La maledizione dei Kennedy, morta Maeve Kennedy Townsend McKean: la lunga lista

La maledizione dei Kennedy, morta Maeve Kennedy Townsend McKean: la lunga lista

Data ultimo aggiornamento: 7 Aprile 2020

Kennedy, un cognome che ha segnato la politica e la società americana. Una dinastia tanto potente, quanto amata, nonché sfortunata. E sopravvalutata. Tutto e il contrario di tutto. Ad incarnarlo egregiamente John Fitzgerald, Presidente assassinato a Dallas nel 1963, amato per il suo volto angelico e rassicurante, ma dallo scheletro pieno di armadi.

Si pensi alle guerre avviate in Vietnam e Cambogia, che Nilson ebbe la colpa di aggravare (invece è passato alla storia come il Presidente che le ha volute). E poi la morte di Marilyn Monroe, sua scomoda amante. E ancora, gli elogi al Nazismo da giovane. Ecc. ecc. (per approfondire, rimando a questo articolo).

Anche il fratello Ted, quanto a scheletri, non fu da meno. Su tutti, l’incidente a Chappaquiddick da lui causato in cui morì una giovane donna: la ventottenne Mary Jo Kopechne. Era il 1969 e tutto fu insabbiato, ma, quanto meno, l’episodio gli costò la brillante carriera politica. Allora Senatore, era in odore di candidatura alle elezioni presidenziali del 1972 e del 1976. Ted si era allontanato dall’auto, denunciando il tutto 10 ore dopo.

Negligenza che provocò la morte della donna, visto che l’auto fu sommersa dall’acqua (Chappaquiddick è un’isola e lì Kennedy aveva una tenuta, luogo quella sera di una festa tra amici). Fu condannato a 2 mesi di carcere. Ma beneficò, figurati, della sospensione della pena.

Ma beghe dei Kennedy a parte, che occuperebbero altro tempo e spazio, veniamo ad un altro aspetto della loro dinastia. Una maledizione che li ha colti oltre cinquant’anni fa e non li ha più mollati. Un caso che ha destato scalpore è stato quello della 22enne Saoirse, nipote di Robert, anch’egli assassinato a Los Angeles nel ’68.

Ultimo caso è invece quello di Maeve Kennedy Townsend McKean, 40 anni, nipote di Bob [sta_anchor id=”saoirse”]Kennedy[/sta_anchor].

Saoirse Kennedy chi era

Saoirse Kennedy

Come riporta Il Corriere del Mezzogiorno, Saoirse era studentessa al Boston College e la sua vita era stata quasi subito azzannata dalla depressione ed è finita il primo agosto per un’overdose. Accidentale? Volontaria? Alle 14.30 di Hyannisport la chiamata al pronto intervento: segnalano una ragazza che non dava segnali di vita nel «compound», il complesso di ville, in riva all’oceano, dei Kennedy.

Saoirse, figlia di Courtney Kennedy e dell’attivista irlandese dei diritti umani Paul Hill (uno dei «quattro di Guildford» ingiustamente condannati per un attentato dell’Ira che non avevano commesso, la loro storia è stata raccontata nel film Nel nome del padre con Daniel Day-Lewis).

Saoirse – nome gaelico che significa «libertà» e si pronuncia «Sèrscia» – aveva raccontato coraggiosamente già al liceo – l’ottimo Deerfield – la storia della sua depressione, del tentativo di suicidio, del tempo passato in clinica e del peso della vergogna per una malattia della quale faticava a parlare con compagni e insegnanti (e quell’articolo brutalmente onesto, sul sito del giornale scolastico, suona oggi come il suo testamento).

Il comunicato della famiglia è terso e molto kennedyano:

«I nostri cuori sono sconvolti dalla perdita della nostra amata Saoirse. La sua vita era piena di speranza, di promesse per il futuro, e di amore. Si preoccupava profondamente del benessere dei suoi amici e della sua famiglia, in particolare di sua madre Courtney, di suo padre Paul e della moglie Stephanie, di sua nonna Ethel. Il mondo è un po’ meno bello oggi. Ha illuminato le nostre vite con il suo amore, le sue risate e il suo spirito generoso. Saoirse è stata sostenitrice appassionata delle cause dei diritti umani e della parità di genere. Trovò grande gioia nel lavoro di volontariato, lavorando a fianco delle comunità indigene per costruire scuole in Messico. La ameremo per sempre, e per sempre ci [sta_anchor id=”maeve”]mancherà[/sta_anchor]».

Maeve Kennedy McKean chi era

Maeve Kennedy McKean

Come riporta MSN, il 6 aprile il corpo di Maeve Kennedy McKean, 40 anni, nipote di Bob Kennedy, è stato rinvenuto sott’acqua, a circa tre chilometri dalla casa della madre, nel Maryland. I due si erano allontanati in canoa nella Chesapeake Bay, giovedì scorso, con l’intento di recuperare una palla. Non sono più tornati a riva.

Dopo giorni di ricerca, le autorità locali hanno annunciato il ritrovamento di Maeve, mentre Gideon Joseph risulta ancora disperso. Le ricerche riprenderanno nella giornata odierna.

Kennedy maledizione: tutte le morti

clinton come kennedy

Del resto, la dinastia dei Kennedy fu ben sintetizzata dalla moglie del patriarca, Rose, morta a 104 anni nel 1995 dopo aver visto l’ascesa e la caduta del clan, una vittoria dopo l’altra, un funerale dopo l’altro, ripeteva a figli e nipoti le parole del vangelo di Luca:

«A chi fu dato molto, molto sarà chiesto; a chi fu affidato molto, sarà richiesto molto di più».

Ai Kennedy, ai quali è stato dato tutto – il potere, la fama, il denaro, il carisma – è stato chiesto moltissimo, soprattutto una cosa: affrontare le regolari visite della morte con stoicismo — «Kennedys don’t cry» — i Kennedy non piangono era il motto del poco sentimentale padre fondatore Joe.

Vent’anni fa, sempre d’estate, sempre a Cape Cod, la morte era tornata a visitare i Kennedy: l’aereo di John-John era precipitato, di notte, nelle acque nere dell’oceano (con lui la moglie Carolyn e la cognata).

E cinquant’anni fa, sempre d’estate, non lontano dalle ville dei Kennedy, a Chappaquiddick, ancora la morte: il succitato caso di Ted. Il quale, al processo ricevette uno scandaloso trattamento di favore e parlò per la prima volta di quello che poi tutti hanno ripetuto, «c’è una maledizione che grava sulla nostra famiglia».

Infatti, la lista si allungherà: a partire dal fratello Joe jr durante la guerra e la sorella Kick subito dopo, poi John e Bobby, e David figlio di Bobby (overdose, 1984), Michael figlio di Bobby (incidente, 1997), poi John-Jonh, Kara figlia di Teddy (infarto, 2011), Mary ex moglie di Bobby jr (suicidio, 2012).

Poi il caso di Saoirse, figlia di Courtney Kennedy e dell’attivista irlandese dei diritti umani Paul Hill. Ventenne di belle speranze trovata morta per overdose di farmaci nell’agosto 2019. Soffriva di depressione. Raccontato qui.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice