NUOVE ACCUSE DI PARENTOPOLI CONTRO LA GIUNTA DE MAGISTRIS, E IL SINDACO SI DIFENDE SU TWITTER

RIGUARDANO GLI ASSESSORI TOMMASIELLI, SODANO E MOXEDANO. A CIO’ SI AGGIUNGE L’INCHIESTA SULL’AMERICA’S CUP
Come temevo un po’ di tempo fa, l’arancione della rivoluzione sbandierata dall’ex Pm Luigi de Magistris a Napoli sta assumendo sempre più le tinte di un tramonto. Alla già lunga lista di casi di parentopoli e amicopoli che riguardano la sua Giunta, se ne aggiungono altri tre, tutti già perdonati da Giggino. Come non bastasse, l’ex Magistrato delle inchieste calabresi è indagato insieme ad altre persone tra cui il fratello Claudio, per gli appalti riguardanti la Coppa America. Inchiesta che si aggiunge (primo caso in Italia) a quella riguardante le buche che funestano il manto stradale della città.

IL CASO DEI 3 ASSESSORI – Dalloo scorso mese l’Assessore Assessore allo Sport, Politiche familiari e Pari Opportunità Pina Tommasielli è indagata per aver fatto cancellare una decina di contravvenzioni al cognato e alla sorella, riguardanti soprattutto l’immissione nella ZTL che invece a loro, secondo la Tommasielli spetterebbe. L’Assessore aveva anche dato le dimissioni ma è stata perdonata dal Sindaco, perché ritenuta in gamba e molto impegnata in questi primi due anni.
Poi è toccato  al vicesindaco Tommaso Sodano, indagato per aver assegnato un progetto all’Università di Bergamo dove, secondo la Procura, lavora una docente a lui legata. Anch’egli ha incassato l’assoluzione di de Magistris, beccandosi solo una “tiratina d’orecchie”.
Infine è toccato all’assessore al Personale (incarico ottenuto in un secondo momento, a seguito di un rimpasto) Franco Moxedano, che a ferragosto ha nominato 30 dirigenti a tempo determinato, tra cui il cognato – Luigi Filace, fratello della moglie di Moxedano – e uno dei curatori della campagna elettorale del sindaco arancione: Nello Di Nardo. Anche Moxedano resta al suo posto, perché come dice il Sindaco: “Lavora da 30 anni presso il Comune ed è indicato dall’assessore al bilancio (Salvatore Palma, ndr) per la sua competenza”.
INDAGATI PER L’AMERICA’S CUP – Da giugno la  Procura di Napoli indaga sulla modalità di assegnazione degli appalti necessari allo svolgimento delle World Series, le regate preliminari della prestigiosa gara. Una grana che vede cinque indagati eccellenti, protagonisti della fase preliminare della Coppa America che si è svolta a fine aprile. Le accuse sono turbativa d’asta e abuso d’ufficio in relazione all’ingresso, quale socio privato, dell’Unione industriali di Napoli prima e della Camera di Commercio poi nella società Acn (America’s Cup Napoli). Nel mirino ci sono anche le manifestazioni collaterali che si sono tenute in piazza del Plebiscito e sul Lungomare in occasione dell’evento internazionale. Gli inquirenti, coordinati dal procuratore Francesco Greco, vogliono far chiarezza su come è nato l’accordo con gli americani, come sono stati gestiti gli appalti per il villaggio e per la gestione delle gare.
Tra gli indagati c’è Luigi De Magistris, il governatore della Regione Campania Stefano Caldoro, l’ex presidente della Provincia Luigi Cesaro, il fratello del sindaco, Claudio de Magistris, consulente per i grandi eventi del primo cittadino, il capo di gabinetto, Attilio Auricchio, il presidente dell’Unione industriali, Paolo Graziano, l’ex amministratore di Acn, Mario Hubler e il presidente della Camera di Commercio partenopea Maurizio Maddaloni.
SI DIFENDE SU TWITTER – Ieri notte, con una ventina di messaggi, de Magistris ha affidato a Twitter la sua difesa, citando le cose buone fatte in questi due anni. Il primo è stato: «Due anni fa era un Comune fallito con tutte le sue partecipate, lo abbiamo salvato, non abbiamo licenziato una persona, non abbiamo privatizzato». Poi è stata la volta dei rifiuti: «Prima di diventare sindaco Napoli con fiumi di soldi era piena di rifiuti, con noi, senza soldi, no rifiuti, no discariche e non inceneritori». Quindi è arrivata la stoccata ai «media nazionali» che «non raccontano la nostra rivoluzione sui rifiuti, non è una notizia». Il primo cittadino, nello spazio di pochi minuti, passa poi alla questione acqua: «Siamo l’unica città d’Italia e unica in Europa insieme a Parigi ad avere acqua pubblica e applicato volontà referendum». Guai, poi, a parlare di debiti e disavanzo. Nel tweet delle ore 00.25, de Magistris, scrive così: «Ci hanno dato un Comune con 1 miliardo e mezzo di debiti e 850 milioni di disavanzo e dopo soli due anni abbiamo salvato dal fallimento Napoli». I trasporti? «Abbiamo creato la più grande azienda di trasporto pubblico d’Italia (metro, bus e parcheggì), no privatizzazione», scrive.
Tra i risultati il sindaco di Napoli cita: «eliminata vergogna esternalizzazione voluto dal Pd di tutto il patrimonio del Comune, ora tutto pubblico», e ancora: «abbiamo eliminato consulenze esterne, oltre cento dirigenti esterni, costi della politica, fitti passivi, benefit vari». In una Napoli «piena di turisti come non si vedevano da 20 anni», de Magistris rivendica di aver portato «Coppa America, Coppa Davis, inizio Giro d’Italia, the Boss, il Forum Internazionale delle Culture». Non poteva, poi, mancare, il ‘lungomare liberato: «Ho pedonalizzato da due anni il più bel lungomare del mondo, 5 km, ma solo i Fori Imperiali, bravo Ignazio, fanno notizia!». E poi le periferie di nuovo vive, la metropolitana, il centro storico. «Potrei continuare ma mi fermo, tanto quello che passa sono le solite cose» scrive all’una di notte quando aggiunge: «Per carità, siamo i peggiori amministratori, ma liberi e onesti». Poi, per concludere, un avvertimento: «Non ci avrete, non ci comprerete, non cediamo ai vostri ricatti, non ci facciamo condizionare, non abbiamo paura di camorra e colletti bianchi». E, infine, quello che per lui conta: «Il popolo e amo guardare persone le persone negli occhi, ascoltare i drammi, accarezzare i bambini e i più deboli. Loro hanno ragione».
BENE SULL’IMMAGINE INTERNAZIONALE, MA GLI IMBARAZZI COMINCIANO AD ESSERE TROPPI – Governare una città come Napoli è molto complicato e a de Magistris va comunque dato atto di aver ridato un po’ di dignità all’immagine della città a livello internazionale. Del resto chi ha governato la città negli ultimi vent’anni ha solo alimentato clientelismo e malaffare, abbandonando la città alla propria sorte.
Ma gli imbarazzi che riguardano la sua Giunta cominciano a diventare troppi, specie per chi, in campagna elettorale, ha sbandierato la lotta al familismo, alla corruzione e al consociativismo. Alla rottura, anzi, per dirla a modo suo “allo scassamento” col passato.
Si è partiti subito con il fratello alla consulenza per i Grandi eventi, la cugina nello staff della Tommasielli e i compagni di scuola e gli amici piazzati qua e là. Poi si è passati allo stravolgimento della squadra iniziale, alle inchieste e ai tre casi degli assessori sopra descritti. E siamo appena ai primi due anni di governo locale…

/ 5
Grazie per aver votato!

0 Risposte a “NUOVE ACCUSE DI PARENTOPOLI CONTRO LA GIUNTA DE MAGISTRIS, E IL SINDACO SI DIFENDE SU TWITTER”

  1. Io fossi a "Giggino o' flop" non mi fiderei tanto, come dice lui "a guardare le persone negli occhi", soprattutto se sono cittadini delle periferie e nello specifico della zona orientale: rischierebbe una ricca sputata in occhio (Totò docet).

  2. Sono una anziana Napoletana verace 'prestata' alla padania da 12 anni e notizie del genere mi affliggono tanto.E' impossibile sognare per la mia Napoli un vivere normale???CiaoooooooooAngela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice