Covid ‘strano’ in Africa: ha ucciso politici contro vaccini e OMS

Covid ‘strano’ in Africa: ha ucciso politici contro vaccini e OMS

Tanti i presidenti o i ministri di vari dell’Africa che sono stranamente morti di Covid, tutte persone oppostesi ai vaccini e ai lockdown.

In Africa il Covid-19 ha ucciso le persone in modo selettivo. Partendo dal presupposto che la Pandemia nel “continente nero” non abbia di fatto sfondato come altrove, tra teorie varie ed eventuali (il clima più caldo, il DNA della popolazione locale, età media più bassa ecc.), tra quei pochi morti di Covid ci ritroviamo stranamente politici scomodi per il sistema.

Politici morti in Africa contrari a vaccini e Oms

Maurizio Blondet ha ricostruito le varie morti sospette di Covid in Africa. Partiamo dal presidente del Burundi Pierre Nkurunziza, morto poche settimane dopo aver espulso i rappresentanti dell’OMS nel 2020, a soli 55 anni. Poi toccò al primo ministro di Eswatini Ambrose Mandvulo Dlamini, morto a fine 2020 a soli 52 anni.

Il 2021 si apre sulla falsariga del 2020 per i politici africani anti-sistema: il ministro dei Servizi Pubblici di Eswatini Ntshangase Christian è morto a gennaio 2021 a 60 anni, seguito nello stesso mese dal ministro del Lavoro di Eswatini Makhosi Vilakati, che aveva solo 45 anni.

Magicamente, dopo che il governo di Eswatini autorizzò la vaccinazione generale, nell’aprile 2021, non si è più registrato alcun morto fra i politici. Mentre iniziarono i morti fra la popolazione di “coincidenze”, le solite legate ai vaccini.

Anche in Malawi, gennaio 2021 è stato particolarmente drammatico: il ministro dei Trasporti del Malawi Sidik Mia è morto a soli 55 anni. Così come il ministro del Governo Locale del Malawi Lingson Belekanyama. E anche qui, da quando il governo ha autorizzato l’uso dei vaccini covid (marzo 2021), nessun politico è più morto.

La lista è comunque molto lunga:

  • il ministro per la Presidenza del Sud Africa Jackson Mphikwa Mthembu morì a gennaio 2021 a 62 anni;
  • il ministro della Giustizia della Tanzania morì a maggio 2020. Sempre in Tanzania, il presidente Johm Magufuli morì a marzo 2021 a 61 anni. Fu quello che ebbe il coraggio di mostrare i test positivi fatti ad una capra ed una papaya. Fu succeduto da Magufuli, il quale, forse imposto dallo stesso NOM, guarda caso allineò il paese alla vaccinazione e ai lockdown imperanti altrove.

Neppure i reali sono stati risparmiati…

Proseguiamo con l’elenco:

  1. il vice presidente dello Zanzibar Maalim Seif Sharif Hamad morì a febbraio 2021;
  2. il ministro dell’Agricoltura dello Zimbawe Perrance Shiri morì a luglio 2020;
  3. il ministro degli Affari Esteri dello Zimbawe Sibuso Moyo morì a gennaio 2021 a 60 anni;
  4. il Ministro dei Trasporti dello Zimbawe Joel Matiza morì a gennaio 2021 a 60 anni;
  5. il Primo Ministro della Costa d’Avorio morì a marzo 2021 a 56 anni.

Neppure i reali sono stati risparmiati da questa logica: la Regina del Sud Africa ed il Re degli Zulu (fratello e sorella) morirono nel luglio 2020 e marzo 2021.

Ricevi via mail le news che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Carlo Brigante

Mi definisco un "ribelle" del web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti