Covid-19 in Africa: 4 motivi per cui ha attecchito meno

Covid-19 in Africa: 4 motivi per cui ha attecchito meno

Data ultimo aggiornamento: 13 Gennaio 2022

Introduzione

Qual è la situazione Covid-19 in Africa? Il Continente nero, si sa, è molto complesso e disomogeneo. Agli estremi ci sono i paesi economicamente più progrediti (paesi del Nord e Sudafrica), al centro si concentra la situazione più difficile. Tra deserti, carestie e guerre civili, fomentate anche dagli occidentali da tempo.

Nel complesso, comunque, sembra che in Africa il Covid-19 abbia attecchito meno. Uno studio pubblicato su Global Health: Science and Practice, ha individuato 4 motivi principali di questo fenomeno.

Vediamoli di seguito.

Situazione Covid-19 in Africa

Lo studio, consultabile qui, individua i seguenti 4 motivi.

Popolazione più giovane

Gli stati africani, a differenza di quelli europei, americani e asiatici, hanno una età media della popolazione molto più bassa.

Prendiamo ad esempio l’Uganda: l’età media dei circa 48 milioni di abitanti è di 16,7 anni, e appena il 2% ha oltre 65 anni. In Italia (dove gli abitanti sono circa 60 milioni) 23 persone su 100 hanno più di 65 anni e l’età media è di 47,3 anni.

Questa differenza si nota anche guardando al numero di contagi e morti: in Italia siamo a quota 4,5 milioni di casi da inizio pandemia, e 129.000 decessi; in Uganda, gli infetti totali non arrivano a 100.000 e i morti a 3.000.

Non è un mistero che i decessi si registrino principalmente nelle fasce più alte di età. Anzi, secondo l’ISS, nel 97 percento dei casi a morire sono persone con diverse patologie pregresse.

Non ci sono RSA

Un ruolo importante l’avrebbe giocato anche il fatto che nella maggior parte dei Paesi dell’Africa non esistono case di riposo, a esclusione del Sudafrica: qui infatti il 33% dei focolai è avvenuto proprio in strutture di questo tipo, dove i contagi corrono veloci e gli ospiti si ammalano con facilità.

Nella maggior parte degli stati africani la cura degli anziani è lasciata alle famiglie, e questo potrebbe aver aiutato a proteggere le fasce di popolazione più deboli dal virus.

Sappiamo invece bene quanto in Italia proprio nelle RSA si siano consumate delle autentiche stragi.

Africani già dotati di anticorpi

Un’altra ipotesi è che gli africani avessero già sviluppato anticorpi contro coronavirus di altro tipo, e che questo li abbia aiutati a difendersi anche dal SARS-CoV-2: nelle aree rurali dell’Africa, i contatti tra pipistrelli (grandi portatori di coronavirus) e umani sono all’ordine del giorno.

Misure preventive

I governi di 40 stati africani hanno disposto l’immediata sospensione dei voli dalla Cina e la chiusura dei confini. Il che potrebbe aver aiutato a frenare l’avanzata della covid, facendo guadagnare a quei Paesi tempo prezioso.

Ricevi via mail le news che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice