La rivoluzione russa compie un secolo: ma ecco perché il comunismo ha avuto meriti minimi

La rivoluzione russa compie un secolo: ma ecco perché il comunismo ha avuto meriti minimi

Quest’anno si celebreranno vari anniversari (li ho elencati tutti qui). Tra questi anche quello della rivoluzione russa, che compie un secolo. Essa si verificò in due tappe: tra il 23 e il 27 febbraio (secondo il calendario giuliano, 8-12 marzo per quello gregoriano) e tra il 24 e il 25 ottobre (7-8 novembre). Entrambi vengono definite bolsceviche ed entrambi responsabili della caduta della storica dinastia dei Romanov. All’epoca, sul trono sedeva Nicola II. Per poi portare alla nascita dell’Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, esistite fino al 1992.

Ma la storia che ci viene raccontata, come su altri argomenti, ci consegna solo una parte della verità. Perché solitamente scritta con la mano sinistra. La stessa con cui sono stati scritti i testi propinati ai bambini e ai giovani nelle scuole e nelle università. La rivoluzione russa fu infatti solo in minima parte spinta dai bolscevichi. Ovvero dai comunisti. Ecco come andarono i fatti.

Rivoluzione russa: caduta dei Romanov già segnata

nicola II dinastia famiglia romanovUn’ottima analisi ce la presenta Giampiero Berti su Il Giornale. Spesso autore di approfondimenti storici. Egli sostiene che era già in atto un’implosione dello zarismo, consumatosi proprio al suo interno. Tre anni di guerra (la prima guerra mondiale) avevano dissanguato il Paese, riducendo milioni di persone alla fame e allo stremo delle forze. L’ostinazione del governo nel volere continuare il conflitto, la sua ripetuta sordità a ogni richiesta di mitigare le condizioni disumane della popolazione e la sua incapacità nel far fronte ai più elementari bisogni sociali delegittimarono non solo la sua autorità politico-morale, ma anche quella sacro-imperiale dello zar. Perciò è del tutto ragionevole pensare che se non vi fosse stata la guerra, la rivoluzione non vi sarebbe stata.

Va aggiunto che la società russa – da sempre dominata dai ceti piccolo-borghesi – era allora composta da circa 140 milioni di individui, di cui oltre cento erano contadini. Molti di questi non sapevano bene cosa stesse accadendo. La stragrande maggioranza della popolazione era ben lungi dal pensare e dal volere una trasformazione radicale dell’esistente, anche se, allo stesso tempo, il suo sostegno al potere costituito era per molti versi venuto meno.

La rivoluzione russa di febbraio fu di natura liberale

rivoluzione russa febbraio bolscevichiTra il 23 e il 27 febbraio (secondo il calendario giuliano, 8-12 marzo per quello gregoriano) una sollevazione di popolo, in gran parte spontanea, provocò l’abdicazione dell’imperatore Nicola II, la fine della dinastia dei Romanov e dell’autocrazia. Il 23 febbraio ebbero inizio cruente manifestazioni di protesta a Pietrogrado, estesisi poi a Mosca e in altre località, che coinvolsero decine di migliaia di persone. Nel giro di pochi giorni il moto divenne inarrestabile, anche perché molti reparti dell’esercito, inviati per reprimere i disordini, fraternizzarono con la popolazione. Si formò un nuovo governo che varò alcune importanti misure, quali l’amnistia per i reati politici e religiosi; la libertà di parola, di stampa, di associazione, di riunione e di sciopero; l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge senza limitazione di condizione, di religione e di nazionalità; l’abolizione della polizia segreta; i diritti civili garantiti ai militari compatibilmente con il servizio prestato. Soprattutto fu decisa la cosa più importante, cioè la convocazione di un’Assemblea costituente da eleggersi a suffragio universale, mentre rimase sospesa la questione del futuro assetto istituzionale.

Erano tutte decisioni politiche di carattere democratico-liberale che portavano definitivamente la Russia, sia pure con grave ritardo e sotto l’incalzare di eventi drammatici, all’abbandono di ogni retaggio feudale, inserendola nel novero dei regimi costituzionali. Due furono gli errori gravissimi fatti dai due governi provvisori, il primo presieduto da L’vov, il secondo da Kerenskij: non avere avviato l’ormai improcrastinabile riforma agraria e, ancor più, avere deciso per la prosecuzione della guerra.

Fu soprattutto quest’ultima decisione che diede a Lenin e ai bolscevichi un grande vantaggio politico e morale. La loro parola d’ordine di un ritiro immediato dal conflitto li accreditò favorevolmente presso l’opinione pubblica, anche se siamo ben lungi dal registrare un vero consenso popolare alla loro azione e ai loro programmi. Nel 1917 in tutta la Russia i seguaci di Lenin risultavano 23.600 – totale degli iscritti al partito – a fronte del numero complessivo degli abitanti nel Paese: come abbiamo detto, 140 milioni circa.

La rivoluzione d’ottobre e il peso reale della classe operaia

lenin fotoLa rivoluzione d’ottobre è la conferma del fallimento scientifico del marxismo. Marx aveva previsto che la rivoluzione sarebbe scoppiata nei Paesi ad alto sviluppo capitalistico, dove esisteva una classe operaia di gran lunga maggioritaria, mentre in tutta la Russia gli operai non raggiungevano la quota di tre milioni, vale a dire che non superavano il 2,5% dell’intera popolazione (ma si tenga conto che molti erano contadini impiegati stagionalmente nell’edilizia e nella costruzione o nella manutenzione delle ferrovie). A Pietrogrado, la città dove i bolscevichi diedero inizio alla loro presa del potere, non erano più del 5% di tutti i lavoratori industriali, numero, a sua volta, del tutto insignificante rispetto a una popolazione complessiva di due milioni di persone.

Attuata tra il 24 e il 25 ottobre (7-8 novembre) la rivoluzione bolscevica non ebbe pressoché alcun carattere cruento e fu il frutto di circostanze altamente fortuite. Occupate le installazioni chiave della capitale, l’ufficio delle poste e del telegrafo, l’ufficio centrale dei telefoni, il quartier generale del comando militare del governo, i bolscevichi assaltarono il Palazzo d’inverno. L’intera guarnigione dei soldati avente sede nel palazzo Mihajlovskij si arrese senza colpo ferire: gli effetti devastanti del conflitto bellico avevano pressoché distrutto la struttura militare-poliziesca dello Stato, incapace ormai di rispondere ai comandi della sua classe dirigente, dispersa e disorientata. Ha ripetutamente scritto Trotsky che a dare seguito a questa azione furono circa 25mila militanti bolscevichi. Sono dunque stati questi 25mila rivoluzionari a decidere come doveva essere la Russia per tutti i 140 milioni di russi. La rivoluzione d’ottobre non fu una rivoluzione di popolo, ma l’esito fortunato del colpo di mano di un piccolo partito, privo di un vero consenso popolare.

Statua di Lenin trasformata in quella di Darth Fener di Star Wars: la brutta fine del comunismo

Del resto, la prova più evidente è offerta dalla significativa vicenda dell’Assemblea costituente, la sola istituzione potenzialmente democratica allora esistente. È noto che il risultato elettorale, maturato il 12 novembre, quindi dopo il colpo di mano comunista, confermò in modo inequivocabile il carattere minoritario del bolscevismo, avendo questo ottenuto il 24,7% dei consensi. A tale proposito è bene precisare che chi allora votò per i bolscevichi era ben lungi dall’avere l’esatta conoscenza di quanto gli stessi bolscevichi avevano realmente intenzione di fare una volta giunti al potere. Ciò che allora si conosceva del loro programma non era certo ciò che fu posto in atto più tardi. Riunitasi per la prima volta il 18 gennaio 1918, l’Assemblea fu subito chiusa (lo stesso giorno!) – e mai più riaperta – per volontà di Lenin e compagni. Così, dopo secoli di schiavitù dell’assolutismo zarista si passò, quasi senza soluzione di continuità, alla schiavitù del totalitarismo comunista.

Rivoluzione russa: il Marxismo c’entra poco

marx pensieroDunque, le rivoluzioni russe furono solo in minima parte di matrice proletaria. E spinte soprattutto da una crisi già interna della monarchia da un lato e dalle istanze liberali dall’altro. Così, viene anche meno la favola che a far nascere l’Urss sia stato il marxismo, data la scarsa partecipazione di operai e contadini. Alla fine, anche la rivoluzione russa è stata portata avanti da una elite che ha insediato un potere oligarchico (quello militare di Stalin e Cruscev, ben lontani dalle intenzioni originarie di Lenin) al posto della Monarchia. Del resto, Marx auspicava la nascita di un Eden sulla terra, dove non esistessero più classi sociali ed oligarchie.

Una teoria utopista su cui però in tanti, per secoli, hanno giustificato il proprio potere sanguinario e basato la propria carriera politica.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice