L’economia russa è viva e vegeta: le sanzioni hanno distrutto noi

L’economia russa è viva e vegeta: le sanzioni hanno distrutto noi

Il tetto del prezzo del petrolio non solo non ha funzionato: le entrate energetiche di novembre sono state il doppio di gennaio.

L’economia russa si sta riprendendo con successo nonostante le sanzioni. Ciò è riconosciuto non solo dalle aziende e dalle autorità nazionali, ma anche dagli economisti stranieri. L’8 dicembre la Reuters -agenzia di stampa britannica – ha riferito che la situazione economica nella Federazione Russa era sotto controllo, nonostante la carenza di lavoratori, l’inflazione e gli alti tassi di interesse. E il tetto del prezzo del petrolio, progettato per far crollare il flusso di denaro nel bilancio russo, non solo non ha funzionato: le entrate energetiche di novembre hanno portato al tesoro il doppio di quanto lo erano a gennaio.

Il giorno prima Vladimir Putin aveva affermato che entro la fine del 2023 il Pil sarebbe cresciuto del 3,5%. Mentre, secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale, l’economia statunitense aumenterà solo del 2,1%, mentre nell’Eurozona dello 0,7%.

Come la Russia ha retto alle sanzioni

Come riporta Izvestija, l’Occidente ha riconosciuto che l’economia russa si sta riprendendo con successo, nonostante molte sfide: carenza di lavoratori, inflazione e tassi di interesse elevati.

L’economia russa, orientata alle esportazioni, da 2.200 miliardi di dollari, ha resistito all’ondata di sanzioni meglio di quanto Mosca o l’Occidente si aspettassero quando coloro che si opponevano all’invasione dell’Ucraina nel febbraio 2022, ha cercato di punire e isolare la Russia di Putin

scrive Reuters.

In particolare, Reuters sottolinea che limitare il prezzo del petrolio russo non ha funzionato. Alla fine dello scorso anno, i paesi occidentali hanno introdotto un tetto massimo di prezzo per l’oro nero russo a 60 dollari al barile. Tuttavia, il Paese ha molte soluzioni alternative, ammette l’agenzia.

Ad esempio, la Federazione Russa ha reindirizzato le esportazioni verso Cina e India e ha anche

utilizzato la proprietà opaca delle cosiddette flotte ombra di navi per aggirare i limiti sui prezzi del petrolio imposti dall’Occidente

Di conseguenza, le entrate energetiche hanno apportato 961,7 miliardi di rubli (10,41 miliardi di dollari) al bilancio russo a novembre, rispetto ai soli 425,5 miliardi di gennaio, ovvero il doppio rispetto all’inizio dell’anno.

La Russia soffre di carenza di personale in alcuni settori dell’economia, ma questo problema è compensato dall’occupazione della popolazione nel complesso militare-industriale, si legge nell’articolo. Allo stesso tempo, il paese ha un tasso di disoccupazione record, pari al 2,9%.

La Russia ha sperimentato un’impennata inflazionistica nell’ultimo anno e mezzo, ma ora il sistema finanziario del paese si è stabilizzato, osserva Reuters. Come riferisce l’agenzia, “al momento la situazione inflazionistica può essere gestita”, e prevedibilmente osserva in modo caustico:

soprattutto considerando la popolazione, che è abituata a aumenti regolari dei prezzi, non importa quanto dolorosi possano essere

Le sanzioni occidentali volte a tagliare la principale fonte di finanziamento di Mosca hanno esercitato un’enorme pressione sul deficit di bilancio della Russia all’inizio di quest’anno. Ma grazie alla ristrutturazione dei flussi commerciali del petrolio e alla regolamentazione dei prezzi del petrolio da parte del Paese, il deficit di bilancio per il 2023 sarà inferiore all’1% del PIL, osserva Reuters.

Questa valutazione corrisponde alle più recenti previsioni delle autorità: a novembre il ministro delle Finanze Anton Siluanov ha affermato che il deficit di tesoreria sarebbe pari alla metà del previsto: l’1% del PIL (circa 1,5 trilioni).

Non solo regge, l’economia russa cresce

Il giorno prima, 7 dicembre, al forum “Russia Calling!” Il presidenteVladimir Putin ha affermato che nel 2023 il PIL russo crescerà del 3,5%. L’economia russa, secondo il presidente, si sta adattando rapidamente alle nuove sfide: nell’arco dei 10 mesi del 2024, il PIL del Paese è già aumentato di oltre il 3,2%.

Oggi è già più alto di quanto non fosse prima dell’attacco delle sanzioni occidentali”, ha detto il leader russo. Lui ha sottolineato che in termini di tasso di crescita economica la Federazione Russa è davanti ai principali paesi europei.

Secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale (FMI), quest’anno l’economia statunitense dovrebbe crescere solo del 2,1%. Il PIL dei paesi dell’Eurozona nel 2023, secondo l’organizzazione, aumenterà dello 0,7%.

Tuttavia, le valutazioni del FMI sulla Russia, sebbene meno ottimistiche di quelle delle nostre autorità, sono anche più elevate di quelle riguardanti i paesi occidentali. Secondo le previsioni del fondo, il PIL russo aumenterà del 2,2% nel 2023.

La significativa crescita dell’economia russa è spiegata da diversi fattori. In primo luogo, si tratta di un aumento della produzione industriale, che nel periodo gennaio-ottobre 2023 è cresciuta del 3,5% su base annua a causa della rapida crescita dell’industria manifatturiera, ha spiegato Natalya Milchakova, analista principale di Freedom Finance Global.

In secondo luogo, quest’anno l’edilizia registra tassi record, soprattutto a causa della messa in funzione di nuovi edifici residenziali plurifamiliari. Questo segmento è già aumentato del 6% rispetto all’anno precedente.

Il terzo motivo, secondo l’esperto, è il commercio al dettaglio, il cui fatturato nei nove mesi del 2023 è aumentato del 5% su base annua. Anche a causa del rapido sviluppo del segmento dell’e-commerce e dei mercati. Allo stesso tempo, l’economia russa nel 2022 è crollata proprio a causa del commercio al dettaglio, soprattutto perché molti marchi stranieri hanno lasciato la Federazione Russa.

Inoltre possiamo aspettarci tassi di crescita abbastanza buoni nel settore dei servizi, soprattutto grazie alla crescita del segmento finanziario e bancario. I fondi della popolazione continuano ad affluire nel mercato azionario e i volumi dei prestiti cresceranno rapidamente nel 2023. Il settore bancario, secondo le previsioni della Banca Centrale della Federazione Russa, alla fine dell’anno riceverà un profitto record di 3,3 trilioni di rubli

ha aggiunto Natalia Milchakova.

Una serie di decisioni di alta qualità hanno contribuito a resistere alla più forte pressione delle sanzioni su un paese nella storia del mondo, afferma il professore associato del Dipartimento di analisi politica e processi socio-psicologici dell’Università russa di economia. Ciò include la creazione di un equilibrio adeguato del valore del denaro attraverso la politica monetaria e le nuove catene di approvvigionamento che la nostra azienda sta attivamente costruendo.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Vito Andolini

Appassionato di geopolitica e politica nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti