Orsini censurato da Rai e Luiss per le sue verità sulla Russia

Orsini censurato da Rai e Luiss per le sue verità sulla Russia

Data ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2022

Introduzione

Il pensiero unico dominante sulle principali emittenti televisive – Rai, Mediaset e La7 – con qualche spiraglio di luce solo in qualche trasmissione di Rete 4, non ammette che passi un messaggio alternativo e contrario. E se qualcuno ci prova, viene subito zittito dal presentatore, assalito dagli altri astanti, accavallato dalla pubblicità.

Tra le vittime di questo modus operandi censorio ci è finito pure il Professor Alessandro Orsini. Il cui curriculum parla da solo e si eleva sui programmi fatti di lacché, geopolitici improvvisati, presentatori al soldo dell’editore o del politico di turno, nani e ballerine.

Il provvedimento della Luiss dove è professore associato e della Rai era nell’aria. Il suo controcanto rispetto alla disinformazione generale non poteva essere tollerato. Anche Wikipedia, che spesso utilizzo come fonte e per questo me ne dispiaccio doppiamente, ha oscurato la sua pagina.

Ecco chi è Alessandro Orsini e i motivi della censura subita.

Alessandro Orsini chi è

Come riporta Il Corriere della sera, Alessandro Orsini è direttore dell’Osservatorio sulla sicurezza internazionale, nonché professore associato nel dipartimento di Scienze politiche della Luiss, dove insegna Sociologia generale e Sociologia del terrorismo.

Ha già scritto diversi libri su Isis, Brigate rosse e immigrazione, ed è specializzato al Mit di Boston. Vanta anche collaborazioni ufficiali come consulente del governo italiano. Ha anche collaborato con più quotidiani come editorialista.

Un pedigree che, a soli 46 anni, farebbe impallidire ulteriormente lo già spaventato volto di Giovanna Botteri, la quale, collegata dalla splendida Parigi, ci dice cosa sta succedendo in Ucraina. O, almeno, quello che deve dire.

Perché Alessandro Orsini censurato dalla Rai

Da qualche settimana il Professor Orsini ha acquisito una fortissima popolarità (o impopolarità, a seconda dei punti di vista) per le sue posizioni rivendicate in numerose trasmissioni televisive (in primis Cartabianca e Piazza pulita) riguardo la sanguinosa invasione dell’Ucraina: «La Russia può sventrare l’Ucraina come e quando vuole» .

Particolarmente critiche le sue teorie rispetto alla Nato, considerata dal docente responsabile dell’escalation militare culminata con i bombardamenti da parte della Russia. Orsini sostiene con forza che fosse (e sia) necessario riconoscere come russe aree come il Donbass e le regioni occupate in queste settimane. Sostiene inoltre la necessità di ridimensionare le sanzioni economiche occidentali e accettare che «Putin ha già vinto».

Ospite a Cartabianca, su Rai Tre, rispondendo a Bianca Berlinguer Orsini era arrivato a dire che se Putin dovesse trovarsi

in un condizione disperata in cui rischia di perdere la guerra in Ucraina, e dovesse usare la bomba atomica, l’Europa sarebbe moralmente corresponsabile

Orsini aveva firmato un contratto da duemila euro a puntata (per sei apparizioni). Ne è scaturita un’ulteriore bufera, arrivata fino in Parlamento. Con il Partito democratico in testa. Così, in meno di 48 ore, i dirigenti della tv di Stato hanno dovuto cancellare il contratto.

«Mi attaccano perché le mie analisi hanno toccato consorterie potenti», replica il docente. E in Rai sappiamo come funziona.

Professor Orsini sospeso dalla Luiss

Come riporta L’Avanti è stato sospeso con effetto immediato anche dalla Luiss.

Anche qui, la grave colpa del professore della Luiss è quella di aver detto la sua opinione sulla guerra che si sta consumando nell’Est Europa durante una puntata di Piazza pulita su La 7; parere che evidentemente si distaccava di molto dalla narrazione gradita dall’Ateneo.

Ecco, in particolare, cosa avrebbe detto di scomodo per la Luiss il professore da meritarsi la censura. Durante la trasmissione di Formigli, Piazza Pulita, Orsini aveva spiegato che,

pur condannando l’invasione dell’Ucraina da parte della Russiapossiamo uscire da questo inferno soltanto riconoscendo i nostri errori e gli errori dell’Unione Europea che sono molto grandi. La responsabilità militare è di Putin – ha detto -, ma quella politica è principalmente dell’Ue

quello che fa ora Putin lo ha fatto Kennedy con Cuba nel 1962. Se il Messico si alleasse con Putin gli Stati Uniti lo distruggerebbero assassinando il suo presidente, favorendo una guerra civile o sfondando il confine. Le grandi potenze hanno comportamenti largamente prevedibili, perché fanno le stesse cose da centinaia di anni

Per lui è partita subito una petizione, alla quale si può partecipare qui. Ecco la motivazione:

Il Professor Alessandro Orsini, Direttore e fondatore dell’Osservatorio sulla sicurezza internazionale della Luiss, è stato censurato dalla sua università, la Luiss “Guido Carli”, per le sue analisi sulla guerra in Ucraina svolte a Sky Tg 24 e a “Piazza Pulita” su la 7.

Le analisi di Orsini non hanno alcunché di censurabile. Si fondano su studi scientifici rigorosi e sulle più accreditate teorie delle relazioni internazionali.

Esprimiamo la nostra solidarietà ad Alessandro Orsini e denunciamo il clima di oscurantismo che si sta diffondendo in Italia: un clima che rischia di colpire un numero sempre maggiore di collegh, proprio nel momento in cui è vitale la presenza di studios dal pensiero libero e coraggioso.

Alessandro Orsini Wikipedia

Se stai cercando la pagina di Wikipedia di Alessandro Orsini e ti compare una pagina quasi vuota come questa

alessandro orsini wikipedia

è semplicemente perché l’Enciclopedia free ed Open source l’ha oscurata.

Alessandro Orsini video interventi

Ecco uno dei tanti interventi interessanti del Professor Orsini:

Ricevi via mail le news sulla guerra in Ucraina che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice