Coronavirus, 7 casi di Virus che hanno mietuto milioni di vittime

coronavirus

Come prevedibile, in Italia è esploso il panico da Coronavirus. Ristoranti e negozi cinesi semi deserti. Nelle scuole si vuole far evitare la frequentazione ai bambini di origini cinesi, perfino a quanti sono nati e cresciuti qui e nel paese dei loro genitori non ci sono mai stati. Come se il solo DNA bastasse per farli essere potenziali portatori del Virus. Ed ancora, pronti soccorso presi d’assalto alla prima influenza.

Nel Mondo, comunque, le cose non vanno molto meglio. Soprattutto da quando l’Organizzazione mondiale della sanità (World Health Organisation) ha dichiarato qualche giorno fa che il coronavirus sia una “emergenza pubblica di rilievo internazionale”.

Mentre ci si chiede se il Coronavirus diventerà una pandemia, ossia “la diffusione a livello globale di una nuova malattia”. Stando alla definizione data dalla stessa Organizzazione.

In realtà, si hanno ancora dubbi sull’origine della malattia. Alcuni virologi – tra cui il nostro Burioni – asseriscono che sia provenuto da un pipistrello, che lo avrebbe trasmesso per la prima volta ad un essere umano.

Mentre la tesi alternativa, vorrebbe il virus partito da un laboratorio militare (ne ho parlato qui).

Nel frattempo di sapere, forse, la verità un giorno, già si teme che il Coronavirus diventi pandemico e causi milioni di morti. Proprio come questi sette [sta_anchor id=”virus”]precedenti[/sta_anchor].

Coronavirus precedenti

coronavirus

Ecco i 7 precedenti che fanno temere il peggio, riportati da MSN:

La peste di Atene (430 a.C.)

Questa pandemia fu causata dal vaiolo e si diffuse tramite il contatto da pelle a pelle oppure tramite i liquidi corporei. Il vaiolo fu un duro colpo per la città di Atene e fu probabilmente una delle cause della sua sconfitta nella famosa guerra del Peloponneso narrata da Tucidide. Questa pandemia causò la morte del 20% della popolazione ateniese, tra cui anche il primo cittadino Pericle.

La peste antonina o di Galeno, il medico greco che la descrisse (165-180 d.C.)

Questo tipo di peste pare essersi originata tra gli Unni. Una volta raggiunto l’Impero Romano affliggerà numerosi territori, dall’Egitto alla Grecia e all’Italia. Si pensa che questo tipo di pandemia sia stata, per essere più precisi, una forma di vaiolo o morbillo. I morti saranno complessivamente 5 milioni, tra cui forse anche una personalità illustre: l’imperatore Marco Aurelio.

La peste di Giustiniano (541-VIII secolo d.C.)

La peste continuerà a imperversare per due lunghi secoli e complessivamente porterà alla morte di 50 milioni di persone sparse tra Medio Oriente, Asia e Mar Mediterraneo o circa il 26% della popolazione mondiale. La sua causa si può rintracciare probabilmente nei topi. Il nome di questa pandemia si riferisce al fatto che la peste si era manifestata con particolare violenza a Costantinopoli sotto il regno di Giustiniano: i racconti del tempo parlano addirittura di 5.000 morti al giorno e di una conseguente riduzione della popolazione di Costantinopoli del 40%.

La peste nera (1343-1353)

Questa pandemia si diffuse in quasi tutti i continenti del mondo: Europa, Africa e Asia. Alla fine del suo percorso, si stima che la peste nera abbia causato tra i 75 ed i 200 milioni di morti. Con un certo margine di errore, si può dire che abbia portato alla morte di circa il 30% degli europei ed il 50% della popolazione cinese. Per quanto riguarda l’Europa, l’Italia è stata al centro di questi tragici eventi. La peste, infatti, si diffuse prima nel porto di Messina e da lì in tutta Europa. Qualche anno dopo la città di Firenze registrerà forse gli effetti più gravi di questa pestilenza dato che nei primi sei mesi morirono quasi 100.000 fiorentini.

Lo “scambio colombiano” (1492-1600 circa)

Quando Cristoforo Colombo ed il suo equipaggio scoprirono l’America, in maniera inevitabile ed inconsapevole, portarono con sé numerose malattie, come il vaiolo, il morbillo e la peste bubbonica. Le popolazioni native del Sud America non erano però “immunizzate” contro queste malattie non essendoci mai venuto a contatto, cosa che le rese particolarmente letali. I numeri parlano chiaro. Il Messico contava 25 milioni di abitanti all’arrivo di Cortes nel 1519; nei due anni seguenti ne moriranno tra i 5 e gli 8 milioni; alla fine del secolo sopravviveranno solo in 2 milioni.

L’influenza spagnola (1918-19)

L’origine di questa pandemia non è chiara: secondo alcuni questo tipo di influenza si sarebbe originata in Cina e poi da lì si sarebbe propagata in Europa ed in Nord America. Il nome dato a questa pandemia, “spagnola”, deriva dal fatto che la Spagna, in quanto paese neutrale, fu l’unico a rendere pubbliche le notizie riguardo a questa malattia; gli altri paesi europei, invece, preferirono il silenzio al fine di non creare il panico tra la popolazione e le forze armate impegnate al fronte. Questo tipo di influenza è stata particolarmente letale lasciandosi alle spalle 50 milioni di morti.

HIV/AIDS (1981-in corso)

Questa malattia ha avuto una diffusione ed un’origine piuttosto particolare. I primi casi di HIV sono stati osservati nella comunità gay di New York e San Francisco verso gli inizi degli anni ’80. Eppure si specula che la sua genesi non sia in Nord America, ma piuttosto nell’Africa orientale e più specificatamente tra gli scimpanzé. A partire dalla sua prima apparizione fino ad arrivare ai giorni nostri, l’HIV ha causato tra i 25 ed i 30 milioni di morti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice