Si vax, la Jingle bells cantata da virologi: una iniziativa squallida e controproducente

Si vax, la Jingle bells cantata da virologi: una iniziativa squallida e controproducente

Introduzione

La Televisione genera mostri. Anche tra i virologi. In Tv da quasi 2 anni a dirne di ogni sul Covid-19, spesso auto-smentendosi da soli. Ed ora arriva l’apoteosi. Una Jingle bells cantata da 3 Stars della virologia italiana: Matteo Bassetti, Andrea Crisanti e Fabrizio Pregliasco. Dal titolo “Sì vax“.

Si tratta di una iniziativa del programma radiofonico “Un Giorno da Pecora” su Rai Radio 1, programma condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. Orbene, questi tre personaggi, che ora rievocano diversi trii, più per ragioni algebriche e non certo per la prestazione – come Pavarotti-Domingo-Carrera, Il Volo o Tozzi-Ruggeri-Morandi – sono rispettivamente Direttore dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova, Professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova e Direttore Sanitario dell’IRCCS Istituto Galeazzi di Milano.

A vederli sempre gigioneggiare in Tv dalla mattina alla sera, in fondo, ce ne dimentichiamo.

Ecco il video della versione Jingle bells cantata dai tre virologi e perché è solo controproducente.

Video di Jingle Bells cantata da Bassetti, Pregliasco e Crisanti

Ecco il video di Sì vax, versione di Jingle Bells cantata da Bassetti, Pregliasco e Crisanti:

Testo Sì vax, Jingle Bells cantata da Bassetti, Pregliasco e Crisanti

Se non vi basta il video, vi lascio di seguito anche il testo di Sì vax, Jingle Bells cantata da Bassetti, Pregliasco e Crisanti:

Sì sì sì vax vacciniamoci
Se tranquillo vuoi stare i nonni non baciare
Il Covid non ci sarà più se ci aiuti anche tu
Se vuoi andare al bar
Felice a festeggiar
Le dosi devi far
Per fare un buon Natal
Mangia il panettone
Vai a fare l’iniezione
Proteggi gli altri oltre a proteggere anche te
Con la terza dose tu avrai feste gioiose
Il Covid non ci sarà più se ci aiuti anche tu
Per il calo dei contagi dosi anche ai Re Magi

Perché Sì vax controproducente

Sui social le reazioni ovviamente non si sono fatte attendere. A prevalere, nettamente, le critiche. Una iniziativa del genere, così ridicola e imbarazzante, anche per come sia stata preparata, tra stonamenti e neve finta, non può che essere controproducente.

Chi non ha deciso di vaccinarsi, non può certo cambiare idea guardando uno scempio del genere. Anzi, sarà ancora più deciso a non vaccinarsi. Né tanto meno può rassicurare i bambini, costretti dai genitori e forse usciti anche più imbarazzati.

Su tutti, il più ridicolo è Crisanti, che sembra uno di quei bambini che nella recita natalizia non impara la canzoncina e muove solo la bocca. Ma forse, ciò è anche indice del fatto che sia il più serio dei tre. Visto che ormai Pregliasco ha superato l’imbarazzo dei primi tempi. Mentre Bassetti sembra già pronto per un Reality.

E pensare che un tempo i virologi era professionisti che lavoravano dietro le quinte, in compagnia solo di provette, microscopi e qualche collega. Non avevano onori e glorie, ma, sicuramente, non facevano neanche brutte figure come questa.

Ricevi le news via mail sul Covid-19 che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Una risposta a “Si vax, la Jingle bells cantata da virologi: una iniziativa squallida e controproducente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice