NEL 2015 ITALIA PEGGIO DELLA GRECIA, L’ALLARME DEL FMI

Data ultimo aggiornamento: 10 Aprile 2014

IL PIL CRESCE POCO, MENTRE LA DISOCCUPAZIONE AUMENTA. PEGGIO DI NOI SOLO Finlandia, Slovenia E Cipro
Il Fondo monetario internazionale pubblica dei dati a dir poco inquietanti sull’economia del nostro Paese, con previsioni per il 2015 peggiori della Grecia, complici un PIL che cresce poco e una disoccupazione che si aggrava; anche se nel 2015 quest’ultima calerà di un punto. Soltanto Finlandia, Slovenia e Cipro riusciranno a fare peggio all’interno dell’area euro.

I DATI ALLARMANTI – Secondo le stime contenute nel World Economic Outlook (Weo) del Fondo Monetario Internazionale, la disoccupazione cresce al 12,4% nel 2014, dal 12,2% del 2013, per poi calare all’11,9% nel 2015. Come se non bastasse, quest’anno la performance dell’economia italiana sarà uguale a quella della Grecia (+0,6%).
La situazione peggiorerà nel 2015 però perché Atene doppierà l’Italia: infatti il pil greco crescerà del 2,9%, mentre quello del Belpaese dell’1,1%.
Inoltre, per il Fmi, l’indice dei prezzi al consumo nel nostro paese crollerà allo 0,7% dall’1,3% del 2013 per risalire all’1% nel 2015.
SERVONO RIFORME – La ricetta del Fmi è basata su “ulteriori misure per far ripartire l’offerta di credito”. Tuttavia, “la crescita dell’Italia è migliorata ma è necessario andare avanti con le riforme, soprattutto la riforma del lavoro e quella giudiziaria”, ha spiegato Thomas Helbling del Fondo Monetario Internazionale (Fmi). Che poi ha aggiunto: “In Italia la ripresa è in corso ma il potenziale di crescita resta basso. C’è un insieme definito di riforme strutturali per le quali il Fondo ha fatto pressioni e che comprendono riforme del lavoro, tasse sul lavoro più basse e una pubblica amministrazione più efficiente”.

(Fonte: Il Giornale)

0 Risposte a “NEL 2015 ITALIA PEGGIO DELLA GRECIA, L’ALLARME DEL FMI”

  1. ANIME SOSPESE Le ho viste aggirarsiin tutte le stazioni,in cerca della loroidentità perduta.Vita vissuta ai margini della dignitàimposta da una società malata,priva di amore verso i più umiliche stanchi di lottare si sono arresiassistendo impassibili alla vitache non gli appartiene più.Vita ricercata nella folla frettolosaschiava del tempo che passa veloce.Come fossero automitaluni offrono una moneta,tenendo in vitaqueste anime sospesecondannate a fare da specchio a tutta l’umanità.Vittorio

  2. Quando il Fondo monetario fa pressione per ulteriori riforme nel campo del lavoro, in tasse per le imprese più basse, e per una amministrazione pubblica più efficiente, ha ragione. Oltre a ciò aggiungerei di incentivare la libera professione rendendo molto facile e poco costoso la costituzione di una propria impresa individuale, sulla quale si paghino le tasse solo sull'effettivo guadagno a posteriori e non su quello presunto per categoria, e la cui costituzione sia burocraticamente semplice, come anche la gestione e la tenuta poco costosa. Oltre a ciò penso potrebbe essere una buona idea aumentare l'orario di produzione aziendale fino a 12 o 16 ore, facendo coprire l'orario lavorativo da più lavoratori in successione che non potranno e né dovranno lavorare per più di 6 o 8 ore (attualmente molto aziende sfruttano al massimo i lavoratori, specie se precari, pretendendo orari assurdi e straordinari ogni giorno, facendo in pratica lavorare una persona come se fossero dure), in questo modo lavorerebbero due persone al posto di una, con incentivi alle aziende, e moltissimi controlli al riguardo, e la disoccupazione diminuirebbe, … Sembra una cavolata ma è una cosa che propongo da qualche anno, anche se non attuabile in tutte le realtà lavorative. Ci sarebbe più lavoro, più denaro in circolazione, una qualità di vita migliore (derivante anche da un orario lavorativo minore per tutti). Tu che ne pensi …?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice