La crisi nel Mar rosso porterà un nuovo rialzo dei prezzi? I rischi

La crisi nel Mar rosso porterà un nuovo rialzo dei prezzi? I rischi

La guerra nel mar rosso causata dagli attacchi dei ribelli Houthi dello Yemen hanno causato preoccupazioni in Europa sull’aumento dei prezzi.

Gli attacchi dei ribelli Houthi dello Yemen alle navi nel Mar Rosso e nello stretto di Bab al-Mandeb hanno causato preoccupazioni in Europa e in altre parti del mondo. Gli economisti temono ulteriori interruzioni delle catene di approvvigionamento e la chiusura di una delle arterie commerciali più importanti del mondo, che potrebbero portare a una nuova impennata dell’inflazione.

Il nuovo conflitto israelo-palestinese sta riportando alla mente quanto accaduto nel 1973, quando i paesi arabi dell’OPEC in circostanze simili imposero l’embargo dell’esportazione del petrolio, mettendo in ginocchio le economie occidentali. Di fatto mai più ripresisi e da lì spesso soggette a recessione.

In particolare, preoccupa l’ingresso in guerra degli Houthi, che controllano gran parte dello Yemen, i cui attacchi alle navi nel Mar Rosso e nello stretto di Bab al-Mandeb, che collega questo mare con l’Oceano Indiano, hanno provocato una reazione nervosa tra gli armatori e provocato un’operazione militare da parte di una coalizione composta principalmente da paesi occidentali.

La crisi nel Mar rosso: prezzo del gas già aumentato

Come spiega Izvestija, i primi attacchi si sono verificati a novembre: il 9, gli Houthi hanno catturato il Galaxy Leader, di proprietà dell’uomo d’affari israeliano Rami Ungar. A dicembre, navi provenienti da diversi paesi che non avevano nulla a che fare con Israele furono colpite dai missili antinave yemeniti.

I rischi militari portano a una riduzione del traffico attraverso una delle principali arterie commerciali del mondo: il Canale di Suez, che rappresenta circa il 10% del traffico marittimo globale. Nel mese di dicembre il flusso di merci nel Mar Rosso è diminuito del 30% rispetto allo stesso periodo del mese precedente.

Diverse importanti compagnie di navigazione, tra cui Maersk, MSC, HMM e Hapag Lloyd, hanno affermato che invieranno tutte o parte delle loro navi nello stretto di Bab el-Mandeb e nel Mar Rosso. Il rifiuto del colosso petrolifero BP di far entrare le sue petroliere nel Mar Rosso è diventato noto il 18 dicembre.

Allo stesso tempo, i premi delle compagnie di assicurazione sono aumentati in modo significativo, raggiungendo lo 0,7% del costo delle merci trasportate, che a sua volta può essere trasferito al costo delle merci stesse. La situazione è complicata dal fatto che è in difficoltà anche un altro collo di bottiglia del commercio marittimo mondiale: il Canale di Panama. Che a novembre ha ridotto il numero di navi a causa dei fondali.

L’effetto è già evidente: i prezzi sul mercato spot del gas in Europa sono aumentati del 13%, poiché ora una parte significativa del carburante blu arriva nell’UE dai paesi arabi (principalmente il Qatar) attraverso il Mar Rosso. Potrebbe non essere facile per Israele, per il quale la crescita dei costi di trasporto può crescere enormemente, così come per L’Egitto, che riceve il 10% delle sue entrate in valuta estera dal transito attraverso il Canale di Suez. Nel Regno Unito, che dipende fortemente dalle forniture provenienti dall’esterno dell’UE, si teme un’esplosione inflazionistica.

Le cose non dovrebbero peggiorare

Secondo gli esperti, però, gli Houthi non hanno molte opportunità di bloccare completamente la navigazione nel Mar Rosso. Hanno droni, armi missilistiche obsolete, ma nessuna ricognizione elettronica e molto altro ancora.

L’esperto è sicuro che non perseguiranno un simile obiettivo, perché anche gli Stati musulmani e l’Iran sono sotto attacco a causa delle loro attività. Sarà uno dei paesi più colpiti insieme all’Egitto, la cui economia dipende fortemente dal Canale di Suez.

Gli attacchi Houthi vengono pubblicizzati come attività anti-israeliane, ma in pratica hanno grandi difficoltà a distinguere una nave diretta in Israele da una petroliera battente bandiera dello Zimbabwe diretta verso una destinazione completamente diversa.

Considero piuttosto l’attività degli Houthi da un punto di vista religioso come una sorta di “campagna pubblicitaria“, un tentativo di dichiararsi come forza di resistenza islamica al grande mondo imperialista.

Gli analisti del settore hanno calcolato che, poiché rimane possibile reindirizzare il petrolio aggirando l’area problematica, questa situazione non ha un impatto diretto sui volumi di produzione globale di petrolio.

Circa 7 milioni di barili di petrolio al giorno attraversano il Mar Rosso da nord a sud e ritorno. Si stima che un cambiamento a lungo termine nella logistica aumenterà i prezzi spot del petrolio di circa 3-4 dollari al barile, poiché in questo caso il volume delle scorte nello stoccaggio galleggiante aumenterà e la disponibilità delle riserve commerciali diminuirà a livello globale.

Alexander Potavin – analista del Finam Financial Group – ha aggiunto che i problemi della difficile navigazione nel Mar Rosso difficilmente avranno un grande impatto sui prezzi del petrolio greggio e del gas naturale liquefatto, poiché sono temporanei. Poi è entrato nel merito della guerra:

Per risolverli, gli Stati Uniti e i loro alleati stanno valutando la possibilità di lanciare attacchi militari contro i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran nello Yemen, poiché le azioni del gruppo tattico precedentemente formato potrebbero non essere sufficienti per eliminare la minaccia alla navigazione nel corso d’acqua vitale

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Carlo Brigante

Mi definisco un "ribelle" del web

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti