A SALERNO IL PdL CANDIDERA’ UNA TRANS PER LE PROVINCIALI

Quello del Popolo delle Libertà alle elezioni provinciali di Salerno, è un atto politico dal forte significato ideologico, che segnerà, forse, una svolta all’interno del centro-destra, o forse, resterà un evento isolato: candiderà un trans come consigliere, a sostegno di Edmondo Cirielli, deputato di An e presidente della Commissione difesa della Camera, candidato Presidente.
Si tratta di Martina Castellano, all’anagrafe Michele, dermatologa dell’ASL SA2 (in cui ha avuto anche esperienze manageriali) e transgender, scelta da AN; una candidatura che non nasconde di averla lasciata sorpresa, proprio perché è arrivata da un partito che spesso ha lasciato dichiarazioni non proprio benevoli nei confronti di gay o trans, o comunque si è mostrato sempre in sede Parlamentare, riluttante nel riconoscere i diritti di trans, gay e lesbiche; e perché in fondo, un occhio di riguardo verso tematiche più vicine a categorie sessuali “non convenzionali”, è sempre stato tenuto storicamente a sinistra (dal ’68 fino all’elezione di una trans in Parlamento nelle file di Rifondazione comunista del 2006).

La Castellano dice di ammirare la Carfagna, che a suo dire, ha una grande onestà intellettuale; ma anche Nichi Vendola, e spera di incontrare Berlusconi, sicura che del fatto che il Cavaliere ha delle idee emancipate a riguardo.
Chissà forse la candidatura della Castellano è stata pensata per meri calcoli politici, così da attirare un po’ di voti di chi viene ancora emarginato dalla politica su certe tematiche; o forse davvero si tratta di una scelta che apre una speranza di vedere, anche all’interno del centro-destra, un dibattito e un riconoscimento dei diritti di chi oggi viene ancora etichettato come un “diverso”.
/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice