Bitcoin, previsioni prezzo 2023: conviene investire?

Bitcoin, previsioni prezzo 2023: conviene investire?

Quali sono le previsioni sul prezzo del Bitcoin per il 2023? Come ormai da tradizione ogni fine anno da qualche tempo, gli esperti cercano di fornire le previsioni sulle criptovalute per l’anno successivo.

Al momento della scrittura, il prezzo del Bitcoin si aggira intorno ai 16mila dollari. La Regina delle criptovalute da inizio novembre non riesce a superare quota 20mila dollari ed anzi, è schiacciata sull’attuale prezzo da allora. Ma in generale, non vede quota 30mila dollari ormai da metà dicembre.

Un anno, il 2022, iniziato già male, in coerenza con la tendenza al ribasso dal 2021. A sua volta ereditata dalla parte finale del 2020, quando il Bitcoin stava per toccare quota 70mila dollari. Per poi subire un potente rimbalzo dal quale non si è più ripreso.

Poi, a peggiorare la situazione nell’anno in corso, lo scandalo FTX, con il conseguente arresto del suo Ceo per riciclaggio di denaro. Insomma, moneta nuova, vizi del capitalismo americano vecchi.

Ma torniamo alla domanda iniziale, vediamo qual è la previsione sul prezzo del Bitcoin per il 2023 utilizzando tre riviste specializzate.

Previsioni prezzo Bitcoin 2023: Forbes ritiene che potrebbe andare peggio

Come riporta Forbes, David Kemmerer, CEO di CoinLedger ritiene che

L’inverno delle criptovalute in corso potrebbe durare più a lungo questa volta (…) Ciò è dovuto a fattori macroeconomici: l’inflazione ai massimi da 40 anni, l’aumento dei costi dei prestiti e l’instabilità politica dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina

I doppi venti contrari dell’alta inflazione e degli aumenti dei tassi di interesse della Fed hanno dato un pugno ai mercati azionari e delle criptovalute. Gli asset rischiosi come azioni e criptovalute soffrono quando i tassi di interesse aumentano.

Questo perché i tassi di interesse più elevati risucchiano liquidità dall’economia e gli asset più lontani nello spettro di rischio vengono colpiti più duramente. Lo stesso fenomeno che sta danneggiando le criptovalute sta deprimendo il valore dei titoli tecnologici . Anche Meta (-67%), Netflix (-52%) e persino Apple (-22%) hanno subito il peso maggiore della flessione.

Per rispondere alla domanda su quanto durerà l’inverno delle criptovalute, è necessario capire per quanto tempo l’inflazione elevata manterrà in vigore la posizione di politica monetaria aggressiva della Fed . L’allentamento dell’inflazione e il calo dei tassi sono tra le uniche cose che possono aiutare le criptovalute ora.

Nick Saporano, CEO del fornitore di pagamenti decentralizzati Divi Labs:

L’ultimo mercato ribassista è durato più di due anni. È passato solo un anno da questo momento e il clima macroeconomico è significativamente peggiore. Bitcoin sta chiudendo l’anno a circa $ 16.800, in calo rispetto ai circa $ 19.500 alla vigilia della crisi FTX . Se il contagio continua a riverberarsi dal fallimento di FTX, BTC ha più spazio per cadere.

Anche Cathie Wood, CEO di Ark Invest e nota sostenitrice di Bitcoin, riconosce che le grandi istituzioni finanziarie potrebbero fare un passo indietro rispetto alle criptovalute a breve termine a causa di FTX.

Nonostante abbia mantenuto la sua previsione di BTC di $ 1 milione entro il 2030 in una recente intervista a Bloomberg, Wood ha dichiarato:

L’unica cosa che sarà ritardata è forse che le istituzioni si ritireranno e diranno semplicemente: ‘OK, lo capiamo davvero?

Con la reputazione della criptovaluta gravemente intaccata dalle crisi e dagli scandali del 2022 e dai mercati più ampi che hanno sofferto, un’altra gamba verso il basso fino alla soglia dei $ 10.000 potrebbe non essere così inverosimile per BTC nel 2023.

Gli analisti di JPMorgan Chase & Co. concordano sul fatto che il fondo non è ancora arrivato. La banca vede il minimo di Bitcoin a circa $ 13.000, con “una cascata di chiamate di margine” in tutto il mercato a seguito dei recenti eventi.

Gli strateghi usano anche il costo di produzione di Bitcoin per prevedere fino a che punto i prezzi potrebbero scendere. “Al momento, questo costo di produzione è di $ 15.000, ma è probabile che rivisiti il ​​minimo di $ 13.000 visto durante i mesi estivi“, ha dichiarato il team di JPMorgan in una nota.

Forbes poi parla delle alternative al Bitcoin, che per ora non sono riuscite ad approfittare del crollo del Bitcoin. Anzi. Ethereum ha fatto pure peggio, mentre le altre Altcoin sono crollate di oltre il 90 percento.

Il prestigioso giornale economico infine parla anche della possibilità che nel 2023 potrebbero essere lanciate stablecoin centralizzate da parte di alcuni paesi, come la Turchia o la Cina.

Bitcoin previsioni prezzo 2023: per Cointelegraph scenderà ancora per poi riprendersì a metà anno

Veniamo ora a cosa dice il sito specializzato sulle criptovalute Cointelegraph. La rivista ricorda come a comunità crypto sia divisa sul fatto che il prezzo del token aumenterà o crollerà nell’anno a venire. La maggior parte degli analisti e degli indicatori tecnici suggerisce che potrebbe toccare il fondo tra $ 12.000 e $ 16.000 nei mesi a venire. Ciò è correlato a un ambiente macroeconomico volatile, prezzi delle azioni, inflazione, dati della Federal Reserve e (almeno secondo Elon Musk) una possibile recessione che potrebbe durare fino al 2024.

Dall’altro lato, influencer, massimalisti di BTC e una serie di altri fanatici “shills” sostengono che il suo prezzo potrebbe salire alle stelle fino a $ 80.000 e oltre.

Ci sono prove a sostegno di entrambe le parti. Un problema è che potrebbero guardare orizzonti temporali diversi. È molto probabile che BTC diminuisca bruscamente nei mesi a venire, ma potrebbe aumentare tra la metà e la fine del 2023.

Le corse rialziste di Bitcoin coincidono storicamente con il ciclo di mercato di quattro anni, che include:

  1. l’accumulazione (acquisto)
  2. una tendenza al rialzo
  3. la distribuzione (vendita)
  4. una tendenza al ribasso

Generalmente ci aspetteremmo che la parte di accumulazione di questo processo inizi nel 2023, anche se alcuni ritengono che potrebbe essere ritardata fino al 2024 .

Tuttavia, probabilmente assisteremo a un aumento delle valutazioni a metà del 2023 e ci sono prove a sostegno di questa idea. Secondo Kevin Svenson, potremmo assistere all’inizio di un mercato rialzista intorno ad aprile, quando il mercato ribassista di 80 settimane si concluderà.

La natura deflazionistica di Bitcoin, attraverso i suoi eventi di “halving“, incoraggia anche questi aumenti di prezzo nel tempo. Il prossimo è previsto per aprile 2024. Nonostante le turbolenze del mercato, la natura deflazionistica di Bitcoin si traduce in un apprezzamento del prezzo per gli investitori a lungo termine.

Ed è molto improbabile che Bitcoin raggiunga i $ 100.000 o addirittura ci si avvicini, nonostante tali affermazioni.

Gareth Soloway di InTheMoneyStocks ha indicato che c’è una piccola possibilità che possa persino precipitare a $ 3.500:

Ci sarà un perno in Bitcoin mentre matura mentre la regolamentazione aiuta le persone a sentirsi più sicure… Penso che a breve termine vedremo un piccolo rimbalzo, poi un’ondata da $ 12.000 a $ 13.000, e poi lo farò preoccupati che tu stia andando da $ 10.000 a $ 8.000 forse anche nel peggiore dei casi $ 3.500 percentuale molto piccola, ma sarebbe l’equivalente del crollo di Amazon.com nell’era delle dot com

Se BTC scende a $ 12.000 o meno, potrebbe non essere redditizio per i minatori gestire l’ecosistema. Ciò significherebbe che le transazioni non vengono più elaborate, un problema che potrebbe paralizzare il settore.

Ricordiamo anche che non abbiamo visto alcuna forte correlazione tra i prezzi delle criptovalute e l’adozione di massa, il che non è un modello salutare. I prezzi delle criptovalute sono stati una funzione di quanti soldi – attraverso contratti derivati ​​e altri strumenti finanziari – che gli investitori (principalmente balene e istituzioni) gettano su determinati asset.

Ci sono ancora altre preoccupazioni da affrontare riguardo ai cicli dei prezzi di BTC. Alcuni suggeriscono che questi cicli quadriennali potrebbero non essere più applicabili per vari motivi. Uno è che la maggior parte dei BTC non è l’unico nel blocco, a differenza dei cicli precedenti.

È in competizione con una serie di criptovalute che sono superiori in molti modi, insieme a finanza decentralizzata (DeFi) , GameFi, token non fungibili (NFT), organizzazioni autonome decentralizzate (DAO), startup Web3 e una serie di meccanismi di investimento molto più redditizi. Per essere coinvolti in Web3 e DeFi è necessario acquistare ETH, non BTC. Molti presumono che, poiché le persone diventeranno “più interessate alla DeFi“, BTC aumenterà. Questo è infondato.

Tuttavia, è ancora una delle prime monete verso cui le istituzioni graviteranno quando saranno coinvolte e un nome distintivo nel mondo delle criptovalute. Tutto sommato, è probabile che il prezzo del Bitcoin aumenterà a metà del 2023, anche se assisteremo a un calo nei prossimi mesi.

Il 18 ottobre, più di 38.000 BTC per un valore di 750 milioni di dollari sono stati rimossi dagli scambi di criptovalute ai portafogli privati, segno che le balene si stanno accumulando e conservando per tempi volatili. Le mosse fuori dagli scambi sono generalmente interpretate come indicatori rialzisti.

Robert Kiyosaki, autore di Rich Dad Poor Dad , è rialzista su BTC a causa dell’interesse delle istituzioni e dei piani pensionistici verso la criptovaluta.

La cosa ironica dei massimalisti di BTC è che credono che un crollo dei sistemi esistenti e del dollaro degli Stati Uniti (in particolare) sarebbe vantaggioso per Bitcoin e la più ampia comunità “decentralizzata“. Affermano che un crollo dei governi richiederà un nuovo sistema finanziario, poiché Bitcoin è perfettamente in bilico.

L’idea è che esista una linea nettamente invertita tra il collasso dell’infrastruttura fiat e un aumento del prezzo di BTC, dove maggiore volatilità equivale a maggiori aumenti di prezzo. Quando il mondo crollerà, la comunità decentralizzata semplicemente “riempirà il vuoto“.

Naturalmente, un crollo del petrolio-USD si tradurrebbe in un’impennata dei prezzi dell’energia. Ciò significherebbe anche un ecosistema Bitcoin potenzialmente insostenibile a causa di problemi di mining. Questo è un problema che Ethereum ha affrontato con la sua fusione di settembre, che ha rimosso i minatori dall’equazione e ha comportato una riduzione del 99,99% della sua impronta di carbonio.

E un collasso completo significherebbe anche che le valutazioni del dollaro sono prive di valore. Se si instaura l’iperinflazione, quale valore manterrebbe 1 milione di dollari in BTC se non potesse essere utilizzato per acquistare una pagnotta? La volatilità è solitamente amica di Bitcoin, ma solo fino a un certo punto.

Cointelegraph conclude così: massimalisti di Bitcoin dovrebbero fare attenzione a ciò che desiderano: soddisfare i loro desideri potrebbe significare un disastro per l’USD e Bitcoin con esso. Tradotto in soldoni: il crollo dell’economia tradizionale non favorisce del tutto Bitcoin, ma solo fino ad un certo punto. Se il crollo procede, la curva scende e bitcoin affonda come gli altri. Un po’ quanto già visto nel 2022.

Previsione prezzo Bitcoin 2023: per Cryptonews il peggio è passato, ora comincia l’impennata

Chiudiamo questa panoramica di previsioni con Cryptonews, altro sito specializzato sul tema. Come nota, nonostante l’assenza di notizie significativamente buone per il bitcoin nelle ultime settimane, un buon numero di trader, investitori e analisti ha sostenuto che la criptovaluta originale ha più o meno raggiunto il suo fondo ora.

In effetti, alcuni si attengono anche alle precedenti affermazioni secondo cui BTC supererà il suo massimo storico (di $ 69.044) nel 2023, con il venture capitalist miliardario Tim Draper che si spinge fino a prevedere un nuovo record di $ 250.000 entro la metà del prossimo anno.

Draper ha in realtà considerato da tempo 250.000 dollari come suo obiettivo a medio termine per bitcoin, facendo inizialmente la previsione nell’aprile 2018 , quando suggerì che avrebbe raggiunto un quarto di milione entro il 2022.

Lo stesso 2022 aveva cose diverse da dire sul bitcoin e sul mercato delle criptovalute, quindi Draper ha comprensibilmente dovuto adattare le sue previsioni. Tuttavia, si attiene ancora a $ 250.000 e sostiene che il bitcoin raggiungerà questo livello nonostante le continue ricadute di FTX.

Parlando con CNBC, si aspetta che il 2023 porterà “un volo verso criptovalute di qualità e decentralizzate come il bitcoin, mentre alcune delle altcoin” più deboli” diventeranno “reliquie“.

Non è l’unico ad offrire previsioni positive per BTC nelle ultime settimane. Un altro bitcoin toro di alto profilo ha anche raddoppiato le previsioni precedenti, con Cathie Wood di Ark Invest che ha recentemente confermato che lei e la sua azienda credono ancora che BTC raggiungerà il prezzo enorme di $ 1 milione entro il 2030.

Wood ha detto a Bloomberg:

Pensiamo che il bitcoin stia uscendo da questo [mercato ribassista] profumato come una rosa

Non è l’unico investitore di spicco che ha aspettative molto alte per il bitcoin, con Mike Novogratz di Galaxy Digital che suggerisce che la criptovaluta raggiungerà $ 500.000 in cinque anni . Infatti, Novogratz avrebbe previsto questo stesso livello in un momento precedente se non fosse stato per la Fed ei suoi aumenti dei tassi.

In termini di quando Bitcoin gira effettivamente un angolo e inizia la sua scalata verso tali vette finali, alcuni analisti hanno iniziato a sostenere che ora ha toccato il fondo del mercato ribassista. Ad esempio, il trader e fondatore di Capriole Investments Charles Edwards ha recentemente indicato una varietà di indicatori tecnici che indicano un tale minimo.

Ciò significherebbe che BTC non può davvero scendere ulteriormente e che ora sarebbe davvero un buon momento per iniziare ad acquistare.

Naturalmente, per motivi di equilibrio, è necessario sottolineare che alcune istituzioni finanziarie ritengono che Bitcoin potrebbe continuare il suo recente declino ancora per un po’. Questa è l’opinione di Standard Chartered, ad esempio, che è arrivata al punto di suggerire che BTC non toccherà il fondo finché non raggiungerà i 5.000 dollari.

Esiste una categoria di criptovaluta in cui i trader possono essere praticamente sicuri del fondo. Vale a dire, monete in prevendita, che vengono messe in vendita con un forte sconto e poi quotate negli scambi, dove spesso salgono dai loro bassi punti di partenza.

Anche con tutto quello che è successo quest’anno, alcune delle vendite di token più promettenti sono andate particolarmente bene, registrando guadagni di oltre il 1.000% dopo la quotazione per la prima volta . In effetti, Lucky Block (LBLOCK) è aumentato di oltre il 6.000% rispetto al suo prezzo di prevendita di $ 0,00015 quando è stato quotato a febbraio.

Conviene investire in Bitcoin nel 2023?

Come visto, le previsioni sono diverse e si va dal continuo crollo del prezzo anche nel 2023, ad un crollo iniziale per poi iniziare una risalita a metà anno, fino ad un rialzo che inizierà a breve per raggiungere vette elevate.

Il Bitcoin nella sua pur breve storia ha riservato molte sorprese. Quando sembrava aver spiccato il volo, ha dato via a lunghi tracolli e prezzi schiacciati. Nel 2022 ha però confermato due aspetti:

  1. non è un bene rifugio visto che, malgrado il crollo del mercato azionario, è crollato pure il suo prezzo
  2. continua a guidare l’andamento dei prezzi delle criptovalute, con le altre che si accodano alla sua scia e a nessuna riesce il sorpasso, men che meno avvicinarsi

Neppure successi come il maggior utilizzo di banche ed istituzioni (con El Salvador che l’ha perfino adottata come valuta legale) ha fatto spiccare il volo. Forse qualche scossone potrebbe arrivare dal ritorno su mercati come quello cinese o russo, che ad oggi l’hanno ancora messa al bando. Soprattutto quello della Russia, che dopo il conflitto ucraino ha bisogno di alternative finanziarie. Ma per ora, a parte i soliti rumors, non si vede nulla di concreto all’orizzonte.

Il consiglio è dunque quello di investire sul bitcoin sempre nel breve periodo, approfittando di movimenti singoli e temporanei. Meglio non intestardirsi troppo su una posizione poiché Bitcoin e le altre criptovalute sono volatili e le perdite sono sempre dietro l’angolo.

Ricordarsi infine sempre di investire su piattaforme sicure. Per una guida completa sul Bitcoin, rimandiamo a questo articolo.

Stufo di leggere? Ascolta l’articolo!

Puoi ascoltare l’articolo qui:

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, guest post, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice