Indivisibili: trama, recensione e trailer di una Gothic Novel della Terra dei fuochi

Ai David di Donatello 2017 ben 17 nomination spettano a Indivisibili, film di Edoardo De Angelis. In ex equo con La pazza gioia di Paolo Virzì. Due ottimi film, emozionanti. Aventi trame diverse, certo, ma che entrambi raccontano storie di donne che cercano disperatamente di ribellarsi al mondo che le circonda. Anche utilizzando mezzi estremi per il proprio fine. Li ho visti entrambi e qui parlo specificamente di Indivisibili. Anche per la prossimità del luogo in cui è ambientato a dove abito: Castel Volturno. Di seguito riporto trama, recensione e trailer di Indivisibili.

Hai fretta? Leggi direttamente ciò che ti interessa:

Indivisibili, trama

Vediamo innanzitutto la trama di Indivisibili, uscito nel settembre dello scorso anno.

INDIVISIBILI locandinaDue sorelle siamesi, Viola e Dasy – interpretate dalle diciottenni gemelle Marianna e Angela Fontana – sono cantanti neomelodiche, che vengono sfruttate dalla propria famiglia che del loro talento ci ha fondato una miniera d’oro. A scrivergli le canzoni è il padre, mentre la madre è perennemente ubriaca e fatta. E, a detta del marito, ciò avrebbe anche causato la deformità delle figlie. Ma a sfruttarle è anche la Chiesa locale, capeggiata da un bislacco prete sui generis, che le sfrutta per le processioni aizzandole a sante con tanto di stigmate provocate con tagli ai palmi della mano. Pertanto, il loro talento, ma soprattutto, la loro deformità, è una miniera d’oro in una terra dove il disagio sociale è imperante. E le possibilità di guadagnare sono poche. E spesso derivano da espedienti poco leciti e freganti il prossimo.

Tutto scorre liscio finché un dottore, dopo averle viste, asserisce che si possono separare. E che stanno vivendo inutilmente da handicappate quando in realtà potrebbero condurre una vita normale. Così, la più sveglia delle due decide di spiccare il volo da quella gabbia familiare e naturale nella quale è rinchiusa. Mettendo fine a un mondo e una vita non proprio giusti. Le loro vicende sono scandite dalla musica di Enzo Avitabile. Su tutte, la toccante canzone: Tutt’eguale song ‘e criature.

Indivisibili: recensione

indivisibiliDopo Perez, secondo lungometraggio del promettente Edoardo De Angelis. Il quale sta impegnando la sua filmografia sul racconto della difficile realtà campana. Soprattutto, quella della Terra dei fuochi. Da anni ormai ai disonori delle cronache nazionali, sebbene se ne parli tanto ma poi non si fa nulla per  mitigarlo. Il giovane regista, alla soglia dei quarant’anni, lo fa però da un’altra prospettiva. In una sorta di gothic novel dove non si vedono droga e sparatorie. Ma il disagio è tutto culturale. Ambientato nella difficile Castel Volturno, il film rievoca Inseparabili di Cronenberg, anche e soprattutto nella sequenza finale, ed offre un nuovo spunto di riflessione sulla complicata Terra dei fuochi.

Di seguito posto il trailer del film:

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. Per collaborazioni, banner, segnalazioni o richieste: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Una risposta a “Indivisibili: trama, recensione e trailer di una Gothic Novel della Terra dei fuochi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice