Merck pillola anti-Covid arriva il 4 gennaio: come funziona

Merck pillola anti-Covid arriva il 4 gennaio: come funziona

Introduzione

In attesa che in Italia arrivi la pillola anti-covid Paxlovid, già approvata dalla FDA – l’agenzia americana del farmaco – il 4 gennaio arriverà la pillola anti-covid Merck. Ma come funziona?

La pillola anti-Covid di Merck, con il principio attivo molnupiravir, è un antivirale orale autorizzato per una distribuzione in condizioni di emergenza con Decreto del Ministero della Salute del 26 novembre 2021.

Il prossimo anno quindi inizia con una novità importante nella lotta al Covid-19. Mentre il 2021 si chiude con diversi cambiamenti riguardo la quarantena. Su tutte, il mancato obbligo per i vaccinati che hanno completato il booster e sono stati a contatto con un contagiato. Purché non presentino i sintomi tipici.

Ma vediamo come funziona la pillola anti-covid Merck, la terapia, le controindicazioni e a chi può essere somministrata.

Pillola anti-covid Merck come funziona

Come riporta Il Giornale, l’AIFA – Agenzia italiana del Farmaco – ha riportato in una nota che la Commissione tecnico scientifica della stessa ha autorizzato due antivirali – molnupiravir e remdesivir – per il seguente scopo:

trattamento di pazienti non ospedalizzati per Covid con malattia lieve-moderata di recente insorgenza e con condizioni cliniche concomitanti che rappresentino specifici fattori di rischio per lo sviluppo di una forma grave

Per quanto riguarda la terapia, il trattamento consiste nell’assunzione di 4 compresse da 200 mg per 2 volte al giorno, per un totale di cinque giorni.

Chi può ricevere Pillola anti-covid Merck

Nella stessa nota dell’AIFA viene riportato che la selezione del paziente è affidata ai:

  • medici di medicina generale
  • ai medici delle Usca(r)
  • ai medici che abbiano l’opportunità di entrare in contatto con pazienti affetti da Covid di recente insorgenza e con sintomi lievi-moderati

Gli stessi dovranno provvedere alla compilazione del registro di monitoraggio, mentre la distribuzione del farmaco che deve avvenire nel rispetto dei criteri fissati dalla Cts, e indicati nell’ambito del registro, di cui all’art. 2.

Merck può essere prescritta dai medici operanti nell’ambito delle strutture identificate dalle regioni per la somministrazione. Il che deve avvenire nel modo più precocemente possibile rispetto all’insorgenza dei sintomi. E comunque non oltre i cinque giorni dall’inizio degli stessi

Pillola Merck controindicazioni

Come riporta Skytg24, gli studi sul farmaco hanno dato risultati incoraggianti, dimezzando il rischio di ricoveri e decessi in persone ad alto rischio. Sempre però se somministrata in pazienti adulti a rischio e che presentavano Covid-19 in forma lieve o moderata, e nelle fasi iniziali dell’infezione.

Non sono state registrate particolari controindicazioni e si è dimostrata efficace contro le varianti Gamma, Delta e Mu.

Ricevi via mail le news che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice