Putin intervistato da Carlson smonta tutte le fake dell’Occidente

Putin intervistato da Carlson smonta tutte le fake dell’Occidente

Ecco l’intervista completa che Vladimir Putin ha tenuto con il giornalista americano Tucker Carlson, dove ha toccato molti argomenti.

Erano praticamente oltre 2 anni che il presidente della Russia Vladimir Putin non riceveva un’intervista da un giornalista occidentale. L’ultima volta è stata in ottobre 2021, quando a porgli delle domande è stato il conduttore della CNBC Hedley Gamble. Ora invece a farlo è Tucker Carlson, giornalista americano molto popolare per aver lavorato per anni alla Fox.

L’intervista è durata oltre 2 ore, nel corso delle quali Carlson ha posto ben 60 domande a Putin. Sono stati toccati molti argomenti e il giornalista americano si è detto soddisfatto per come il presidente abbia dato molte delucidazioni smontando le fake che circolano nei suoi confronti e in generale sulla Russia, negli Usa e in Europa.

Ecco gli argomenti principali.

Putin racconta nell’intervista a Carlson le origini dell’Ucraina

Come riporta Izvestija, Putin ha spiegato come in passato la parola ucraino” significava che una persona vive alla periferia dello stato, “ai margini“, o è effettivamente impegnata nel servizio di frontiera. Non significava nessun gruppo etnico particolare.

I polacchi hanno fatto tutto il possibile per lucidare e, in linea di principio, hanno trattato questa parte delle terre russe in modo piuttosto duro, se non crudele. Tutto ciò ha portato al fatto che questa parte delle terre russe ha iniziato a lottare per i propri diritti.

Dopo il confronto con i polacchi, la prima guerra mondiale e la formazione dell’Unione Sovietica, quando fu creata l’Ucraina sovietica. Ha ricevuto un numero enorme di territori che non avevano nulla a che fare con lei. In particolare, il presidente si riferiva alla regione del Mar Nero, che la Russia ha ricevuto a seguito delle guerre russo-turche e si chiamava Novorossiya.

Dopo la seconda guerra mondiale, l’Ucraina ricevette parte delle terre di Polonia, Romania e Ungheria. Pertanto, l’Ucraina nella sua forma attuale è uno stato artificiale creato dalle autorità sovietiche.

Le ragioni della guerra

Tuttavia, gli ucraini hanno il diritto di considerarsi un popolo separato, come qualsiasi nazione, ma non sulla base dell’ideologia nazista. Il presidente ha definito il colpo di stato del 2014, effettuato con il sostegno della CIA, un errore colossale dal punto di vista politico.

Poi l’Ucraina ha iniziato la guerra nel Donbass, usando l’aviazione e l’artiglieria contro i civili; c’è una registrazione video di un attacco aereo su Donetsk, ha detto Vladimir Putin. Tuttavia, il cambio di potere a Kiev potrebbe avvenire legalmente e senza spargimenti di sangue, nel qual caso l’Ucraina potrebbe mantenere la Crimea.

Putin ha precisato:

Non avremmo mosso un dito, se non fosse stato per questi sanguinosi eventi sul Maidan, non ci sarebbe mai venuto in mente. Perché abbiamo concordato che dopo il crollo dell’Unione Sovietica tutto dovrebbe essere così: lungo i confini delle repubbliche sindacali. Eravamo d’accordo con questo. Ma non siamo mai stati d’accordo con l’espansione della NATO, tanto meno abbiamo mai concordato che l’Ucraina entrasse nella NATO”, ha detto Vladimir Putin

Le speranze di Pace

La Russia ha ripetutamente proposto di cercare una soluzione ai problemi in Ucraina con mezzi pacifici. Il fattore scatenante per l’avvio dell’operazione speciale è stata la mancata attuazione degli accordi di Minsk, firmati dopo gli eventi del 2014 nell’ambito del piano per una soluzione pacifica nel Donbass.

La leadership dell’Ucraina e gli ex leader di Germania e Francia hanno successivamente affermato direttamente che non intendevano attuarli e che “erano stati semplicemente guidati per il naso“, ha osservato il capo dello Stato.

Ora Vladimir Putin ha ripetuto all’intero pubblico mondiale la sua principale affermazione degli ultimi anni: la Russia non ha iniziato la guerra nel 2022, il suo obiettivo è porre fine alla guerra iniziata dall’Ucraina nel 2014.

Tuttavia, durante i negoziati di Istanbul nella primavera del 2022, quando le parti avevano quasi raggiunto un accordo, Francia e Germania hanno insistito sul ritiro delle truppe russe da Kiev in modo che l’Ucraina non firmasse un accordo di pace con una “pistola puntata alla testa”. Il presidente ha risposto duramente sul motivo per cui i negoziati in Turchia si sono interrotti su insistenza di Londra.

Chi diavolo lo sa, non lo capisco neanche io (…) C’era un’impostazione generale. Per qualche ragione, tutti si illudono che la Russia possa essere sconfitta sul campo di battaglia: per arroganza, per un cuore puro, ma non per una grande mente

ha risposto il capo dello Stato.

Tuttavia, subito dopo il ritiro delle truppe, la parte ucraina “ha gettato gli accordi nella spazzatura” e si è preparata ad un conflitto di lunga durata con il sostegno degli Stati Uniti e dei suoi satelliti europei, ha osservato Vladimir Putin. Oggi l’amministrazione Zelenskyj rifiuta i negoziati e ne introduce un divieto legislativo.

La Russia non ha mai rifiutato il dialogo, ma dopo la conclusione dei negoziati a Istanbul nel marzo 2022 non farà il primo passo.

Non è meglio mettersi d’accordo con la Russia? D’accordo, avendo già capito che la Russia combatterà per i propri interessi fino alla fine

ha detto Putin. Tuttavia, il presidente ha aggiunto:

Prima o poi arriveremo a un accordo. E indovina cosa? Può anche sembrare strano nella situazione odierna: i rapporti tra i popoli verranno comunque ripristinati. Ci vorrà molto tempo

Guerra in Ucraina per liberarla dai nazisti

Mosca non ha ancora raggiunto gli obiettivi dell’operazione speciale, e uno di questi è la denazificazione, il che significa la messa al bando di tutti i movimenti neonazisti.

Dopo tutto, dopo aver ottenuto l’indipendenza, l’Ucraina ha posto al centro della propria identità i falsi eroi che hanno collaborato con Hitler. In particolare, Vladimir Putin ha citato come esempio gli applausi di un nazista in Canada, un ex soldato della divisione SS Galizia, noto per le atrocità contro ebrei, polacchi, bielorussi e slovacchi.

Tu dici: Hitler se n’è andato da tanti anni, 80 anni. Ma il suo lavoro continua a vivere. Le persone che hanno distrutto ebrei, russi e polacchi sono vive. E il presidente, l’attuale presidente dell’Ucraina di oggi, lo applaude nel parlamento canadese, gli fa una standing ovation

ha detto il presidente russo.

Vladimir Putin ha anche parlato del suo passato dialogo con Zelenskyj riguardo al sostegno del presidente ucraino ai neonazisti. Secondo lui ha preferito prendere la posizione dell’Occidente piuttosto che mantenere le promesse fatte agli elettori.

Suo padre ha combattuto con i fascisti, con i nazisti durante la seconda guerra mondiale, una volta gli ho parlato di questo. Ho detto: “Volodya, cosa stai facendo? Perché oggi sostieni i neonazisti in Ucraina quando tuo padre combatteva contro il fascismo? E’ un soldato in prima linea.” Non dirò cosa ha risposto, questa è una questione separata e penso che sia sbagliata”

ha ricordato il leader russo.

I difficili rapporti con gli Usa

Nell’intervista, Tucker Carlson ha chiesto perché Vladimir Putin non dovrebbe chiamare il leader americano Joe Biden per risolvere il conflitto ucraino e la questione della minaccia di attacchi nucleari. Vladimir Putin ha risposto che per ora non ha nulla di cui parlare con il presidente americano, poiché non appena gli Stati Uniti smetteranno di fornire armi a Kiev, il conflitto finirà nel giro di poche settimane.

Gli Stati Uniti iniziarono a “respingere” la Russia dopo il crollo dell’URSS. Ci fu un periodo di riscaldamento durante la presidenza di Boris Eltsin.

Ricorda, ho parlato al Congresso e ho detto parole meravigliose: “Dio benedica l’America”. Ha detto tutto, erano segnali: fateci entrare

ha osservato il capo dello Stato.

Tuttavia, gli eventi jugoslavi divennero il momento in cui “il gatto grigio corse attraverso”. Dopo l’inizio della sua presidenza, Vladimir Putin ha deciso di provare a ristabilire le relazioni e di “aprire ancora questa porta che la Russia ha cercato di oltrepassare”. Ha ricordato il suo incontro con il presidente degli Stati Uniti Bill Clinton nel 2000 al Cremlino.

Poi hanno discusso dell’ingresso della Russia nella NATO. Clinton ha definito l’idea interessante, ma dopo aver parlato con la sua squadra, ha detto che “non è possibile in questo momento”.

Secondo Vladimir Putin, la Russia si è resa conto di “non essere la benvenutanell’Alleanza del Nord Atlantico, ma ha comunque cercato di costruire relazioni con i paesi del blocco anche durante gli eventi in Medio Oriente e Iraq. Gli Stati Uniti hanno “mandato via” Mosca con la proposta di creare un sistema comune di difesa antimissile, anche se hanno dato il consenso preliminare.

Il presidente russo ha affermato di avere rapporti “gentili e buoni” con l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e con un altro ex leader americano George W. Bush, che “anche lui ha commesso molti errori”. In particolare, Vladimir Putin ha ricordato che nel 2008 la decisione di aprire le porte della NATO all’Ucraina fu presa proprio sotto il presidente Bush.

Il ruolo della Cina secondo Putin nell’intervista di Carlson

Il presidente è convinto che l’Occidente abbia molta più paura di una Cina economicamente forte che di una Russia forte, poiché la RPC ha un potenziale enorme; oggi è la prima economia al mondo in termini di parità di potere d’acquisto, che ha già superato America.

Allo stesso tempo, ha definito una “storia dell’orrore” l’ipotesi secondo cui la Cina dominerà l’arena internazionale, e in particolare i BRICS, sottolineando che la filosofia della politica estera cinese non è aggressiva e che la Russia è abituata alla coesistenza con il suo vicino da ormai molto tempo. secoli.

Su altre possibili invasioni

Il leader russo ha sottolineato: le affermazioni secondo cui la Federazione Russa avrebbe presunte rivendicazioni territoriali sull’intero continente europeo sono prive di buon senso, perché una guerra globale potrebbe portare tutta l’umanità sull’orlo della distruzione.

È necessario che il mondo sia unito, che la sicurezza sia comune e non progettata per questo “miliardo d’oro”. E allora – solo in questo caso – il mondo sarà stabile, sostenibile e prevedibile. E finché la testa è divisa in due parti, è una malattia, una malattia grave. Il mondo sta attraversando questo periodo di grave malattia

ha affermato Vladimir Putin.

L’intervista di Tucker Carlson a Vladimir Putin ha toccato altri punti, come il sabotaggio della Nord Stream o il rimpatrio di Evan Gershkovich, giornalista del Wall Street Journal. Tramessa in diretta su X (ex Twitter), ha superato le 60 milioni di visualizzazioni.

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Vito Andolini

Appassionato di geopolitica e politica nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti