La tragedia degli immigranti al confine tra Bielorussia e Polonia

immigrati confine polonia bielorussia

Introduzione

Quanto accade ai confini tra Bielorussia e Polonia, ma anche tra Croazia e Bosnia-Erzegovina è l’ennesima tragedia di un Mondo che sta cadendo a pezzi. Il quale si sta chiudendo di nuovo dietro muri e cortine, agli antipodi di quella Globalizzazione che avrebbe dovuto mescolare le civiltà del Mondo.

Ed invece, ha finito solo per acuire le disuguaglianze sociali, generare nuovi sfruttati, produrre nuovi soggetti costretti a scappare da casa. Vittime di guerre volute da quei pochi che governano il Mondo.

L’Unione europea non ne vuole sapere di loro. E noi ne sappiamo qualcosa. Costretti, in un breve rigurgito di orgoglio nazionale, a chiudere i porti per far sentire la nostra voce. Ed ora siamo tornati ad essere il ripostiglio del vecchio continente, per la fortuna però anche di chi su quei migranti ci specula creando finte cooperative per scopi umanitari.

Sono tornati tutti al potere in quel di Roma. Prima a livello nazionale e poi locale. In un colpo di spugna, l’ennesimo vuoto di memoria di un paese che dimentica in fretta.

Ma torniamo a quanto sta accadendo ad Est dell’Europa. Dove migliaia di immigrati sono trattati come pedine dalla geopolitica.

Cosa sta succedendo tra Polonia e Bielorussa

Il racconto del The Guardian è tanto dettagliato quanto commovente. E ci racconta di uomini in uniformi scure e passamontagna, tutti armati di mazze. Stanno picchiando un gruppo di persone, picchiandoli ripetutamente su braccia, gambe e schiena. Li spingono in un fiume che segna il confine dell’Unione Europea. “Vai“, urlano. “Andare.”

Non è un incidente al confine tra Bielorussia e Polonia, l’ultimo focolaio di migranti al confine dell’UE, e uno che ora domina le notizie. È successo 1.000 miglia a sud, tra la Croazia e la Bosnia-Erzegovina. E succede da mesi, ma con molta meno pubblicità o scrutinio di quello offerto agli eventi in Bielorussia.

Le uniformi indossate dagli uomini in nero al confine tra Croazia e Bosnia non portavano insegne. Un’indagine di un consorzio di giornali, emittenti e ONG europei li ha smascherati come membri di unità speciali di polizia croata e greca. Il loro lavoro? Usare la violenza per costringere i migranti privi di documenti a uscire dall’UE ea entrare in paesi non UE.

Le operazioni sono considerate “respingimenti”, un eufemismo per espulsione illegale e violenta. Succedono lungo tutto il confine sud-orientale dell’UE. Non solo a terra ma anche in mare. Gli uomini delle unità d’élite della guardia costiera greca, ancora una volta tutti vestiti di nero, con passamontagna e senza segni di identità, sequestrano regolarmente i migranti, li mettono su zattere di salvataggio arancioni, fornite dall’UE, li spingono in mare verso la Turchia e li lasciano a il loro destino.

Varsavia ha imposto lo stato di emergenza, negando ai migranti cibo, acqua o assistenza medica
Per contestualizzare gli eventi attuali al confine tra Bielorussia e Polonia, è importante comprendere non solo la natura del governo bielorusso, ma anche la portata più ampia della politica migratoria dell’UE.

La Bielorussia è un regime brutale e spietato, il suo presidente, Alexander Lukashenko, un macellaio le cui forze di sicurezza hanno picchiato tutti i manifestanti fino alla sottomissione e torturato e imprigionato qualsiasi esponente dell’opposizione. L’uso dei migranti da parte di Lukashenko per fare pressione sull’UE ha lasciato circa 2.000 persone prive di documenti intrappolate al confine con la Polonia.

Immigrati al confine tra Polonia e Bielorussia: le colpe non solo solo di Lukashenko

Per quanto odiose siano le azioni di Lukashenko, il disastro umanitario al confine non è semplicemente il risultato delle azioni di una nazione. Anche le forze polacche hanno intrappolato i migranti. Varsavia ha imposto lo stato di emergenza, negando ai migranti cibo, acqua o assistenza medica e negando l’accesso ai giornalisti. Nuove leggi consentono alla polizia di ignorare le richieste di asilo. Ufficialmente, otto persone sono morte a temperature sotto lo zero; la cifra reale è probabilmente molto più alta.

Nel suo discorso sullo stato dell’Unione a settembre, la presidente dell’UE, Ursula von der Leyen, ha condannato il regime di Minsk per aver “strumentalizzato gli esseri umani“, un’affermazione ripresa la scorsa settimana dai delegati statunitensi ed europei alle Nazioni Unite.

È vero che Lukashenko sta usando i migranti come pedine in una cinica manovra diplomatica. Ma “strumentare gli esseri umani” è esattamente ciò che la politica migratoria dell’UE ha praticato negli ultimi tre decenni. La “Fortezza Europa” è stata creata trasformando le persone in strumenti di politica, vedendo i migranti non come esseri umani viventi e respiranti, ma come relitti e relitti da spazzare via dalle spiagge e dai confini europei.

L’Ue foraggia i paesi africani affinché tengano prigionieri i migranti

Per mantenere la fortezza Europa, l’UE ha finanziato un’enorme industria di rapimento e detenzione in tutta l’Africa dall’Atlantico al Mar Rosso, dal Mediterraneo fino al di là del Sahara. Il “processo di Khartoum” è un accordo che l’UE ha stretto con i paesi del nord e dell’est dell’Africa per trattenere i migranti prima che possano raggiungere il Mediterraneo. Gli Stati coinvolti includono Etiopia, Eritrea, Sudan e Sud Sudan, tutti paesi che affrontano guerre civili e carestie di massa.

L’UE ha dato soldi a Omar al-Bashir, l’ex leader del Sudan incriminato dal tribunale penale internazionale per crimini di guerra, e a Isaias Afwerki, il dittatore eritreo la cui cattiveria supera quella di Lukashenko. I Janjaweed, una milizia che ha perseguito la violenza genocida in Darfur, ora si chiama “Forze di supporto rapido” e dà la caccia ai migranti per l’UE piuttosto che ai ribelli per Bashir. Le politiche europee hanno trasformato i migranti in una risorsa da sfruttare

Ancora peggiore è la situazione in Libia, dove l’UE finanzia e addestra unità della guardia costiera il cui compito è catturare e detenere i migranti in fuga sulle barche. Molte sono milizie rinominate per ottenere l’accesso al denaro dell’UE.

Impossibile accertare il numero dei migranti tenuti prigionieri in Libia. In una sola settimana ad ottobre, 5.000 sono stati arrestati e detenuti. Tutti sono imprigionati nelle condizioni più degradanti, molti dei quali sottoposti a torture, abusi sessuali ed estorsioni, pratiche di cui i governi europei sono pienamente consapevoli e di cui sono complici.

Queste prove sono progettate per inviare un messaggio: “questo è ciò che accadrà se verrai in Europa“.
L’UE ha a lungo strumentalizzato le persone utilizzando gli aiuti come arma per far rispettare le sue politiche migratorie. Paesi che acconsentono a detenere chiunque si pensi mirare all’Europa ricevere denaro. Coloro che si rifiutano di accettare i deportati perdono i finanziamenti.

Il Niger è diventato il maggior beneficiario pro capite di aiuti dell’UE, non perché sia ​​la nazione più povera del mondo, ma perché è il “laboratorio migratorio europeo“, in cui le politiche interne sono definite dagli obiettivi migratori dell’UE. La conseguenza è stata un’economia distorta, il fiorire di gruppi armati e l’introduzione di controlli alle frontiere sui locali nel proprio paese, perché l’Europa lo richiede.

Nel frattempo, in Europa, i migranti privi di documenti vengono trattati come criminali feroci, persino assassini di massa. In Grecia la scorsa settimana è iniziato il processo a due sopravvissuti a un’imbarcazione che si è capovolta nell’Egeo. I due erano tra le 24 persone in fuga dall’Afghanistan. Uno, N, ha perso il figlio di sei anni nel disastro. L’altro ha aiutato a governare la barca nel disperato tentativo di salvarla. N è accusato di “aver messo in pericolo la vita di suo figlio” e rischia 10 anni di carcere. Hasan potrebbe essere condannato a 230 anni per il “trasporto di 24 persone in territorio greco”. All’inizio di quest’anno, un altro migrante ha ricevuto una condanna a 142 anni in circostanze simili.

Questi non sono processi per esigere giustizia. Sono progettati esclusivamente per inviare un messaggio: “questo è ciò che accadrà se verrai in Europa“. Tanto quanto Lukashenko, l’UE sfrutta le persone come strumenti per perseguire una politica crudele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice