I vaccini mRNA provocano il cancro? L’allarme anche del Ministro della Sanità della Florida

I vaccini mRNA provocano il cancro? L’allarme anche del Ministro della Sanità della Florida

Un nuovo allarme riguardo la correlazione tra vaccini mRNA (quelli utilizzati contro il Covid-19, giusto per ricordarlo) e insorgenza del cancro arriva dal surgeon general della Florida, il dottor Joseph Ladapo. Il quale punta il dito contro i vaccini Pfizer e Moderna.

Il dottor Ladapo afferma che uno studio canadese ha rilevato “da miliardi a centinaia di miliardi” di molecole di DNA per dose, superando le linee guida stabilite dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il 6 dicembre scorso ha inviato una lettera al commissario della FDA, Dr. Robert Califf, e al direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), Dr. Mandy Cohen, delineando le sue preoccupazioni sull’elevata presenza di molecole di DNA nei vaccini mRNA accanto a nanoparticelle lipidiche (LNP) utilizzati per somministrare medicinali nelle cellule umane.

Vaccini mRNA e cancro: l’allarme del dottor Ladapo

Come riporta Maurizio Blondet, se gli LNP sono così efficaci nel somministrare il medicinale del vaccino nelle cellule umane, il dottor Ladapo teme che rilasceranno simultaneamente le molecole di DNA contaminante.

Cita un rapporto orientativo del 2007 della FDA sui limiti normativi per il DNA nei vaccini, che indicava i rischi di influenzare i geni umani che trasformano le cellule sane in cellule cancerose.

Il rapporto discute anche il rischio di come questa integrazione del DNA nei vaccini possa portare a problemi al cuore, al cervello, al sangue, ai reni, al fegato, al midollo osseo, ai polmoni, alle ovaie e ai testicoli, al drenaggio dei linfonodi, alla milza.

Il dottor Ladapo è finito al centro di una polemica nell’aprile 2023 dopo che una richiesta di registri pubblici ha scoperto le modifiche apportate a un sondaggio commissionato dallo stato sui vaccini mRNA, raccogliendo accuse di “esagerare” i dati per adattare la sua posizione contro la somministrazione di vaccini COVID-19 a “sani”. Ha difeso l’iniziativa come una “revisione” scientifica e si è sentito giustificato nel rimuovere una certa analisi dei dati dall’indagine originale.

Le preoccupazioni del dottor Balbona

Ma anche altri hanno sollevato preoccupazioni con i vaccini mRNA COVID-19, tra cui il dottor Eduardo Balbona, un medico di medicina interna di Jacksonville, sempre in Florida.

Egli esercita la professione da tre decenni e sostiene la medicina basata sull’evidenza che enfatizza la prevenzione delle malattie e il mantenimento della salute con “l’educazione e un approccio deliberativo e proattivo all’assistenza permanente”.

Dopo aver ricevuto dosi singole o ripetute di vaccini a mRNA, alcuni dei suoi pazienti hanno manifestato una serie di sintomi diversi e si sono sentiti “male subito dopo”.

Questa la testimonianza del dottor Balbona a The Epoch Times:

In alcune persone, ci vogliono un paio di settimane. Quindi ci sono diversi modelli di lesioni. E direi che per alcune persone è quasi una reazione anafilattica Hanno il vaccino e da quel momento in poi non stanno più bene. Spesso… perdono la pressione sanguigna, oppure hanno una pressione sanguigna pazzesca. O scende a 70 o arriva a 200

Molti dei suoi pazienti hanno anche sviluppato la sindrome da tachicardia ortostatica posteriore (POTS) che, secondo la Cleveland Clinic, è una condizione che “fa battere il cuore più velocemente del normale quando si passa dalla posizione seduta o sdraiata a quella in piedi”.

La POTS non è facile da diagnosticare perché molti dei suoi sintomi, tra cui vertigini, svenimenti, dolore toracico, mal di testa e palpitazioni cardiache, possono verificarsi nel tempo nonostante derivino da una causa comune. Attualmente non esiste una cura per la POTS, sebbene l’esercizio fisico, l’attività fisica e un programma di riabilitazione cardiaca possano essere utilizzati come trattamento.

Il dottor Balbona ha visitato anche pazienti con pressione sanguigna elevata e altri che avevano sviluppato uno stato ipercoagulabile, ovvero quando il sangue coagula eccessivamente in assenza di sanguinamento, secondo il National Institutes of Health.

Era anche preoccupato per il numero di uomini nella tarda adolescenza, tra i 20 e i 30 anni che sviluppavano embolie polmonari senza predisposizioni genetiche o problemi di salute preesistenti che le avrebbero causate. Un’embolia polmonare si verifica quando un frammento, molto probabilmente un coagulo di sangue, rimane bloccato in un’arteria polmonare e blocca il flusso di sangue, secondo la Mayo Clinic. Altri pazienti hanno sviluppato miocardite e pericardite subito dopo aver ricevuto il vaccino, ha detto il dottor Balbona.

Secondo il CDC , “la miocardite è un’infiammazione del muscolo cardiaco e la pericardite è un’infiammazione del rivestimento esterno del cuore”. I sintomi della miocardite e della pericardite sono dolore toracico, mancanza di respiro e “sensazione di avere un cuore che batte velocemente, tremolante o che batte forte”.

Il CDC ammette che alcuni pazienti hanno sviluppato queste condizioni dopo aver ricevuto i vaccini mRNA COVID-19, ma che i casi sono “rari” e che molti guariscono da soli.

Tuttavia, poiché i sintomi possono simulare reazioni di ansia, alcuni pazienti potrebbero non essere consapevoli di avere una miocardite o una pericardite, rendendo difficile la raccolta dei dati.

Balbona ha parlato con pazienti che si sono recati in ospedale con questi sintomi e sono stati respinti da infermieri e medici che hanno detto loro che i problemi erano psicologici, forse supponendo che i pazienti fossero ansiosi o soffrissero di attacchi di panico acuti.

Crede anche che ad alcuni che hanno ricevuto i vaccini siano stati somministrati “salviette” invece di iniezioni con medicinali attivi all’interno. Il dottor Balbona ha affermato di aver testato diversi pazienti dopo aver ricevuto le vaccinazioni e che mancavano di anticorpi COVID-19, che dovrebbero essere presenti nel sangue dopo la vaccinazione.

Il dottor Balbona ritiene che alcuni pazienti potrebbero essere stati vaccinati solo con soluzione salina a causa della scarsa conservazione e manipolazione dei vaccini stessi, che richiedevano sempre la conservazione a freddo per prevenire la distruzione del medicinale all’interno.

I pazienti spesso gli dicono che sono preoccupati di ammalarsi a causa di uno o più vaccini anti-COVID-19.

Quindi se hai fatto il vaccino diversi anni fa e ti senti bene e non hai problemi, probabilmente stai bene

Il dottor Balbona ritiene che la ricerca alla fine raggiungerà ciò che lui e altri medici vedono mentre curano i loro pazienti:

Ad un certo punto – penso che sia ormai superato da tempo – questi vaccini verranno ritirati dal mercato. Non sono sicuri. Stanno facendo del male alle persone. Potrebbero danneggiare le persone in modi durevoli. La recente contaminazione del DNA è molto preoccupante per l’aumento del rischio di cancro

Tuttavia, nonostante i presunti rischi di cancro derivanti dall’uso dell’mRNA all’interno dei vaccini COVID-19, ha affermato:

la tecnologia di base mRNA è qualcosa che in realtà è davvero notevole (…) è stata utilizzata in modo improprio durante la pandemia di COVID. Non dovrebbe essere dato indiscriminatamente.

Poi ammette le potenzialità dell’mRNA ma anche la necessità di rilevarne adeguatamente rischi/benefici:

È la terapia genetica; non c’è dubbio su questo. E ha la capacità di fare cose straordinarie in termini di bene nella giusta situazione. Se si riesce ad attivare e disattivare un gene o una proteina in un paziente affetto da una malattia molto grave, va bene.

Potrebbe essere uno strumento favoloso in futuro, ma è necessario rivelarne i rischi e i benefici

4,4 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Vito Andolini

Appassionato di geopolitica e politica nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti