CHEF: come si diventa, quanto guadagna e se conviene

CHEF: come si diventa, quanto guadagna e se conviene

Come diventare uno Chef? Lo vediamo di seguito, insieme a quanto guadagna in Italia e nel Mondo, se conviene davvero esserlo.

Come diventare uno Chef? Grazie ai tanti programmi di cucina in Tv, ai Social che hanno fatto sorgere tanti Food blogger e alla crisi di tante professioni che non offrono più sbocchi, negli ultimi anni in molti si stanno interessando al mestiere di Chef. Ovvero, di cuoco ma con mansioni più specializzate e gestionali in cucina.

Le domande che si pone chi vuole diventare uno Chef sono diverse e di seguito cercheremo di dare le risposte utili.

🧑‍🍳 Cosa fa uno Chef

Come spiega Unicusano, uno Chef non si limita solo a cucinare, ma elabora sempre nuove ricette per soddisfare la clientela, tenendo conto delle nuove tendenze, la voglia di mantenere le tradizioni, le esigenze locali. Non solo, generalmente dirige anche la preparazione dando disposizioni a collaboratori. Inoltre, gestisce anche l’inventario della cucina, affinché ci siano tutti gli ingredienti necessari.

In realtà, le mansioni dipendono dal tipo di specializzazione che ha. Ci sono vari tipi di Chef in base alle responsabilità:

  • Chef saucier
  • Chef garde-manger
  • Chef poissonier
  • ecc.

Dunque, oltre al saper cucinare in senso stretto, bisogna avere anche una importante cultura culinaria delle varie tradizioni locali, ma anche creatività e inventiva, oltre che doti gestionali.

Uno chef può lavorare in ristoranti, hotel, navi da crociera, al servizio di reali o milionari, ecc.

Esistono tantissimi tipi di Chef. Su Wikipedia c’è un lungo elenco con le varie descrizioni, tant’è che si parla di “Brigata di cucina“.

👨‍🍳 Differenza tra Chef e Cuoco

Quali sono le differenze tra Chef e Cuoco? Sebbene Chef e Cuoco siano pensati da molti come sinonimi, in realtà hanno competenze e mansioni differenti. Lo chef è un profilo qualificato, competente in tutti gli aspetti che riguardano la preparazione dei piatti, la gestione degli ingredienti e degli utensili, nonché il coordinamento del team che lo coadiuva. Rispetto al cuoco vanta una maggiore esperienza sul campo. Il cuoco, invece, è colui che prepara materialmente i piatti ricevendo le direttive dallo chef o il responsabile della cucina di piccole realtà, come trattorie a conduzione familiare, pub, pizzerie, ecc.

Ovviamente, la demarcazione della differenza tra cuoco e chef varia in base al contesto in cui opera. Tende a diventare maggiore più grande e complesso è il contesto nel quale operano. Un ristorante di medie dimensioni è cosa ben diversa da un Hotel 5 stelle, per dirne una.

👩‍🍳 Come si diventa Chef

Cosa fare per diventare Chef? Sicuramente una lunga gavetta può aiutare, iniziando da giovanissimi, appena finita la scuola dell’obbligo e senza titoli specializzati.

Tuttavia, ormai, la strada principale è quella di acquisire un titolo, come l’iscrizione all’istituto professionale alberghiero, che dopo i tre anni fornisce la qualifica di operatore di cucina di servizi di sala e di bar. E dopo un ulteriore biennio il diploma di tecnico dei servizi di ristorazione. Dopodiché, in genere sono gli istituti stessi a indirizzare i neodiplomati presso le strutture e queste ultime a richiederle agli istituti.

L’alberghiero come tipo di istituto è nato circa una trentina di anni fa e ormai si trovano in tutte le principali città italiane.

Al di là dell’istituto alberghiero, in Italia ci sono tantissimi corsi e master che permettono di acquisire la qualifica di chef. Come detto, ci sono tanti livelli e dipende anche dalle proprie aspirazioni e, ovviamente, dalle proprie possibilità economiche di proseguire studi sul campo.

🤑 Quanto guadagna uno Chef

Quanto guadagna uno chef? Come riporta Indeed, dipende da molteplici fattori. Per esempio:

  1. le mansioni che si è chiamati a svolgere;
  2. la struttura in cui si lavora;
  3. la propria esperienza;
  4. la località.

Sebbene non sia facile stimare delle cifre precise, si va dai 900 euro netti ai circa 7mila euro al mese. Tuttavia, se si lavora per certi contesti particolari – si pensi allo chef personale di un petroliere arabo o di un reale – si può andare anche oltre.

💸 In Italia

Lo stipendio medio di uno chef in Italia ammonta a circa 1.850 € netti al mese per circa 35.500 € lordi all’anno. Il che significa che guadagna circa 300 € in più rispetto ad altre professioni in Italia. Nello specifico, dipende comunque dalla località, dalla struttura, dalla propria esperienza, ecc. Fare lo chef in un ristorante importante del centro di Milano non è lo stesso di lavorare in un piccolo ristorante situato in un comune della provincia di Isernia, per dirne una.

🥞 Conviene fare lo Chef?

Ovviamente dipende. Dalle proprie ambizioni, dalla propria passione per la cucina, dalla voglia di crescere e mettersi in gioco puntando sempre più in alto. Naturalmente anche dalle proprie possibilità, di acquisire dei titoli specifici o di fare esperienze lontano da casa.

Non resta che farsi due calcoli, parlare con se stessi e tirare le somme. Uno Chef può guadagnare anche tantissimo, diventare perfino una Star della tv. Tutto dipende da se stessi ma anche, ovviamente, dalla fortuna.

Qui abbiamo descritto come lavorare in Svizzera.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti