L’Islanda ritira i vaccini anti-covid: troppi morti

L’Islanda ritira i vaccini anti-covid: troppi morti

Il governo islandese ha annunciato il ritiro immediato di tutti i vaccini contro il Covid-19, alla luce dell’enorme picco di morti improvvise o danneggiamenti legati ai vaccini.

L’Islanda, come tutte le nazioni fortemente vaccinate, continua a registrare tassi straordinari di mortalità in eccesso causata da morti improvvise che rimangono inspiegabili da fonti ufficiali. Con la differenza però che il piccolo paese insulare sia il primo a riconoscere il problema delle morti improvvise e ad agire.

Islanda ritira vaccino anti-covid: il grafico sui morti

Il governo ha annunciato la notizia tramite il quotidiano Morgunbladid la scorsa settimana.

Secondo l’annuncio del governo, il virus Covid-19 è ora “proprio come qualsiasi altra influenza” e a seguito dell’ondata di morti e danneggiati improvvisi, i cittadini non potranno più ricevere le vaccinazioni.

Secondo l’annuncio del governo:

La prossima settimana, il pubblico potrà ricevere la vaccinazione antinfluenzale presso il centro sanitario, ma al momento non la vaccinazione Covid

Come si evince dal grafico seguenti, i morti in Islanda sono aumentati proprio in concomitanza con l’avvio delle vaccinazioni e non con l’inizio della Pandemia. Peraltro, parliamo anche di un paese con un modestissimo numero di abitanti, tutelati da una distanza già di per sé sufficiente. Sarebbe insomma bastato qualche accorgimento per gestire la situazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti