Ciao Darwin, il racconto drammatico del concorrente rimasto paralizzato

Ciao Darwin, il racconto drammatico del concorrente rimasto paralizzato

Concorrente paralizzato dopo incidente a Ciao Darwin

Ciao Darwin è il programma di successo di Mediaset che va in onda dagli anni ’90, dove i concorrenti appartenenti a due squadre diverse – che rappresentano rispettivamente due archetipi dell’umanità agli antipodi – si sfidano a giochi che richiamano l’evoluzione della specie, la natura, la storia.

A condurlo è da sempre Paolo Bonolis, presentatore tra i più pagati (se non il più) del panorama televisivo italiano. Introiti giustificati dal successo strepitoso di ogni sua trasmissione. Ad affiancarlo la spalla altrettanto storica: Luca Laurenti. Per una coppia definita da tempo “Totò e Peppino della televisione“.

Orbene, nell’ultima edizione di Ciao Darwin andata in onda tre anni fa, un concorrente, Gabriele Marchetti, ha raccontato il suo dramma al Corriere della sera. Essendo rimasto tetraplegico in seguito ad un incidente avvenuto in una gara: il Genodrome. Dove i concorrenti devono attraversare un percorso ostico fatto di diversi ostacoli simil esercitazioni eseguite dall’esercito. Tra cui dei rulli molto insidiosi. Ed è proprio su questi ultimi che Marchetti ha trovato il proprio crudele destino.

Gabriele Marchetti: Paolo Bonolis non mi ha mai cercato

Marchetti ha affermato che

Paolo Bonolis non mi ha mai cercato per sapere come sto. Neanche persone a lui vicine mi hanno mai contattato

Mentre la redazione lo ha fatto solo inizialmente

Soltanto qualcuno della produzione all’inizio si è fatto sentire per telefono e per mail con la mia famiglia per conoscere la mia condizione fisica. Si sono messi a disposizione per ogni eventuale nostra necessità. Poi però non ci sono stati altri contatti

Gabriele Marchetti e la vita dopo Ciao Darwin da paralizzato

Al Corsera ha raccontato il dramma del quotidiano, fatto di noia non potendo muoversi e di dipendenza totale dalla moglie Sabrina e dal figlio Simone. Mentre prima di quel maledetto giorno, era un grande lavoratore, dedito alla famiglia.

Parla poi dell’emozione che provava nei giorni precedenti alla registrazione della puntata, per il fatto di poter partecipare a una trasmissione televisiva e fare una nuova esperienza. Emozioni condivise sempre con la famiglia. Ed invece, quei pochi minuti di celebrità si sono trasformati in un fatale incubo.

Ora è in corso un processo per accertare le responsabilità della società che gestisce il programma: RTI (Reti televisive italiane, confluita in Mediaset). Tuttavia, qualunque risarcimento non potrà più restituirgli la vita di prima.

Paolo Bonolis avrebbe chiamato Marchetti: parola dell’avvocato di quest’ultimo

In queste ore sta circolando la dichiarazione dell’avvocato Federica Magnanti, legale difensore di Gabriele Marchetti. La quale ha smentito il fatto che Paolo Bonolis non abbia mai cercato il suo assistito:

ha chiamato una volta la moglie e una volta il figlio di Gabriele Marchetti. Queste due telefonate sono avvenute nei giorni successivi all’incidente. Qualche mese dopo, invece, la moglie di Bonolis ha cercato la moglie di Marchetti, perché interessata a sapere come stesse il mio assistito

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice