MORTO DON BOZZO, PADRE SPIRITUALE DI FORZA ITALIA

MORTO DON BOZZO, PADRE SPIRITUALE DI FORZA ITALIA

Si è spento ieri nella sua abitazione di Genova, all’età di 84 anni, Padre Gianni Baget Bozzo, consigliere politico e spirituale di tre Presidenti del Consiglio: il democristiano tendente a destra, Fernando Tambroni prima, il socialista Bettino Craxi poi e, infine, Silvio Berlusconi, con il quale collaborò alla fondazione di Forza Italia, essendo uno dei principali fautori della “carta dei valori” del partito.

Fu ordinato Sacerdote relativamente tardi, a 42 anni, mentre era già molto attivo in politica poco più che ventenne, appoggiando le istanze della Democrazia cristiana. All’inizio degli anni ’80 però, si avvicinò allo PSI di Craxi, sia perché la DC si stava mostrando molto più disponibile nei confronti del PCI, sia perché il leader socialista si proponeva come grande riformista della politica italiana, pronto al sorpasso, a sinistra, dello stesso Partito comunista.
Fu eletto, proprio nelle file dello PSI, europarlamentare nel 1984, carica che gli costò la sospensione dal suo incarico clericale, e un processo, dopo una sentenza del  tribunale ecclesiastico metropolitano di Genova, riunitosi in seduta collegiale il 29 luglio 1985.
Dopo il terremoto di “Mani pulite” che sfasciò sia DC che PSI, Bozzo si avvicinò a Berlusconi, il quale con il suo progetto, Forza Italia, rappresentava quel giusto compromesso tra cattolici ed ex socialisti. Redisse, di fatto, la carta dei valori del partito e ne restò legato fino agli ultimi giorni della sua vita, appoggiando anche il progetto del Popolo della Libertà.
Un prete politicamente attivo insomma, con le sue idee a volte anche bizzarre e in controtendenza rispetto a quelle del Vaticano. A me non suscitava alcuna simpatia, ma mi sarebbe piaciuto sapere cosa pensava delle vicende sentimentali dell’ultimo leader cui è stato vicino, il Cavaliere. Stando però al suo modo di pensare, alquanto diverso rispetto ai canoni ecclesiastici, forse non lo avrebbe nemmeno condannato.
/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice