PIZZA NAPOLETANA ESCLUSA DALLA GUIDA GAMBERO ROSSO

PREMIATE UNA PIZZERIA VERONESE, DUE ROMANE E UNA CASERTANA
La città di Napoli subisce un nuovo smacco: formale certo, ma che in fondo fa rabbia. Nell’edizione rinnovata della guida gastronomica e turistica “Gambero rosso”, nella sezione dedicata alle migliori Pizzerie italiane, non ce n’è neanche una napoletana. Uno smacco per una città che ha inventato la Pizza facendone uno dei suoi punti di forza; assieme al caffè, alcuni dolci tipici e ovviamente le bellezze paesaggistiche e monumentali.

LE PIZZERIE PREMIATE – Secondo la nuova edizione della Guida, le Pizzerie meritevoli del più alto riconoscimento – ovvero i “tre spicchi” – sono le romane La Fucina e Sforno, la Pizzeria Pepe a Caiazzo (in provincia di Caserta) e perfino una in provincia di Verona: I Tigli San Bonifacio. In quest’ultimo caso si tratta di un autentico abbaglio, visto che questo locale è una focacceria e non una pizzeria. Un abbaglio madornale data l’importanza della guida.
PIZZAIOLI SUL PIEDE DI GUERRA– Il Gambero Rosso boccia i pizzaioli di Napoli: le polemiche
„Infuriato Massimo Di Porzio, vicepresidente dell’Associazione Verace Pizza: “Sono contro una linea editoriale ed imprenditoriale che esalta la fantomatica pizza gourmet a scapito della pizza napoletana che da sempre è un alimento semplice e popolare. Per questo è stata sempre snobbata dall’elite gastronomica, salvo poi scoprire che anche gli stellati stanno costruendo forni a legna all’interno dei loro prestigiosi locali. Al Salone del Gusto ci impegneremo ancora di più a sottolineare la peculiarità della pizza napoletana”.“
Mercoledì alle 13 è stata prevista una iniziativa da Sorbillo ai Tribunali con i cittadini ed i pizzaioli assieme al fondatore del Gambero Rosso, Stefano Bonini, che, si annuncia, “spiegherà il perché di una scelta che appare dettata più da motivi più politici ed economici che culinari”. Per l’occasione è stata offerta ai fortunati passanti anche la tradizionale pizza a portafoglio.
A 151 anni dallo scippo che i settentrionali ci inflissero in nome di una mai realizzata Unità d’Italia, ora ci tolgono pure il primato di uno dei nostri piatti più distintivi. Sud ancora una volta sacrificato al Nord dunque, checché ne dicano Bossi e compagni.
(Fonte: Napoli Today)
/ 5
Grazie per aver votato!

0 Risposte a “PIZZA NAPOLETANA ESCLUSA DALLA GUIDA GAMBERO ROSSO”

  1. anch'io ho mangiato una buona pizza da Sorbillo, Decumani e al 22 in Pignasecca… in altre zone d'Italia, in verità, non ho avuto il coraggio di provarla, dopo aver avuto pareri negativi da parte di amici!

  2. immagino che il loro criterio di giudizio sia la qualita' dei prodotti (forse non tenendo in particolare considerazione la qualita' della pasta di pane). sotto questo aspetto c'è da dire che la maggiori parte delle pizzerie napoletane utilizzano oramai sempre piu' raramente prodotti di qualita'. per quanto mi riguarda le poche eccezioni sono Michele (con il fior di latte di agerola e la sua 'storia' per cui è l'unica pizzeria dove farei la fila) poi Mattozzi a via Filangieri e Salvo a S.Giorgio. sono sempre piu' orfano di Lombardi a S.Chiara . non sono mai stato a La notizia a via caravaggio di cui ho sempre sentito parlare bene. per il resto ci sono tante ottime pizzerie : 'gente che sa fare la pizza ' . come ottimo compromesso tra pizzeria popolare e buona qualita' con prezzo onesto e buon servizio a Napoli mi piace Oliva alla Sanita'. Ciao!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice