Cinepanettone: nascita, successo e declino di un genere trash

Cinepanettone: nascita, successo e declino di un genere trash

Ripercorriamo la storia del Cinepanettone, dalle origini al grande successo fino al declino definitivo.

Quarant’anni fa usciva nelle sale Vacanze di Natale, un cult della commedia anni ’80 con vari attori all’epoca di molto successo, voluto da Aurelio De Laurentiis, proprietario della Filmauro, per realizzare un film sulla scia di Sapore di mare uscito l’anno prima, ma che fosse ambientato in una località sciistica anziché balneare.

I fratelli Vanzina, Carlo ed Enrico, autori di Sapore di mare, si ispirarono così a un film del 1959 interpretato da Alberto Sordi e Vittorio De Sica (padre di Christian), Vacanze d’inverno, in cui il regista Camillo Mastrocinque aveva tratteggiato, sullo sfondo di Cortina d’Ampezzo, i costumi italici del tempo.

E così, Vacanze di Natale fu girato in meno di due mesi, anch’esso a Cortina. Paradossalmente, tra l’altro, si trovò a competere in sala proprio con il sequel di Sapore di mare, diretto stavolta da Bruno Cortini, sempre su un soggetto dei Vanzina. Il quale però non ebbe lo stesso successo del primo capitolo.

E così, da quel Vacanze di Natale nacque un filone, quello del Cinepanettone, neologismo coniato nel 1997 per indicare appunto delle commedie che uscivano nelle sale nel periodo natalizio, con le consuete dinamiche fatte di tradimenti, situazioni equivoche, battute e sketch talvolta volgari, belle donne e aventi sullo sfondo località invernali. Poi diventate anche altre mete, come New York o l’Egitto.

Un neologismo che aveva un’accezione negativa, per indicare film estremamente commerciali, con sceneggiature mediocri e recitazioni superficiali.

Altro tratto tipico dei cinepanettoni è la presenza del duo Vittorio De Sica e Massimo Boldi, che negli anni ’90 furono addirittura etichettati come i nuovi Totò e Peppino.

Origini del Cinepanettone

Come riporta Wikipedia, il filone dei Cinepanettoni inizia ufficialmente nel 1990, quando uscì nelle sale Vacanze di Natale ’90, diretto da Enrico Oldoini. Nasce anche il sodalizio artistico tra Massimo Boldi e Christian De Sica, i quali avevano già lavorato insieme in altre pellicole degli anni ’80 come I pompieri (1985) e a Yuppies – I giovani di successo (1986); i due apparvero subito affiatati perché i rispettivi personaggi si incastravano molto bene, soprattutto dall’alto della milanesità del primo e della romanità del secondo, ma anche per le caratteristiche fisiche. Più buffe quelle di Boldi, più aggraziate quelle di De Sica.

Il successo al botteghino incoraggia l’uscita di altre pellicole. Vacanze di Natale ’91, girato ancora da Oldoini, fu un altro successo e lo sarà ancora di più Vacanze di Natale ’95 per la regia di Parenti. Straordinario anche il successo di Vacanze di Natale 2000, dove, oltre a Boldi e De Sica, troviamo i caratteristi Nino D’Angelo ed Enzo Salvi, e la bella Megan Gail, australiana resa celebre da una pubblicità della Vodafone.

Bene andranno anche Vacanze sul Nilo, del 2002, con il duo comico I fichi d’India e Christmas in love, il quale vede la partecipazione “internazionale” di Danny DeVito e Ronn Moss (famoso in Italia per il Ridge di Beautiful).

Parallelamente, l’affiatato duo Boldi-De Sica sarà sfruttato anche per altre pellicole, come S.P.Q.R. 2000 e mezzo anni fa (1994) e A spasso nel tempo (1996).

Il declino

Tuttavia, dopo Natale a Miami uscito nel 2005, qualcosa cambia: la coppia Boldi-De Sica si spacca. Boldi, per divergenze artistiche, ruppe il sodalizio con De Sica e contestualmente lasciò le produzioni di De Laurentiis per intraprendere un suo personale filone. Il quale però aveva come tema quello dei matrimoni, tanto da essere coniato un altro neologismo: «cinematrimoni».

I due, nei primi tempi, furono anche in competizione, dato che uscivano entrambi nel periodo natalizio. Tuttavia, quelli di Boldi iniziarono a uscire anche prima, a ottobre.

I due cambiarono partner, lavorando De Sica con Massimo Ghini e Boldi con Biagio Izzo.

Tuttavia, la separazione fu negativa per entrambi, poiché non riuscirono più a ottenere lo stesso successo al botteghino. De Sica riuscì a beneficiare ancora della spinta dei vecchi cinepanettoni per i primi tempi, ma poi si esaurì anche per lui. Tanto che l’ultimo si chiamerà Vacanze ai Caraibi, del 2015, il quale non avrà neppure “Natale” nel titolo.

Il ritorno del Cinepanettone: In vacanza su Marte

Boldi e De Sica torneranno dopo 15 anni con un cinepanettone, In vacanza su Marte, il quale però sarà stroncato dagli stessi fan del filone per la trama inverosimile e debole in molte parti, oltre al fatto che fu pesantemente influenzato nella produzione dai noti problemi che abbiamo vissuto tutti nel 2020.

Prima di questo film, la reunion fu in occasione nel 2018 con il film Amici come prima, diretto dallo stesso De Sica coadiuvato dal figlio Brando. Mentre l’anno prima venne prodotto dalla Filmauro Super vacanze di Natale, film di montaggio ad opera di Paolo Ruffini, che celebrava i 35 anni dalla nascita del cinepanettone. I due attori furono anche molto critici verso quell’operazione, sia perché non coinvolti nel progetto, sia perché il docufilm uscì in concomitanza con l’uscita nelle sale dei loro rispettivi film.

Qui invece abbiamo parlato della storia del Festivalbar.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti