Perché il Caprone è il simbolo del Diavolo? Le inquietanti origini

Perché il Caprone è il simbolo del Diavolo? Le inquietanti origini

Perché il caprone è il simbolo del diavolo? In effetti l’associazione è alquanto singolare, eppure esiste. E, oltre ad un simbolo esoterico, il caprone è diventato nel corso dei secoli anche un simbolo massonico.

Si ricorderà per esempio il premio che l’allora Premier Mario Draghi a fine settembre di quest’anno ha ricevuto da parte della “Appeal of Conscience Foundation“, al Perrine Hotel di New York. Come riporta Wikipedia, fondata dal rabbino Arthur Schneier nel 1965, l’Appeal of Conscience Foundation è una partnership interreligiosa di leader corporativi e spirituali di tutte le fedi che si uniscono per promuovere “pace, tolleranza e risoluzione dei conflitti etnici“.

Contestualmente, Draghi ha incassato il ringraziamento «per la sua leadership» dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Oltre alla “Laudatio” dell’ex segretario di Stato Usa Henry Kissinger. Che lo ha applaudito «per la sua capacità di analisi e il suo coraggio».

Il che è già inquietante di per sé, se non fosse che il riconoscimento di cui sopra ha come simbolo un animale che rievoca significati a sua volta alquanto inquietanti.

Perché il caprone simboleggia il Diavolo

Il World Statesman Award dell’Appeal of Conscience Foundation ha come simbolo le corna di un caprone, che quasi la consegna a Draghi faceva ridere. E forse per questo Super Mario sorrideva.

Il caprone ha però un significato esoterico inquietante. Come spiega Monster movie Italia, nel Medioevo si credeva che il caprone fosse in grado di respirare con le orecchie, di vedere bene sia al buio che con la luce e di possedere denti velenosi e nocivi per alcune piante.

Ciò che rende però il caprone un animale peccaminoso è il suo sangue molto caldo, la sua puzza e il suo essere lussurioso, portato dal suo sangue caldo a ricercare un sempre maggior piacere carnale e incapace di qualsiasi controllo, di fermarsi o contenersi. Ecco quindi che il caprone divenne il simbolo di uomini e donne schiavi dei piaceri della carne.

La sua lussuria deformerebbe il suo sguardo, che di fatto non è dritto ma obliquo. E proprio questa obliquità è vista negativamente nel Medioevo, dove tutto ciò che non è “retto” era considerato come deviante e quindi da condannare. La lontananza dalla rettitudine vuol dire cedere alla lusinghe del Diavolo e infatti verso l’anno Mille il termine obliquus è associato all’aggettivo diabolicus.

Ma cosa c’entra il caprone col diavolo? Questa associazione ha la sua origine nella stregoneria basso-medievale, quando quest’ultima viene associata al satanismo stesso. Con il Basso Medioevo, la stregoneria inizia a definirsi maggiormente nei trattati ecclesiastici e nelle carte degli inquisitori; si inizia a parlare di Sabba, ossia riunioni orgiastiche tra streghe (e stregoni) con i demoni e con il Diavolo, dove si diceva si sarebbero compiuti atti di cannibalismo e infanticidio. Proprio la frenesia sessuale tipica del Sabba (e delle capre) e la crescente presenza del Diavolo portarono all’accostamento del caprone come incarnazione del Diavolo.
La stregoneria venne però condannata dalla Chiesa solo verso la fine del Medioevo, con una data precisa: il 1484. Anno in cui papa Innocenzo VIII emanò la bolla Summis Desiderantes Affectibus con cui si paragonava la stregoneria all’apostasia (rifiuto di Cristo) e quindi condannabile come eresia. Utilizzando tutti gli strumenti violenti del periodo, tra cui anche il rogo.

Con l’arrivo della Storia Moderna, si finì per tramandare questa credenza, arrivando a ritenere che il caprone fosse l’animale servo del Diavolo per antonomasia. O perfino che rappresentasse, nella forma della sua testa, proprio Satana. Non a caso, a partire dal 1500 furono prodotte tante raffigurazioni in merito.

Caprone e Diavolo: cos’è Bafometto

Come poi riporta Wikipedia, importante è anche la figura di Baphomet, in italiano Bafometto. Che fa la sua prima apparizione per il fatto che ad idolatrarlo fossero i cavalieri Templari come simbolo pagano. Ricorrente nella letteratura occultista del XIX secolo, ne esistono varie descrizioni ed iconografie, tra cui la più importante è forse l’illustrazione di Eliphas Lévi, che lo ha associato alla figura di Satana. Sebbene non manchino diverse interpretazioni di questa figura, anche positive e contrarie.

Cosa significa il simbolo del premio World Statesman Award dell’Appeal of Conscience Foundation

Orbene, se il premio conferito a Draghi del World Statesman Award da parte dell’Appeal of Conscience Foundation non abbia significati satanici, probabilmente potrebbe averne di tipo massonico. Una sorta di riconoscimento per l’appartenenza ad un ordine mondiale e a una simbologia del potere. Del resto, il caprone viene spesso viene utilizzato come simbolo della massoneria.

Ne parlano anche Massimo Mazzucco, Roberto Quaglia e Margherita Furlan come potete vedere di seguito:

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Vito Andolini

Appassionato di geopolitica e politica nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti