Crea sito

QUANDO C’ERA BERLINGUER: DOPO AVER ROVINATO LA SINISTRA, VELTRONI VUOLE REDIMERSI CON UN FILM

IL DOCUFILM USCIRA’ IL PROSSIMO 27 MARZO ED E’ UNA RACCOLTA DI TESTIMONIANZE SULLA VITA DEL LEADER DEL PCI. MA L’EX SEGRETARIO DEL PD NON HA CERTO SAPUTO COGLIERE L’EREDITA’ DEL SUO MAESTRO, ANZI
Quando c’era Berlinguer, c’era la sinistra. Così come c’era la destra quando Giorgio Almirante era ancora in vita. E così come nella Democrazia cristiana c’era ancora un po’ di umanità e perbenismo prima che Aldo Moro venisse ammazzato dalle Br e in fondo dal suo stesso partito. Se film su quest’ultimo (o sul contesto che portò alla sua morte) ne sono stati fatti diversi, e se su Almirante vige ancora un certo tabù ormai ridicolo e anacronistico, nelle sale arriva anche un film sul primo. Quell’Enrico Berlinguer stimato da tutti, amici e nemici, che con la sua morte ha lasciato un vuoto nella sinistra italiana mai più colmato; ma, in fondo, anche nella politica italiana. Del resto, fu lui a parlare per primo di “questione morale” oltre trent’anni fa. Percependo la degenerazione della politica italiana giunta poi a livelli disgustosi nella Seconda Repubblica. Uno dei suoi eredi idegni ora gli dedica un Docufilm: proprio quel Walter Veltroni che, insieme ai vari D’Alema, Fassino e company (o se preferite compagni), hanno trasformato la sinistra italiana hanno contribuito a far nascere il Berlusconi politico, dandogli ossigeno ancora oggi.

IL FILM – Nel docufilm Enrico Berlinguer viene ricostruito attraverso immagini di repertorio e interviste a chi l’ha conosciuto, ha vissuto e lavorato al suo fianco. Con poco riguardo per la vita personale e una marcata attenzione per la vita professionale viene ricostruito il percorso che l’ha reso il leader più amato del suo partito, un simbolo di rettitudine politica, un modello stimato anche dalle parti opposte dello schieramento.
Quando c’era Berlinguer si pone la più giusta tra tutte le domande che occorre porsi parlando di Enrico Berlinguer oggi: com’è possibile che in un certo punto della storia italiana la morte di un politico abbia scatenato un’adunata di massa senza precedenti e una commozione generale autentica e struggente? Walter Veltroni lo fa nonostante non faccia mistero che per se stesso questo non è mai stato un mistero. Nel suo documentario infatti non manca di inserire la propria voce fuoricampo, di rimarcare la maniera in cui la propria storia politica (agli inizi) si sia sovrapposta con quella di Berlinguer e di indicare se stesso nei filmati di repertorio.
Veltroni insomma non si nasconde ma apertamente cerca di spiegare Berlinguer a chi non l’ha vissuto e in questo senso l’inizio molto ruffiano con un montaggio di persone comuni, ragazzi e adulti a cui viene chiesto chi fosse Berlinguer e che rispondono con un misto di ignoranza e conoscenza dell’uomo, è abbastanza indicativo.
Potendo attingere ad un bacino di testimonianze e persone vicine a Berlinguer, Quando c’era Berlinguer sceglie di costruire mediaticamente l’identità del più noto leader del partito comunista in Italia come una superstar della politica, un leader vincente.
Quando c’era Berlinguer non vuole solo conquistare la testa del suo pubblico, vuole anche la pancia. Ma è difficile che la ottenga con quest’abuso di esibito compiacimento sentimentale. Insomma, in questo ricordo in fondo sincero, Veltroni vuole pure arruffianarsi gli spettatori. Sperando, magari, che diventino pure suoi elettori…
VELTRONI SBUGIARDATO DA UN LIBRO– Nel 2008 un libro uscito due anni fa ben spiega cosa risiede alla base della morbida opposizione, per non dire l’autentica “stampella”, che post-comunisti come D’Alema, Fassino, Veltroni, Napolitano, stanno porgendo al Cavaliere da quando è “sceso” in politica. L’opera si chiama “Il baratto – Il Pci e le televisioni. Le intese e gli scambi tra il comunista Veltroni e l’affarista Berlusconi negli anni Ottanta”, autore Michele De Lucia, editore Kaos.
Il libro ricostruisce come la corrente “migliorista” del Pci abbia avuto stretti legami economici e di convenienza con il Cavaliere: partendo dagli anni Settanta, con gli scritti giovanili di Walter Veltroni, comunista togliattiano anti-capitalista e impegnato nella «costruzione del socialismo in Italia». Tra capitali “svizzeri”, edilizia e prestanome risiederebbero i traffici affaristici del piduista Silvio Berlusconi con la partitocrazia, come testimoniano le agende di Mino Pecorelli. Poi gli anni Ottanta, con le televisioni locali del Pci comprate da Berlusconi, secondo la testimonianza di Primo Greganti; l’incontro “riservato” fra Occhetto-Veltroni e l’ex piduista 1816; per giungere poi al baratto veltroniano con Dc e Psi del gennaio 1985: il via libera al decreto-Berlusconi del governo Craxi, in cambio di Raitre al Pci ripagato con i soldi berlusconiani al giornale della destra comunista “Il Moderno” e ai Festival de “l’Unità”.
Infine, ciò che avvenne a Mosca nell’aprile 1988: megacontratto fra la televisione sovietica e la Fininvest. Berlusconi diceva: «Noi non abbiamo cattivi rapporti col Partito comunista italiano, e cerchiamo di averne sempre di migliori». Veltroni gli rispondeva compiaciuto: «Intendo rivolgere a Berlusconi due complimenti sinceri, di stima: il primo per la sua capacità di imprenditore che è riuscito a “inventare” un settore, e il secondo complimento va alla sua capacità di aver imposto, attraverso un alto grado di egemonia, i tempi della decisione politica in un settore così delicato come quello nel quale opera».
Morale della facola: il Pci ha contribuito a donare la metà della ricezione televisiva nazionale in mano ad una sola persona, la quale,  qualche anno dopo l’ha utilizzata come arma micidiale per farsi propaganda. Fallito il Pci, chi è venuto dopo ha perseverato su questa strada, non affrontando mai il conflitto d’interessi che si era venuto a creare. 
Forse, se Veltroni avesse fatto un docufilm su Berlusconi, sarebbe stato più sincero. 

0 Risposte a “QUANDO C’ERA BERLINGUER: DOPO AVER ROVINATO LA SINISTRA, VELTRONI VUOLE REDIMERSI CON UN FILM”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.