ALTRO CHE RINNOVABILI, LA RISORSA DEL FUTURO SARA’ ANCORA L’INQUINANTE CARBONE

Data ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2012

Secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia, “la domanda di carbone nel mondo crescerà del 21% entro il 2035
Il carbone è stato una risorsa energetica fondamentale per la rivoluzione industriale ottocentesca; un motore trainante per lo sviluppo tecnologico ed economico dell’umanità. Una risorsa la cui importanza è stata conservata anche nel ‘900 e proseguirà pure in futuro, purtroppo per noi, essendo il carbone altamente inquinante. Dunque non sarà solo il petrolio a minare l’ecosistema del Mondo, e siamo ancora lontanissimi da una svolta in favore delle energie rinnovabili. Inoltre, nel Mondo per estrarlo muoiono ancora migliaia di operai. 


I PAESI CHE NE FANNO PIU’ USO– Secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia, “la domanda di carbone nel mondo crescerà del 21% entro il 2035”. Sono già più di mille i nuovi impianti in arrivo: bruciando il buon vecchio combustibile fossile, immetteranno in atmosfera una quantità di gas serra pari a quelle dell’intera Cina, ormai il più grande inquinatore del pianeta. Catastrofe climatica assicurata, avverte il World Resources Institute, ma l’allarme cade nel vuoto: l’importante, per i super-produttori, è garantirsi energia a basso costo. Proprio la Repubblica Popolare, insieme all’India, ospiterà più di tre quarti di questi nuovi impianti. I due giganti asiatici però non sono soli: fra i 10 principali importatori e utilizzatori di carbone restano anche nazioni europee “virtuose” come la Germania, il Regno Unito e, nonostante la forte vocazione nuclearista, la Francia.
Se il vecchio carbone vivrà una nuova giovinezza in Europa e in Giappone, ci sono Paesi come Turchia e Russia che – riguardo a nuove centrali – coltivano progetti ambiziosi ma ancora incerti. Senza contare la costellazione di economie emergenti (dal Senegal alla Cambogia, fino all’Uzbekistan) che hanno fame di energia immediata e poco costosa, ma non dispongono di giacimenti entro i propri confini.
I NUMERI – Il combustibile più inquinante del mondo non passa mai di moda: come 200 anni fa, è ancora leader nell’industria energetica. Sono infatti 483 le compagnie elettriche che, in tutti i continenti, si apprestano a costruire ben 1.199 nuove centrali. Impianti che, come evidenzia lo studio Global Coal Risk Assessment (qui il documento integrale, in inglese), saranno capaci di fornire elettricità per oltre 1.400 Gw: una quantità di energia enorme, pari a quattro volte quella attualmente prodotta (con il carbone) negli Stati Uniti d’America. Il record di progetti è detenuto dall’India, che da sola costruirà 455 nuove centrali; segue la Cina, con 363. E le 381 rimanenti? Saranno sparse in 57 altri Paesi. Fra cui l’Italia, dove lo studio prevede i cantieri per l’avvio di 4 nuovi impianti.
LE PREVISIONI NEGATIVE DEGLI SCIENZIATI – Uno scenario che, secondo il responsabile della Campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia, Andrea Boraschi, deve preoccupare: costruire oggi infrastrutture energetiche di quel tipo vuol dire “aggiungere un contributo enorme alle emissioni di gas serra per almeno 30 o 40 anni”. E’ questione di numeri, avverte Boraschi: anche se l’Europa dovesse frenare, “se Cina e India non invertiranno presto la rotta, la strada verso il caos climatico sarà sempre più breve e diretta”.

0 Risposte a “ALTRO CHE RINNOVABILI, LA RISORSA DEL FUTURO SARA’ ANCORA L’INQUINANTE CARBONE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice