ANCHE NEL VIRTUOSO FRIULI I POLITICI SCROCCANO SUI SOLDI PUBBLICI

ANCHE NEL VIRTUOSO FRIULI I POLITICI SCROCCANO SUI SOLDI PUBBLICI

VENTI CONSIGLIERI REGIONALI SI SONO DATI ALLE SPESE FOLLI, PER QUASI 900MILA EURO
Mancava solo il Friuli Venezia Giulia tra le Regioni a Statuto speciale non ancora protagonista di peculato per opera dei propri consiglieri regionali. Ed ecco che si aggiunge anch’essa alla triste lista, completandola. La Sicilia in questi anni è servita solo come capo espiatorio di un sistema di sprechi che riguarda tutte le regioni autonome, anche quelle virtuose del Nord.

DA UNA PISTOLA AI CORNETTI – Una pistola – probabilmente scacciacani – le gomme da neve, i drink in discoteca, ma pure la batteria di pentole, una borsetta e altri oggetti personali: sono le spese allegre di oltre 20 consiglieri regionali del Friuli-Venezia Giulia. Tutte rimborsate come «costi di rappresentanza» per un totale di 884.966 euro.
Il rimborso vivande è altrettanto imbarazzante: carne e insaccati in macelleria, pesce pregiato alla vigilia di Natale, caffè e cornetto, ma pure consumi alla mensa e al bar del Consiglio regionale. Peccato che per il vitto sia già previsto un bonus di 735 euro ogni 21 giorni.
Fra gli scontrini non mancano oggetti per la casa a cominciare da un set di pentole. Secondo una fonte del Giornale ci sarebbero anche regali e oggetti personali, come una borsetta, regolarmente rimborsati. Treni di gomme da neve per 3-4 consiglieri, che evidentemente si calavano dai monti, sono pure inseriti fra le spese di rappresentanza. Da notare che i rappresentanti locali hanno già diritto ad un rimborso, da una voce diversa del bilancio, per l’utilizzo della propria automobile per raggiungere il Consiglio a Trieste. Altra curiosità il rimborso delle mimose regalate l’8 marzo alle dipendenti regionali.
L’INCHIESTA – L’inchiesta partita a dicembre sta scoperchiando l’ennesimo sperpero di soldi pubblici, che sarebbe assolutamente trasversale agli schieramenti. La Guardia di Finanza ha sequestrato in ripetuti blitz tutte le ricevute, fatture, scontrini delle «spese di rappresentanza» dal 2011 all’inizio di quest’anno. L’ultima incredibile scoperta dagli investigatori è l’acquisto di una pistola, come ha rivelato il quotidiano locale il Piccolo. Il costo, 150 euro, fa pensare ad una scacciacani.
L’inchiesta dalla Corte dei Conti per danno erariale si è espansa al pm Federico Frezza con l’ipotesi del reato penale di peculato. Il consigliere che si è fatto rimborsare i drink al Cantera, una nota discoteca sul mare a due passi da Trieste, dovrà spiegare di quale evento politico si trattava.

(Fonte: Il Giornale)

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice