Crea sito

PISA TORNA UNA REPUBBLICA MARINARA, MA ERA NECESSARIO?

Data ultima modifica: 17 Febbraio 2013

GLI AMBIENTALISTI CRITICANO I LAVORI DEL NUOVO PORTO DI BOCCADARNO, ETICHETTANDOLO COME UNA NUOVA COLATA DI CEMENTO
Non c’è più il Conte Ugolino, né le battaglie contro Genova, e neanche D’Annunzio a decantarlo. Comunque Pisa torna come ai tempi di quand’era una gloriosa Repubblica marinara, almeno nelle intenzioni un po’ grossolane e guasconi dei responsabili del progetto. Il lungomare di Boccadarno, a Marina di Pisa, è stato ristrutturato a partire dal 2010 e i lavori sono stati conclusi in questi giorni.  La posa della prima pietra del porto è avvenuta alle ore 15 del 26 aprile, alla presenza dell’allora Ministro dell’ambiente Altero Matteoli, livornese doc, fiero di un’opera che magari servirà anche a lui e ai suoi amici per parcheggiarci un bello yacht.

IL PROGETTO – Il progetto da 200 milioni di euro del porto e dell’area urbanistica e commerciale è stato affidato alla Cmc di Ravenna, una maxi cooperativa specializzata in infrastruttura portuali, con un fatturato medio annuo di oltre 700 milioni di euro, più di cinquecento dipendenti e un indotto di oltre novemila persone e cantieri in Cina, Africa, Sudan e Algeria. Che sia un’opera destinata a rivoluzionare il territorio (e anche al centro di una serie di velenosissime polemiche) lo testimoniano i numeri. In un’area di venti ettari non nascerà soltanto il porto da 475 posti barca, ma residenze, negozi, un quartiere di duecento appartamenti, un albergo da quattro stelle al centro del bacino portuale, una passeggiata a mare ridisegnata.
LE POTENZIALITA’ – Il porto presenta grandi potenzialità turistiche per l’area. Almeno cento posti sono già stati prenotati e a partire da maggio yacht, panfili e vele saranno ancorati e modificheranno radicalmente il paesaggio di Marina di Pisa.
A Pisa non arriveranno solo panfili e yacht, ma le imbarcazioni potranno risalire dalla porta sul mare dell’Arno sino al centro di Pisa, una straordinaria «strada liquida» che in futuro potrebbe addirittura continuare sino a Firenze e già oggi può unirsi al Canale dei Navicelli. Accanto al porto, realizzato dalla società Boccadarno partecipata da imprenditori locali, nasceranno nei prossimi tre anni residenze, centri commerciali e appartamenti, un quartiere affacciato al mare e un albergo.
LE CRITICHE DEGLI AMBIENTALISTI– Certo, non mancano le polemiche di ambientalisti e sinistra radicale che quel porto non l’hanno mai voluto. Boccadarno si trova alla foce dell’Arno, davanti alla sponda nord del parco naturale di Migliarino San Rossore (oasi protettissima) e comitati ed ecologisti sono sicuri che «la colata di cemento» provocherà problemi anche di erosione. I progettisti, invece, sono convinti del contrario e replicano mostrando gli studi d’impatto ambientale. Ci sono poi polemiche velenose sui terreni (comunali) che per alcuni sarebbero stati concessi a prezzi troppo bassi per un progetto non pubblico ma interamente privato. Veleni che però si dimenticano nel giorno della pre-inaugurazione davanti a una mega struttura costata 100 milioni di euro e che vedrà investimenti per atri 100 quando saranno costruiti un albergo e residenze. Però è anche vero che il porto di Boccadarno regala di nuovo alla città della Torre il blasone marinaresco, come ai tempi gloriosi della Repubblica. E, ancora una volta, oscura Livorno che da almeno trent’anni discute e ridiscute il progetto di un porto turistico ancora da realizzare.
«La foce dell’Arno ha una soavità così pura che non so paragonarle a nessuna bocca di donna amata. Avevo bisogno di questo riposo e di questo bagno nel silenzio delle cose naturali. Ora sto molto meglio», scriveva Gabriele D’Annunzio, che in quelle zone trascorse indimenticabili soggiorni con Eleonora Duse. E chissà quali versi scriverebbe oggi, che sull’Arno non riposano più ridenti barche dei pescatori ma volgari yacht dei nababbi.

0 Risposte a “PISA TORNA UNA REPUBBLICA MARINARA, MA ERA NECESSARIO?”

  1. Sempre i soliti -.- ed io che al mare andavo a marina di Pisa, dato che a differenza di Viareggio e Tirrenia era più pulita..adesso, col porto è tutta un'altra storia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.