Crea sito

Perché a Parma hanno tutti la “r” moscia? I possibili motivi

Parma è la Capitale italiana della cultura 2020. Ha sconfitto altre candidate tra cui Agrigento, Macerata, le vicine Piacenza e Reggio Emilia, e Treviso. Un titolo conferito a partire dal 2014 dal Decreto cultura, in concomitanza con l’allora designazione di Matera come Capitale europea della cultura 2019. Non a caso, lo scorso anno lo scettro non è stato assegnato a nessuna città.

A precederla su questo trono sono state Ravenna, Cagliari, Lecce-Perugia e Siena nel 2015; Mantova nel 2016; Pistoia nel 2017 e Palermo nel 2018.

Purtroppo per Parma, però, l’investitura è arrivata in un anno funesto. E non solo perché bisesto come vuole la vulgata popolare. Infatti, l’Italia tutta – e in particolar modo soprattutto l’Emilia insieme a Lombardia e Veneto – sta facendo i conti con il Coronavirus Covid-19 partito dalla Cina.

Infatti, tutte le iniziative sono state sospese, in attesa di tempi migliori. E chissà che non si proroghi il titolo anche ai primi mesi del 2021. Per consentire alla città parmense di recuperare.

Da tempo, però, mi incuriosiva il fatto che a Parma avessero tutti – o quasi – la “r” moscia. E facendo una ricerca, ho trovato qualche possibile motivo che riporto di .

Parma e la r moscia: i possibili motivi

parma r moscia perché

Come riporta Marie Claire, in un articolo dedicato proprio alla designazione di Parma capitale della cultura italiana 2020, si parla anche della proverbiale “r” moscia che contraddistingue il parlare dei cittadini di questa città.

Il tutto sarebbe colpa di Maria Luigia D’Austria, che avrebbe cambiato per sempre il volto di Parma. Motivo? Al suo arrivo aveva trovato un Ducato povero e oppresso dai debiti. E lei lo risollevò dando priorità alle opere pubbliche (la cara vecchia edilizia per molti volano dell’economia).

Fece costruire strade e ponti, diede impulso alla cultura rendendola accessibile anche alle fasce più povere, finanziò quella che oggi definiremmo la ricerca in campo medico e agricolo.

Era il 1816, era una donna, divorziata e che in seconde e terze nozze sposò uomini di rango inferiore.

E cosa c’entra la “r” moscia di Parma direte voi? Quando è arrivata parlava in francese e, nonostante fosse risoluta nel volersi “italianizzare“, le è rimasto l’accento francese, ovviamente. Ma i parmigiani la amavano a tal punto da imitarne la pronuncia. Uso che si sarebbe così tramandato nei secoli.

Se questa motivazione vi appare moscia proprio come la “r” dei parmensi, ce ne sarebbe un’altra. E questa volta di un esperto. Il Corriere di Bologna riporta altre tesi in un articolo di anni fa.

Più che a Parma la “r” si sente a Fidenza e a Salsomaggiore, di là dai due fiumi in quanto là abitavano tutte le truppe, mentre in città ci stava solo la corte.

Gene Gnocchi, fidentino doc con «r» superuvulare invoca un amico esperto: Giovanni Petrolini, glottologo di grande fama, docente universitario.

Secondo Petrolini quella dei francesi sarebbe una

«Tesi debole. Le truppe hanno inseminato? Il seme non trasmette la fonetica. No no, qui la “r” risalirebbe a qualcosa di più antico, è una questione di sostrato, di interferenza linguistica: la cosa dipenderebbe da una lingua non più parlata che prima di sparire ha influenzato quella soppiantata».

Anche il professor Petrolini, insomma, non è sicuro. Tuttavia, si finisce sempre lì. Popoli passati da quelle zone, che avrebbero mescolato il loro modo di parlare con la comunità locale.

Percé a Parma si parla con la “R” moscia?

Un nostro lettore, ci dà un’altra possibile spiegazione. Derivante dal cosiddetto “modello imitativo“. Ecco il video che ne parla:

 

R” moscia a Parma da cosa dipende

Detto del fenomeno “r” moscia a Parma, vediamo in breve da cosa dipende questa inflessione linguistica. Come riporta Focus, avrebbe 2 tipi di origine.

La prima è l’inflessione dominante nella zona di origine: per esempio, nelle zone del Parmense e dell’Alessandrino il fonema “r” risente di influenze dialettali e viene trasmesso e appreso in modo non corretto.

Seconda origine: la Difficoltà di lingua. Questo disturbo fonologico è dovuto a una difficoltà di motilità (cioè capacità di movimento) dell’articolazione della lingua.

R” moscia come si cura

A prescindere dalla causa, a qualsiasi età è possibile rimediare ed impostare una corretta pronuncia della “r” con specifici esercizi per stimolare la motilità della parte anteriore della lingua. Occorre però farsi seguire da un logopedista, lo specialista che rieduca le persone che soffrono di disturbi del linguaggio.

Se ne parla anche in questo video

Sebbene, tutto sommato, abbia il suo fascino signorile e può essere preservata tranquillamente.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

4 Risposte a “Perché a Parma hanno tutti la “r” moscia? I possibili motivi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.