Crea sito

Adozioni ai tempi del Covid-19, 500 bambini bloccati: ma non è solo colpa del virus

Data ultima modifica: 3 Novembre 2020

Il nuovo Coronavirus Covid-19 sta provocando tutta una serie di danni collaterali di cui si parla poco. Per esempio, il fatto che tante persone affette da patologie si stanno trascurando. Per il timore di recarsi in un ospedale ed essere infettati. O per ingolfamento degli ospedali stessi, incapaci di espletare le proprie funzioni ordinarie.

E cosa dire poi dei diversamente abili, che hanno visto negati prima e rallentati poi i propri già minimi diritti. O, ancora, dei 500 bambini adottati da famiglie italiane, impossibilitati a raggiungerle causa Covid-19. O, viceversa, ai genitori potenziali adottivi di raggiungere loro per concludere la pratica.

Ecco qualche esempio di adozioni ai tempi del Covid-19 e come stanno le [sta_anchor id=”adozioni”]cose[/sta_anchor].

Adozioni situazione per Covid-19

adozioni come funzionano

Ad essersene occupato è il giornale Avvenire. Riporta come Valeria R. e suo marito Giorgio abbiano già adottato sette anni fa in Cina un bambino che oggi ha 9 anni.

Per completare l’adozione sarebbe stato necessario raggiungere la Cina. Poi l’emergenza Covid-19 ha fatto saltare ogni progetto.

Stessa situazione per altre 36 famiglie, le quali attendono di riabbracciare il loro figlio cinese adottivo. E altre decine attendono di poter partire per Filippine, Colombia, India, Russia e verso altri Paesi. Per un totale di 500 bambini “sospesi“.

Tutte pratiche lunghe anni, anche oltre 5 anni, versando cifre che vanno dai 15 ai 30mila euro.

Adozioni ente responsabile

commissione adozioni internazionali logo

Ovviamente, oltre al Covid-19, ad incidere sulle adozioni ci si mette pure la solita inefficienza italica. Ricorderete in tanti la sceneggiata dell’allora ministro Maria Elena Boschi, che si recò in Congo per accompagnare nel nostro Paese 31 bambini. Per poi farsi fotografare con una di loro che gli faceva le treccine (ne parlai qui).

A coordinare le adozioni in Italia è la Cai, Commissione adozioni internazionali. La quale, al momento della scrittura, non ha ancora un vicepresidente operativo. La presidenza è formalmente in mano al ministro Elena Bonetti. E neppure un direttore generale, dopo la scelta dei rispettivi titolari di andare in pensione.

Per la vicepresidenza c’è stata ad agosto la nomina di Vincenzo Starita, magistrato di lungo corso, apprezzato per la sua competenza nell’ambito minori. Ma si attende ancora il via libera del Csm. E, nel frattempo, la commissione che negli ultimi tre anni è stata affidata alla professionalità di Laura Laera – rimarrà nella commissione come ‘esperta’ – è stata costretta a rallentare tutto.

Adozioni come funzionano

adozioni requisiti

Come spiega il sito della stessa Cai, i requisiti per l’adozione internazionale sono gli stessi che per l’adozione nazionale:

L’adozione è permessa ai coniugi uniti in matrimonio da almeno tre anni, o che raggiungano tale periodo sommando alla durata del matrimonio il periodo di convivenza prematrimoniale, e tra i quali non sussista separazione personale neppure di fatto e che siano idonei ad educare, istruire ed in grado di mantenere i minori che intendano adottare

Età per poter adottare qual è

  • differenza minima tra adottante e adottato deve essere di 18 anni
  • differenza massima tra adottanti ed adottato è di 45 anni per uno dei coniugi, di 55 per l’altro. Tale limite è derogato se i coniugi adottano due o più fratelli, ed ancora se hanno un figlio minorenne naturale o adottivo

Requisiti per poter adottare quali sono

  • essere coniugati al momento della presentazione della dichiarazione di disponibilità
  • provare documentalmente o per testimonianza, ove il matrimonio sia stato contratto da meno di tre anni, la continua, stabile, perdurante convivenza antecedentemente alla celebrazione del matrimonio per un periodo almeno pari al complemento a 3 anni
  • non avere in corso nessun procedimento di separazione, nemmeno di fatto
  • essere idonei ad educare ed istruire, e in grado di mantenere i minori che intendono adottare

Per poter avviare una pratica di adozione, occorre rifarsi al sito stesso o al Portale Adozione Trasparente.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.