Partito animalista, l’ultima diavoleria di Berlusconi: chi ne fa parte

Partito animalista, l’ultima diavoleria di Berlusconi: chi ne fa parte

Data ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2021

Silvio Berlusconi è politicamente risorto per l’ennesima volta. E rischia di essere ancora decisivo per gli equilibri della politica italiana. In fondo, il fatto che con il Pd al Governo gli indicatori economici siano tutti negativi da 6 anni, e che il Movimento cinque stelle sia ancora impreparato per governare il Paese (come dimostrano i continui imbarazzi al governo di enti locali), gli danno ancora ossigeno. Berlusconi, da genio del male qual è, se ne inventa poi sempre una nuova. E così ha messo a segno l’ultimo colpo: il Partito animalista.

Sa bene infatti quanto gli italiani tengano a cuore gli animali domestici (per moda o sincerità, poi dipende caso per caso) ancor più dei propri parenti, vicini o amici. Quanto anche in Italia stiano aumentando vegetariani e vegani (sebbene anche qui occorra distinguere tra chi lo fa per vera filosofia di vita e chi per seguire una moda. E quanto la politica faccia poco per tutelarli (addirittura il Governo Monti voleva tassarne la proprietà). La mossa di farsi fotografare mentre allattava un agnello nel periodo di Pasqua, è stata il preludio di questa ultima diavoleria (anche se a me ha più ricordato il dottore del film di Woody Allen che si innamora di una pecora). Leader del partito sarà Michela Brambilla, che da anni appare in Tv con qualche cagnolino in braccio. Nuova Giovanna D’Arco di fido e kitty. Ma chi farà parte del Partito animalista? Vip, riciclati dei defunti Verdi e membri di associazioni animaliste. Ecco i nomi.

Chi fa parte del Partito animalista

partito animalista berlusconi agnelloCome riporta Il Corriere della sera, i filoni sono due: i «testimonial», ovvero i Vip, come Fiona Swarovski, Rita Dalla Chiesa, Andrea Roncato, Marina Ripa di Meana. E quello «politico», figure che hanno un ruolo nelle varie sigle dell’animalismo italiano e guardano con interesse alla nuova forza. Una di queste è Carla Rocchi, quattro legislature in Parlamento con i Verdi. «Sono molto favorevole» dice. Presiede l’Enpa, la più antica associazione di protezione animali (la fondò Giuseppe Garibaldi nel 1871). Critica la litigiosità delle organizzazioni animaliste come Lav (Lega anti vivisezione) e l’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) ma si dice convinta che possano convergere in questo partito animalista.

Allevamenti illegali: ecco un video choc di una tigre col muso di cane

Vedremo quanto prenderà alle prossime elezioni politiche. Resta il fatto che Berlusconi si conferma un genio, sempre capace di tirare fuori un nuovo coniglio dal cilindro. La foto con l’agnellino è già un ottimo manifesto elettorale. Una sorta di Hannibal Lecter de Il silenzio degli innocenti.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice