Il freddo estremo mette KO decine di Tesla: altri dubbi sulle auto elettriche

Il freddo estremo mette KO decine di Tesla: altri dubbi sulle auto elettriche

A Chicago decine di Tesla che costano intorno ai 40 milioni di dollari sono rimaste ferme complici i -18° che sferzano la città.

Il freddo estremo che sta sferzando gli Stati Uniti, con temperature anche oltre i -20 gradi, porta diversi spunti di riflessione non solo sulla questione del surriscaldamento globale, ma anche sulla reale utilità ed efficacia delle auto elettriche. Visto che a Chicago, dove le temperature hanno toccato i -18°, decine di auto elettriche Tesla sono rimaste ferme. Con i proprietari costretti a lasciarle per strada e rimanere a piedi.

A Chicago un freddo così non si vedeva dal 1996. Sono stati inviati carri attrezzi per spostare i veicoli, mentre lunghe code si sono create alle stazioni di ricarica.

Dunque, le auto elettriche non solo sono inutilizzabili in caso di pioggia battente e strade allagate (ne abbiamo parlato qui), ma anche in caso di freddo estremo. Ma l’Agenda 2030 vorrebbe vederci tutti su questa tipologia di veicoli…

Perché le Auto Tesla sono rimaste ferme a Chicago

Come riporta ADNKronos, si tratta peraltro di auto elettriche costose e non certo modelli di fascia bassa (che poi su questa tipologia costerebbero comunque oltre i 15mila euro). Infatti, si tratta di modelli che costano più di 38.990 dollari l’uno.

Qual è la causa di questa disfunzione? La stagione fredda può consumare una maggiore quantità di energia della batteria perché è necessaria per riscaldare l’auto e alimentare il motore. Le auto Tesla prevedono che i conducenti ricevano un avviso tramite un’icona blu con un fiocco di neve sul quadro strumenti del loro veicolo.

Inoltre, col freddo estremo non si riesce a caricare affatto le auto, con persone che hanno testimoniato di averci provato per oltre 5 ore.

Due spunti di riflessione

E pensare che le Tesla domina il mercato statunitense delle auto elettriche, rappresentando il 55% dei veicoli elettrici venduti lo scorso anno. In totale, sarebbero oltre 3 milioni i veicoli elettrici sulle strade americane (sebbene parliamo di una popolazione di 135 milioni di abitanti), servite da 135.000 stazioni di ricarica pubbliche in tutto il Paese.

Ma c’è un’altra questione: l’amministrazione di Joe Biden vuole che la metà di tutti i nuovi veicoli siano elettrici entro il 2030. L’Unione europea sembra invece essersi ravveduta, cercando di spostare più in là la diffusione delle auto elettriche. Ma la strada è segnata.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Valeria Marano

Appassionata di Gossip e curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti