Ucraina, scoperti laboratori biologici americani: nuova Wuhan?

Ucraina, scoperti laboratori biologici americani: nuova Wuhan?

Introduzione

Tra i tanti sospetti tacciati di essere solo complottismo, fake news e allarmismo, è rientrato anche quello che il laboratorio nella cittadina di Wuhan da dove sarebbe partito il Covid-19, fosse gestito dagli americani dal 2015, ma già preso in gestione dai francesi l’anno prima (ne ho parlato qui). Lentamente la cosa è stata praticamente acclarata, anche grazie alle rivelazioni su Fauci.

Bene, o male, a quanto pare dei laboratori americani ci sarebbero pure in Ucraina. Ora, ovviamente, come accadde per Wuhan, tutto viene bollato come pura falsità e macchinazione creata dai russi.

Eppure, ad interrogazione parlamentare del senatore repubblicano Marco Rubio, Victoria Nuland, vice Ministro degli esteri americana, ha praticamente confermato il tutto. Magari balbettando e in maniera volontaria, ma tant’è.

Ecco il video della dichiarazione di quest’ultima e a cosa servirebbero questi laboratori americani in Ucraina.

Laboratori biologici americani in Ucraina: i particolari

Come riporta Revotation21, tutto sarebbe iniziato quando il 6 marzo, il Maggior Generale Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo, ha denunciato il fatto che, durante un’operazione speciale, le forze armate russe hanno scoperto l’esistenza in Ucraina di un programma di guerra biologica finanziato dagli Stati Uniti.

Ecco le sue parole:

Abbiamo ricevuto documentazione dai dipendenti dei laboratori biologici ucraini sulla distruzione di emergenza di agenti patogeni particolarmente pericolosi di peste, antrace, tularemia, colera e altre malattie mortali il 24 febbraio

Abbiamo ricevuto documentazione dai dipendenti dei laboratori biologici ucraini sulla distruzione di emergenza di agenti patogeni particolarmente pericolosi di peste, antrace, tularemia, colera e altre malattie mortali il 24 febbraio

È ovvio che con l’inizio di un’operazione militare speciale, il Pentagono nutriva serie preoccupazioni sulla divulgazione della conduzione di esperimenti biologici segreti sul territorio dell’Ucraina

I documenti ricevuti confermano che lo sviluppo di componenti di armi biologiche è stato effettuato nei laboratori biologici ucraini, nelle immediate vicinanze del territorio della Russia

Al fine di impedire la divulgazione di fatti di violazione da parte degli Stati Uniti e dell’Ucraina dell’articolo 1 della Convenzione delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi batteriologiche (biologiche) e tossiche, il Ministero della Salute ucraino ha inviato un’istruzione a tutti i laboratori sulla liquidazione di emergenza degli stock immagazzinati di agenti patogeni pericolosi

Come riporta L’Antidiplomatico, alla fine di febbraio, l’ambasciata statunitense in Ucraina ha cancellato in fretta e furia dal proprio sito ufficiale dei documenti relativi ai laboratori biologici Usa nel paese. Probabilmente conscia che i russi potevano sgamare il loro programma.

Stando ai dati pubblicati dagli Usa, sono 26 i laboratori americani e altre strutture simili operative in territorio ucraino e su cui il Dipartimento della Difesa ha il controllo assoluto. Tutte le attività di ricerca di questi laboratori sono guidate dagli Stati Uniti e nessuna informazione può essere divulgata senza il loro permesso.

Un gran numero di testimonianze dimostrano che i laboratori biologici istituiti all’estero dagli Usa affermano di svolgere “ricerca pacifica” ma in realtà si impegnano in azioni militari. Anche alcuni scienziati statunitensi confermano che il laboratorio del Pentagno sta avviando una ricerca sulle armi biologiche.

Laboratori biologici americani in Ucraina: gli Usa stanno violando la “Convention on the Prohibition of Biological Weapons”

Con tali biolabortori, gli americani stanno violando di fatto la “Convention on the Prohibition of Biological Weapons” delle Nazioni Unite. Infatti, già di per sé, ogni laboratorio biologico rappresenta una bomba ad orologeria. Figurarsi se nel paese dove sono allocate esplodesse un conflitto. Come accaduto in Ucraina.

Americani confermano esistenza di laboratori biologici in Ucraina

Come anticipato nell’incipit, Victoria Nuland, responsabile de facto della politica americana in Ucraina da lustri, ha dichiarato in un’audizione presso la Commissione Relazioni Estere del Senato USA che sì, esistono dei laboratori di patogeni in Ucraina, e che sì, l’America è preoccupata che possano cadere in mano russa.

Ecco il video della sua dichiarazione, raccolto dal sempre attento su queste questioni Massimo Mazzucco. Invito a guardare anche il proseguo del dibattito sempre molto interessante. Dove si dice, tra le altre cose, che simili laboratori insistono in Asia centrale e anche in Georgia. Altra ex repubblica socialista sovietica confinante con la Russia.

Conclusioni

Insomma, potremmo concludere con un triste “ci risiamo“. La NATO viene presentato dagli atlantisti più puri come l’antidoto contro la barbarie. Beh, peccato che, a parte bombardare unilateralmente i paesi e piazzare le proprie basi militari negli stati “liberati” dai cattivi di turno (magari prima sfruttati), la NATO installi anche pericolosi biolaboratori.

Dai quali ogni tanto fuoriesce qualcosa che ammala le masse, volontariamente o involontariamente…

Ricevi via mail le news che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

Ricevi via mail le news sulla guerra in Ucraina che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice