VATICANO FUORI DAL PARLAMENTO PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA DELLA REPUBBLICA

VATICANO FUORI DAL PARLAMENTO PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA DELLA REPUBBLICA

GRAZIE ALLA DC E AI SUOI PARTITI DISCENDENTI, LA CHIESA AVEVA SEMPRE CONTATO IN QUALCUNO CHE NE DIFENDESSE LE ISTANZE. ORA LA PRESENZA E’ MARGINALE
Il Parlamento che si formerà per effetto del voto è profondamente rinnovato. L’età media alla Camera è di 45 anni, mentre al Senato di poco più di 50 anni. Ci sarà anche una donna su tre. Il merito va soprattutto al Movimento cinque stelle e alle sue liste innovative, e alla spinta rinnovatrice cui ha costretto gli altri partiti. Oltre a ciò, il nuovo Parlamento avrà come grande novità la scarsa influenza del Vaticano, visto che i partiti centristi e moderati hanno pochissimi seggi. Già lontani sembrano i tempi di quando al Governo c’è stata per quasi cinquant’anni la Democrazia cristiana, e poi i partiti cattolici nati dalla sua frattura. Certo, ancora presente è l’influenza della morale cattolica nel Pd e Pdl, ma ormai è marginale.

UDC SOLO 8 SEGGI ALLA CAMERA– La nipote della Dc, l’Udc di Casini, sarà presente alla Camera solo con 8 seggi, per effetto del suo misero 1,8%. Al Senato invece, avendo presentato un simbolo unico con Monti e Fini, i Senatori sono 18, ma nessuno della propria lista. Non vedremo più gente come Cesa, la Binetti, Buttiglione, mentre si è salvato il capolista Pierferdinando Casini. Salvo invece un moralizzatore cattolico doc come Carlo Giovanardi, passato al Pdl da tempo e giunto così a 21 anni in Parlamento e sette legislature.
Possiamo dunque sperare in un Parlamento finalmente davvero laico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice