Vermocane minaccia i mari italiani: quali rischi per i bagnanti

Vermocane minaccia i mari italiani: quali rischi per i bagnanti

Vediamo cos’è il vermocane, cosa fare in caso di puntura e quali sono i rischi in caso di puntura di questo essere marino.

Da diverse settimane si parla insistentemente della diffusione di un nuovo essere marino alieno” nei mari italiani, soprattutto quelli del sud Italia: il Vermocane. E dato che l’Estate è ormai alle porte e il caldo comincia a mordere gli italiani, la sua presenza preoccupa non poco soprattutto gli stabilimenti balneari, che temono che possa innescarsi un panico generale.

Dunque, al fine di fare chiarezza, vediamo cos’è il Vermocane e quali sono i pericoli reali per i bagnanti.

Cos’è il Vermocane

Il nome scientifico di questo animaletto marino è Hermodice carunculata. Vive nei mari caldi, ma causa il surriscaldamento costante delle acque del mar Mediterraneo, si sta avvicinando sempre più anche alle nostre coste. Proprio come sta accadendo per altri animali marini.

Viene anche soprannominato il verme di fuoco ed è una specie carnivora che ha il suo habitat naturale sui fondali rocciosi, ma può succedere di trovarlo anche sulla sabbia, specie sul bagnasciuga.

La grandezza variabile tra i 20 e 30 centimetri e si presenta con un colore sgargiante e con setole urticanti. Si ciba di molti esseri marini e ciò preoccupa i pescatori. Si pensi a coralli, stelle marine, ricci di mare, gorgonie, meduse e pesci.

Quali sono i rischi del vermocane per i bagnanti

Meteo.it ha interpellato alcuni esperti, i quali ritengono che il rischio della puntura da parte di un vermocane comporta soprattutto bruciori, dolori, edemi, prurito, intorpidimento sulla parte entrata in contatto con le sue setole urticanti. Dunque, non è pericoloso o velenoso, ma solo urticante. Salvo casi particolari di allergie, ecc. Ciò a causa delle setole tossine urticanti che generano edemi e pruriti.

Il dolore può essere maggiore se la puntura avviene in punti in cui la pelle è più sottile, come l’incavo del gomito o quello del ginocchio.

Quindi il consiglio è di non toccare esseri marini simili a vermi con colori particolarmente sgargianti e dalla forma simile ai vermi.

Cosa fare in caso di puntura del Vermocane

Dato che si tratta principalmente di una puntura, avrà ripercussioni cutanee localizzate, come prurito o al massimo dolore. Quindi dovrebbe bastare una semplice pomata presa in Farmacia. Il fastidio dovrebbe sparire dopo qualche giorno.

Particolare poi il caso dei polsi, dove si può avvertire un intorpidimento alle estremità delle dita e può essere necessaria una pomata al cortisone.

Quali sono i mari dove si trova il Vermocane

In generale, il Vermocane sta popolando soprattutto i mari del sud Italia, più caldi e vicini ai paesi africani e mediorientali. Le maggiori segnalazioni provengono comunque soprattutto dalla Puglia, dove qualche anno fa aveva già preoccupato la Caravella portoghese.

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Valeria Marano

Appassionata di Gossip e curiosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.