con l’Italia che sta andando verso un’altra direzione.

Cina e Russia rinsaldano i rapporti

I rapporti tra Cina e Russia si sono molto rinsaldati in questi ultimi anni. Se durante la Guerra Fredda i due paesi erano distanti e si guardavano con diffidenza, con la Cina che era più vicina agli americani proprio in chiave anti-sovietica, di recente si sono avvicinati proprio in chiave anti-americana ed anti-occidentale.

Una immagine plastica di ciò ci viene dalla sola presenza di Putin durante i giochi invernali tenutisi in Cina. Xi ha affermato che legami più stretti tra Cina e Russia sono una “scelta inevitabile” e importante per “realizzare la prosperità in entrambi i paesi“. Quelle parole sono molto più che cortesia diplomatica.

Come già fece notare il Time, sebbene la Russia e la Cina abbiano regolarmente professato amicizia negli ultimi due decenni, la sfiducia è rimasta tra loro, residuo degli scismi ideologici e delle controversie sui confini della Guerra Fredda. Ma quelle vecchie ferite sembrano guarire.

Definendo la Cina “il nostro fidato amico” nei commenti prima della sua visita, Putin ha affermato che le relazioni tra i due paesi “hanno raggiunto il livello più alto in tutta la sua storia secolare“. I sentimenti calorosi verranno come sollievo per due leader che si trovano sempre più isolati.

La presa della Crimea da parte della Russia dall’Ucraina ha portato l’Occidente a imporre sanzioni al Paese, oggi aumentate con l’invasione dell’Ucraina, mentre la posizione aggressiva della Cina sulle controversie territoriali ha alienato molti dei suoi vicini, tra cui Giappone e Filippine.

La necessità economica sta anche avvicinando i due paesi. L’economia russa, una volta ruggente, non ruggisce più. Putin ha un disperato bisogno di nuovi investimenti e nuovi clienti per le sue esportazioni, che la Cina può prontamente fornire. Il commercio tra i due paesi è esploso dagli anni ’90, mentre le aziende cinesi vedono la Russia come un potenziale obiettivo di nuovi affari. Proprio questa settimana, il produttore cinese di SUV Great Wall Motor ha annunciato l’intenzione di costruire una fabbrica di automobili da 340 milioni di dollari in Russia.

Dal punto di vista della Russia, la crisi ucraina ha solo reso più imperativo rafforzare i legami economici con la Cina. Putin ha già segnalato che vede il futuro economico del suo paese a est, non a ovest, scrivendo nel 2012 che l’Asia era “il fattore più importante per il futuro di successo dell’intero paese“.

Le ricadute delle mosse di Putin in Ucraina hanno accresciuto l’urgenza di quel cambiamento. L’Unione Europea è il principale partner commerciale e fonte di investimento della Russia e, con le relazioni tese, il potenziale nuovo denaro proveniente dalla Cina è più importante che mai. La Cina, nel frattempo, è sempre alla ricerca di nuove fonti di materie prime come petrolio, legname e minerali per le sue macchine manifatturiere, e la Russia ha proprio ciò che desidera.

Russia e Cina possono trattare l’una con l’altra senza un irritante che entrambe incontrano: l’Occidente. Mentre gli Stati Uniti e l’Europa si lamentano sempre dei diritti umani, questo non fa parlare di sé quando Russia e Cina sono al tavolo dei negoziati.

Un rapporto più stretto tra Russia e Cina ha importanti implicazioni geopolitiche per l’Occidente. I tentativi di Washington e Bruxelles di fare pressione su Putin sulla crisi ucraina saranno resi molto più difficili man mano che Mosca troverà fonti di investimento, commercio e supporto diplomatico da Pechino.

La Cina, nel frattempo, ha i suoi problemi con l’Occidente: dalle controversie commerciali allo spionaggio informatico. Un nemico in comune può creare un’amicizia.

Arabia Saudita pagherà petrolio cinese in Yuan e non in Dollari

Come riporta Oilprice, uno dei punti cardine degli ultimi 40 anni, e un’ancora che sostiene lo stato di riserva del dollaro, è stato un sistema finanziario globale basato sul petrodollaro. Questo era un mondo in cui i produttori di petrolio avrebbero venduto i loro prodotti negli Stati Uniti (e nel resto del mondo) per dollari, di cui avrebbero poi riciclato i proventi in attività denominate in dollari e, pur investendo in mercati denominati in dollari, in modo esplicito sostenere l’USD come valuta di riserva mondiale.

Tutto ciò sosterrebbe la posizione degli Stati Uniti come superpotenza finanziaria mondiale indiscussa.

Il WSJ ha pubblicato un rapporto, osservando che “l’Arabia Saudita è in trattative attive con Pechino per stabilire un prezzo parte delle sue vendite di petrolio alla Cina in yuan”. Una mossa che potrebbe paralizzare non solo il predominio del petrodollaro sul mercato petrolifero globale – qualcosa che Zoltan Pozsar ha previsto nella sua ultima nota. E e segnare un altro spostamento del principale esportatore mondiale di greggio verso l’Asia, ma anche una mossa mirata direttamente al cuore del sistema finanziario statunitense che ha approfittato dello stato di riserva del dollaro stampando tutti i dollari necessari per finanziare la spesa pubblica nell’ultimo decennio.

Secondo il rapporto, i colloqui con la Cina sui contratti petroliferi a prezzo di yuan sono andati avanti e indietro per sei anni, ma quest’anno hanno subito un’accelerazione poiché i sauditi sono diventati sempre più scontenti degli impegni di sicurezza degli Stati Uniti per difendere il regno da decenni.

I sauditi sono arrabbiati per la mancanza di sostegno degli Stati Uniti al loro intervento nella guerra civile nello Yemen e per il tentativo dell’amministrazione Biden di concludere un accordo con l’Iran sul suo programma nucleare. Funzionari sauditi hanno affermato di essere rimasti scioccati dal precipitoso ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan lo scorso anno.

La Cina acquista più del 25% del petrolio esportato dall’Arabia Saudita e, se valutate in yuan, tali vendite aumenterebbero la posizione della valuta cinese e porterebbero la valuta cinese sulla strada per diventare una valuta di riserva globale del petroyuan.

Come ammette anche il WSJ, un passaggio a un sistema (petro)yuan

sarebbe un profondo cambiamento per l’Arabia Saudita per valutare anche alcuni dei suoi circa 6,2 milioni di barili al giorno di esportazioni di greggio in qualcosa di diverso dai dollari

come la maggior parte delle le vendite globali di petrolio, circa l’80%, sono effettuate in dollari e dal 1974 i sauditi commerciano petrolio esclusivamente in dollari, in un accordo con l’amministrazione Nixon che includeva garanzie di sicurezza per il regno. Sembra che ai sauditi non importi più molto delle “garanzie di sicurezza” statunitensi e stiano invece cambiando la loro fedeltà alla Cina.

Ricordiamo che, nel marzo 2018, la Cina ha introdotto contratti petroliferi a prezzo di yuan come parte dei suoi sforzi per rendere la sua valuta negoziabile in tutto il mondo, ma non ha intaccato il dominio del dollaro sul mercato petrolifero, soprattutto perché il L’USD è rimasta la valuta preferita dagli esportatori di petrolio. Ma, come ha anche osservato di recente Pozsar, per la Cina l’uso di dollari è diventato un rischio evidenziato dalle sanzioni statunitensi all’Iran per il suo programma nucleare e alla Russia in risposta all’invasione dell’Ucraina.

La transizione storica odierna non è esattamente una sorpresa: negli ultimi anni la Cina ha intensificato il corteggiamento del regno saudita, aiutando l’Arabia Saudita a costruire i propri missili balistici, consultandosi su un programma nucleare e investendo nei progetti preferiti del principe ereditario Mohammed bin Salman, come Neom, una nuova città futuristica.

Nel frattempo, le relazioni saudite con gli Stati Uniti si sono deteriorate sotto il presidente Biden, che nella sua campagna del 2020 ha affermato che il regno dovrebbe essere un “paria” per l’uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel 2018.

Il principe Mohammed, che secondo le autorità dell’intelligence statunitense ha ordinato a Mr. L’omicidio di Khashoggi ha rifiutato di partecipare a una telefonata tra il signor Biden e il sovrano saudita, re Salman, il mese scorso. Arriva anche quando le relazioni economiche degli Stati Uniti con i sauditi stanno diminuendo: gli Stati Uniti sono ora tra i primi produttori di petrolio al mondo, una netta inversione di tendenza rispetto agli anni ’80 quando importavano 2 milioni di barili di greggio saudita al giorno, ma quei numeri sono diminuiti a meno di 500.000 barili al giorno nel dicembre 2021.

Al contrario, le importazioni di petrolio della Cina sono aumentate negli ultimi tre decenni, in linea con la sua economia in espansione. L’Arabia Saudita è stata il principale fornitore di greggio della Cina nel 2021, vendendo a 1,76 milioni di barili al giorno, seguita dalla Russia con 1,6 milioni di barili al giorno, secondo i dati dell’Amministrazione generale delle dogane cinese.

le dinamiche sono cambiate radicalmente. Le relazioni degli Stati Uniti con i sauditi sono cambiate, la Cina è il più grande importatore mondiale di greggio e stanno offrendo molti incentivi redditizi al regno

ha affermato un funzionario saudita che ha familiarità con i colloqui. “La Cina ha offerto tutto ciò che si può immaginare al regno“, ha detto il funzionario.

In retrospettiva, ora sappiamo il motivo per cui MBS non rispondeva alle telefonate di Biden. Inutile dire che gli Stati Uniti non sono contenti di questa trasformazione storica: un alto funzionario statunitense ha detto al WSJ che l’idea che i sauditi vendessero petrolio alla Cina in yuan era “altamente volatile e aggressiva” e “non molto probabile“. Il funzionario ha detto che i sauditi avevano lanciato l’idea in passato quando c’era tensione tra Washington e Riyadh. È, ovviamente, possibile che i sauditi possano fare marcia indietro.

Passare ogni giorno milioni di barili di petrolio da dollari a yuan potrebbe scuotere l’economia saudita, che ha una valuta, il riyal, ancorata al dollaro. Gli aiutanti del principe Mohammed lo hanno avvertito di danni economici imprevedibili se dovesse portare avanti il ​​piano frettolosamente. O forse, l’Arabia Saudita si sta semplicemente preparando per il giorno in cui verrà rotto il piolo per recidere l’ultimo importante collegamento con gli Stati Uniti.

Fare più vendite in yuan collegherebbe più strettamente l’Arabia Saudita alla valuta cinese, che non ha preso piede con gli investitori internazionali a causa degli stretti controlli che Pechino mantiene su di essa. La contrazione delle vendite di petrolio in una valuta meno stabile potrebbe anche minare le prospettive fiscali del governo saudita.

Come aggiunge il WSJ, l’impatto sull’economia saudita dipenderebbe probabilmente dal numero di vendite di petrolio coinvolte e dal prezzo del petrolio. Alcuni economisti hanno affermato che l’abbandono delle vendite di petrolio in dollari diversificherebbe la base delle entrate del regno e potrebbe alla fine portarlo a reinserire il riyal in un paniere di valute, simile al dinaro kuwaitiano.

Tuttavia, i sauditi hanno in programma di effettuare la maggior parte delle transazioni petrolifere in dollari, ma la transizione è iniziata e la mossa potrebbe indurre altri produttori a valutare anche le loro esportazioni cinesi in yuan. Le altre grandi fonti di petrolio della Cina sono Russia, Angola e Iraq.

Il mercato petrolifero, e per estensione l’intero mercato globale delle materie prime, è la polizza assicurativa dello status del dollaro come valuta di riserva“, ha affermato l’economista Gal Luft, co-direttore dell’Istituto per l’analisi della sicurezza globale con sede a Washington che ha co-scritto un libro sulla de-dollarizzazione. “Se quel blocco viene rimosso dal muro, il muro inizierà a crollare“.

India aumenta importazione di petrolio dalla Russia

Come riporta NDTV, la Indian Oil Corporation Limited ha firmato un accordo con una compagnia petrolifera russa per importare 3 milioni di barili di greggio. È un accordo da azienda a azienda.

Mentre i paesi occidentali hanno imposto sanzioni, incluso l’embargo sulle importazioni di petrolio da parte degli Stati Uniti, alla Russia in risposta all’attacco di Mosca all’Ucraina, non ci sono restrizioni alle compagnie petrolifere indiane per l’acquisto di petrolio greggio dalle compagnie petrolifere russe.

Le legittime transazioni energetiche dell’India non dovrebbero essere politicizzate e i paesi autosufficienti in termini di petrolio o quelli stessi che importano dalla Russia non possono sostenere in modo credibile un commercio restrittivo, hanno affermato ieri fonti governative. Ciò ha attirato una risposta dagli Stati Uniti, che hanno affermato che l’importazione da parte dell’India di petrolio greggio sconvolto dalla Russia non equivarrebbe a una violazione delle sanzioni; implicherebbe sostenere l’invasione russa dell’Ucraina. L’America, insomma, tira in ballo questioni etiche. Proprio loro, che in Vietnam, Kosovo, Afghanistan, Iraq o Siria, hanno bombardato i civili senza remore.

Alla domanda su un rapporto sulla possibilità che l’India possa accettare l’offerta russa di greggio scontato, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki aveva detto all’inizio della settimana:

Non credo che ciò violerebbe (sanzioni). Ma pensa anche a dove vuoi metterti quando i libri di storia vengono scritti in questo momento. Il supporto per la leadership russa è supporto per un’invasione che ovviamente sta avendo un impatto devastante

Secondo fonti di oggi, l’accordo di importazione di greggio con la compagnia petrolifera russa è ai migliori termini e condizioni attualmente disponibili per l’India sul mercato internazionale. Le fonti hanno aggiunto che non ci sono restrizioni per le compagnie petrolifere indiane nell’acquisto di greggio dalle compagnie russe.

Mentre gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali hanno sanzionato Mosca, la Russia ha iniziato a offrire petrolio e altre materie prime a prezzi scontati all’India e ad altri grandi importatori.

Mentre storicamente le importazioni dell’India dalla Russia sono state basse a causa degli elevati costi di trasporto, è probabile che più compagnie petrolifere indiane finalizzeranno contratti con le loro controparti russe per l’importazione di petrolio greggio nella speranza di profondi sconti.

Questo in un momento in cui i prezzi globali del greggio sono saliti sopra i $ 100 al barile, con il greggio Brent di riferimento che ha raggiunto i massimi pluriennali di quasi $ 140 al barile a un certo punto dall’invasione russa dell’Ucraina.

L’India è fortemente dipendente dall’importazione di petrolio greggio per oltre l’80% del suo fabbisogno energetico e continuerà a procurarselo ovunque potrà accedere alle migliori condizioni. L’accordo segue un contatto ad alto livello stabilito tra l’India e la Federazione Russa all’inizio di questa settimana.

Nelle ultime settimane, l’azione militare è stata avviata in Ucraina… Il governo esplorerà tutte le opzioni disponibili. Ci sono contatti (con la Russia)… Io stesso ho avuto una conversazione a un livello appropriato con la Federazione Russa. Attualmente sono in corso discussioni acceso

ha detto lunedì il ministro del petrolio Hardeep Puri a Rajya Sabha.

Quanto petrolio è disponibile con i fornitori russi o nuovi? Ogni volta che questi accordi verranno elaborati tra le compagnie petrolifere indiane e la Russia, ve lo faremo sapere. È una situazione dinamica e in evoluzione caratterizzata da una guerra militare

ha aggiunto il ministro.

Tra Cina e Israele relazioni sempre più strette

La Cina degli ultimi anni sta mettendo in campo una politica estera spiccatamente diplomatica, tranne che con le vicine Hong Kong e Taiwan, verso le quali non ha di certo perso le proprie mire espansionistiche. Soprattutto verso Africa e Medioriente, dove sta stringendo molti accordi commerciali.

Come riporta Osmed, degna di nota è l’attenzione rivolta a Israele, un paese che è riuscito ad imporsi come uno dei principali hub tecnologici ed economici a livello mondiale. Non sorprende, dunque, che la Repubblica Popolare abbia deciso di integrarlo all’interno della One Belt One Road Initiative, una strategia di penetrazione economico-politica che ha l’obiettivo di rafforzare il ruolo della Cina nel continente euroasiatico.

La stessa Israele in anni recenti ha adottato una politica estera volta a trarre beneficio dalle nuove opportunità emerse con la crescita del continente asiatico, come dimostrato dalla strategia Pivot to Asia promossa informalmente dall’ex Primo Ministro Benjamin Netanyahu.

Si può quindi registrare una convergenza di interessi tra questi due paesi, soprattutto in alcuni settori considerati di vitale importanza da entrambi: difesa, cybersicurezza, intelligenza artificiale e sviluppo di software. Per rafforzare questa partnership Pechino ha utilizzato un approccio pragmatico che unisce strumenti di hard e soft power già ampiamente testati con numerosi paesi del continente africano o asiatico.

In altre parole, la Cina ha cercato di adottare il paradigma dell’espansione culturale ed economica americana degli anni ’50 e ’60, inquadrandolo però in una pianificazione statalista ed autoritaria.

La Cina è interessata ad Israele in quanto attore strategico nell’area del Medio e Vicino Oriente. Pechino, in anni recenti, ha infatti rafforzato la sua penetrazione economica nel Mar Mediterraneo tramite l’acquisizione delle quote di maggioranza del porto del Pireo in Grecia ad opera dell’impresa statale cinese COSCO Shipping Lines. Una strategia simile è stata attuata in Israele con la costruzione e il controllo di un nuovo terminal presso il porto di Haifa che permetterà a Pechino di espandere la propria presenza nell’area.

Ad ogni modo, questa strategia, sviluppatasi sul doppio binario economico e culturale sembra aver permesso a Pechino di raggiungere i risultati sperati. Secondo un sondaggio condotto dal Pew Research Center, il 66% degli israeliani intervistati hanno affermato di avere una visione positiva della Cina. Un dato, questo, che si pone in forte controtendenza rispetto a quelli raccolti nei paesi con le economie più avanzate.

Meno di un terzo degli intervistati in Giappone (11%), Svezia (25%), Stati Uniti (26%), Canada (27%), e Francia (33%) ha, infatti, espresso un’opinione favorevole nei confronti di Pechino.

L’asse israelo-cinese viaggia su 5 binari principali.

Diffusione delle scuole di lingua cinese

In primo luogo, la Repubblica Popolare ha investito ingenti somme per diffondere la presenza degli Istituti Confucio, istituzioni gestite direttamente dal Ministero dell’Istruzione per promuovere corsi di lingua e cultura cinese in numerose università estere. Questi istituti sono stati però accusati di condurre simultaneamente anche attività di spionaggio e di censura a favore della propaganda cinese.

Sebbene alcuni paesi, tra cui il Belgio, abbiano iniziato a chiudere alcuni Istituti Confucio, Israele non ha mostrato troppe preoccupazioni a riguardo, come testimoniato dal fatto che gli Istituti presenti presso l’Università di Tel Aviv e l’Università Ebraica di Gerusalemme continuano regolarmente le loro attività.

Scambi accademici

In secondo luogo, Pechino ha cercato di incrementare in maniera considerevole gli scambi internazionali a livello accademico. Nonostante i dati ufficiali siano frammentari, è possibile individuare una tendenza crescente nel numero di studenti cinesi in Israele, passati da 200 nel 2014 a circa 1,000 nel 2016. Un dato, questo, che trova ulteriore conferma nel più ampio trend della mobilità internazionale tra i due paesi. Il numero di turisti cinesi in Israele è infatti quadruplicato negli ultimi anni, passando da 32,400 nel 2014 a 123,900 nel 2017.

Penetrazione nei media tradizionali

In terzo luogo, la Cina ha cercato di penetrare anche nel settore dei media tradizionali, come dimostrato dal caso della China Radio International (CRI) che, sin dal 2009, ha iniziato a mandare in onda trasmissioni in lingua ebraica che hanno ottenuto un buon seguito tra il pubblico locale. La CRI attraverso i suoi programmi ha inoltre veicolato messaggi utili alle finalità della politica estera cinese, in ciò favorita dal fatto che molti media tradizionali israeliani hanno riportato le sue notizie senza opportune verifiche.

Attualmente, la Cina importa da Israele beni e servizi per un valore di circa 6 miliardi di dollari l’anno, mentre ne esporta per una cifra pari a circa 11 miliardi.

Anche gli investimenti diretti esteri (IED) cinesi hanno visto una crescita notevole nel quadriennio 2016-2019, raggiungendo il valore massimo di 4,5 miliardi di dollari l’anno.

Aumentano lavoratori cinesi in Israele

Un dato parzialmente in controtendenza rispetto a quelli sopra citati riguarda, invece, il numero di lavoratori cinesi in Israele. Questo trend può essere spiegato grazie ai recenti cambiamenti giuridici avvenuti all’interno del paese.

Fino al 2017, infatti, i cittadini cinesi che desideravano lavorare in Israele erano costretti a pagare una tassa molto alta, pari a circa 7 mila dollari. I lavoratori cinesi, arrivando già indebitati a causa di questo sistema normativo, erano costretti ad accettare pessime condizioni di lavoro e scarsissime tutele. Per questo motivo, molti erano spinti ad entrare illegalmente nel paese senza essere registrati formalmente come manodopera straniera.

Dopo il 2017, però, questa situazione è cambiata drasticamente. Un accordo bilaterale è stato infatti siglato per regolare l’arrivo di circa 4,000 lavoratori cinesi garantendogli minori costi d’entrata e, al tempo stesso, maggiori diritti. Questa tendenza è confermata dai dati del biennio 2017-2018 sotto riportati.

Scambi militari e di intelligence

Ma non solo scambi culturali ed economici, bensì anche militari. Nell’ambito della difesa, per esempio, Pechino ha mostrato grande attenzione nei confronti delle capacità militari di Israele, sviluppate a partire dal 1948 a seguito delle guerre arabo-israeliane.

Ad oggi, il piccolo paese affacciato sul Mediterraneo è uno dei principali fornitori d’armi della Cina, la quale, a sua volta, ricambia esportando numerosi droni ad uso militare, in particolare quelli prodotti dall’impresa DJI Technology Co. già messa al bando negli Stati Uniti per timori riguardanti la sicurezza nazionale. Nell’ambito tecnologico, inoltre, entrambi i paesi hanno vissuto in anni recenti un vero e proprio boom legato ai settori dell’intelligenza artificiale, delle telecomunicazioni e dello sviluppo di software.

Per questo motivo una parte considerevole degli investimenti esteri diretti cinesi sono stati rivolti verso questi settori. Per Pechino l’interesse principale deriva dalla pratica del technology transfer, ovvero dai trasferimenti di conoscenze e know-how che accompagnano questi investimenti.

Putin si fa pagare gas solo in rubli

Come riporta Il fatto quotidiano, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che la Russia chiederà ai paesi considerati ostili, tra cui il nostro, di pagare le forniture di gas in rubli. Ogni giorno i paesi europei versano circa un miliardo di dollari nelle casse di Mosca per l’acquisto di gas e petrolio.

Queste le parole di Putin:

Ho deciso di attuare una serie di misure per trasferire il pagamento delle nostre forniture di gas ai paesi ostili in rubli russi

Putin ha ordinato che i cambiamenti siano attuati nel più breve tempo possibile. Il presidente avrebbe concesso alla banca centrale e al governo una settimana per trovare un modo per consentire agli importatori di gas russo di ottenere rubli sul mercato interno. Dopo l’annuncio i prezzi del gas sono schizzati al rialzo con un incremento di oltre il 30% superando i 125 euro per megawatt/ora.

La mossa avrebbe l’effetto di rafforzare la moneta russa che peraltro negli ultimi giorni ha recuperato gran parte delle perdite subiti nei primi giorni dell’invasione. Per pagare il gas gli stati clienti dovrebbero infatti comprare rubli pagandoli con dollari, euro o sterline. Dopo l’annuncio il rublo ha registrato un miglioramento ed è sceso sotto quota 100 sul dollaro (98,8).

Lo scorso 7 marzo per avere un dollaro servivano 139 rubli, alla vigilia dell’invasione 84. La borsa di Mosca ha riavviato le negoziazioni anche per le azioni, dopo che erano stati riattivati gli scambi di alcuni bond. La borsa era stata chiusa lo scorso 28 febbraio, data di inizio delle ostilità. La vendita allo scoperto sarà vietata.

Gli ottimi rapporti tra India e Russia

Come riporta Linkiesta, tre mesi prima dell’attacco all’Ucraina, Modi e Putin hanno firmato un accordo decennale di cooperazione difensiva. L’asse tra Mosca e Nuova Delhi non sorprende, dato che risale al Novecento: la Russia è la prima fornitrice di armi del gigante asiatico, settimo Paese al mondo per estensione e secondo per numero di abitanti.

Tra il 1950 e il 2020, è passato su questa direttrice il 65% del materiale militare comprato dall’India. Carri armati, sottomarini, aerei, il sistema missilistico S-400 da 5,4 miliardi di dollari scelto a discapito di quello americano, ma «ordinato prima delle sanzioni», per evitare rimostranze dalla Casa Bianca.

Vale 8 miliardi di dollari il volume mercantile con la Russia, l’obiettivo era portarlo a 30 miliardi entro il 2025. Poi è arrivata l’Ucraina. Il 24 febbraio, il giorno dello choc collettivo, Modi ha telefonato a Putin e gli ha chiesto l’«immediata cessazione delle violenze». Non ci sono però state, da parte né dell’esecutivo né della diplomazia, condanne ufficiali. Da membro temporaneo del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, anzi, l’India si è astenuta sulla risoluzione più importante, quella dove si chiedeva al Cremlino di interrompere un’aggressione antistorica e criminale.

L’India è una nazione «non allineata» da sempre. In queste settimane, ha dialogato sia con Mosca sia con Kiev, soprattutto per evacuare i suoi 15mila cittadini in Ucraina: quasi tutti studenti, chissà quanti da quella città universitaria viva che era Kharkiv. Le manovre finanziarie rischiano di irritare un partner come gli Stati Uniti, che sono la principale destinazione delle esportazioni indiane, per 50 miliardi di dollari ogni anno.

Se l’India vende in Russia soprattutto farmaci, importa da lì fertilizzanti, prodotti energetici e, appunto, armamenti.

Il legame è nato nel secondo dopoguerra ed è tra le poche cose sopravvissute al crollo dell’Unione sovietica. A ridosso dell’indipendenza, il primo ministro Jawaharlal Nehru si ispirò all’economia socialista sovietica, la cooperazione sarebbe diventata così stretta che tra il 1970 e il 1992 la Banca centrale indiana garantiva la convertibilità tra rubli e rupie. L’aiuto del Cremlino è stato cruciale per vincere il conflitto di tredici giorni con il Pakistan del 1971.

È da allora che l’India dipende da Mosca per l’equipaggiamento e i mezzi militari, spesso comprati in credito. Nel 1957, 1962 e 1971, tra l’altro, l’Unione sovietica è stata l’unica nazione a opporsi con un veto all’intervento dell’Onu nella valle del Kashmir contesa col Pakistan. In un certo senso, con l’astensione di questi giorni l’India sta ripagando i favori di mezzo secolo fa.

Schiacciata tra il Pakistan e Pechino, entrambi dotati della bomba atomica, per la sua sopravvivenza l’India non può affidarsi solo all’Occidente, troppo lontano. A maggior ragione dopo il ritiro dall’Afghanistan. Per questo ha bisogno della Russia.

Quando nel 2020 la tensione è tornata ai massimi, con i primi scontri (non a fuoco, ma con le mazze chiodate) nel Ladakh, è stata Mosca a organizzare un vertice trilaterale con Pechino e Nuova Delhi. La mediazione russa è stata decisiva per disinnescare una potenziale escalation. In quell’occasione, il Cremlino si è impegnato a inviare armi nel giro di due o tre mesi, se l’India lo richiedesse.

Modi teme di perdere un garante se lasciasse la Russia nelle braccia della Cina, che è il primo partner commerciale di Putin. Una subalternità che fanno presagire la richiesta di armi a Pechino e l’allineamento propagandistico tra i due regimi.

In funzione anticinese, l’India fa parte anche del Quad, un’alleanza strategica informale con Giappone, Stati Uniti e Australia. Negli ultimi anni si è rafforzata anche la collaborazione con Washington: gli acquisti di armi americane sono saliti da zero a 20 miliardi di dollari nel giro di un decennio.

Per questi motivi, l’India non ha voluto, o potuto, smarcarsi dalla Russia. Neppure il capo dell’opposizione a Modi, Rahul Gandhi, si è schierato pubblicamente contro l’invasione.

Conclusioni

Insomma, qualcosa oltre il sempre più invecchiato e impoverito occidente si sta già muovendo da tempo. Cina e India insieme fanno quasi mezza popolazione mondiale (2.8 miliardi di persone su 7) e stanno stringendo nuovi accordi o rinsaldando i vecchi.

L’Italia, per la sua quasi inesistente potenza di fuoco militare e per la sua dipendenza energetica – conseguenza di pacifismi e ambientalismi ideologici di questi anni – che ammetto hanno influenzato per diverso tempo anche me, deve cercare di mantenere una posizione neutrale. Perché il nuovo mondo che sta nascendo ci vede ancora più periferici di quanto siamo stati nel vecchio.

Ricevi via mail le news sulla guerra in Ucraina che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice