Uragano economico in arrivo: l’allarme di JP Morgan, c’entra anche Draghi

Uragano economico in arrivo: l’allarme di JP Morgan, c’entra anche Draghi

Introduzione

Sta arrivando una tempesta, Signor Wayne” dice Selina Kyle (alias Catwoman) a Bruce Wayne (Batman) ne Il cavaliere oscuro il ritorno. Per metterlo in allarme su quanto stava per accadere alla cupa Gotham. Beh, non è affascinante quanto Anne Hathaway che interpretava la mitica “donna gatto“. Ma l’allarme “Uragano economico” in arrivo lanciato dal Ceo di Jp Morgan, Joe Dimon, non è meno allarmante.

Infatti, mentre l’Italia festeggiava la nascita della Repubblica (o meglio i suoi governanti, perché al popolo interessa solo la giornata al mare o la gita fuori porta), Dimon ha affermato che sta per arrivare un brutto periodo per l’economia mondiale. Dando anche le motivazioni. E purtroppo, c’entra anche il nostro poco amato Premier Mario Draghi.

Uragano economico: le cause

Come riporta Contropiano, Joe Dimon dà anche le motivazioni che starebbero per scatenare un violento uragano economico:

  1. la guerra in Ucraina
  2. l’immissione esagerata di liquidità da parte di FED e Bce

La guerra in Ucraina sta avendo conseguenze sotto gli occhi di tutti. Soprattutto quando andiamo a fare la spesa o il pieno: aumento di Petrolio, gas, fetilizzanti, grano, ecc. E il fatto che il Petrolio stia “potenzialmente posizionandosi sulla strada per un rialzo fino a 150 o 175 dollari al barile“, porterà gravi conseguenze su un ulteriore rialzo dei prezzi dei beni di consumo ma anche alla circolazione.

E poi c’è la seconda motivazione, meno intuibile da chi non mastica di economia. C’entra infatti il quasi quindicennio di quantitative easing – ottenuto tramite «iniezioni di liquidità» attraverso acquisti diretti di titoli anche di valore nullo, azzeramento dei tassi di interesse (o addirittura negativi, come in Europa), ecc – voluto fortemente dalla FED (la Banca centrale americana) e la Banca centrale europea. E qui che entra in gioco il ruolo dell’osannato Draghi. Che durante la presidenza della Bce volle fortemente questa misura per sollecitare l’economia.

Ora la Fed e la Bce, seguendo le regole del monetarismo neoliberista, devono ridurre la liquidità circolante che si è riversata anche o soprattutto sulle commodities fisiche.

La Federal Reserve ha deciso di porre rimedio inondando i mercati finanziari di titoli, provocando una caduta corrispondente dei loro prezzi. Ma ci sarà un contraltare: quasi tutti quelli che hanno quei titoli in cassaforte si troveranno col capitale svalutato.

Joe Dimon ha dettato la linea per le Banche centrali:

non hanno scelta perché c’è troppa liquidità nel sistema (…) Devono rimuovere un po’ di liquidità per fermare la speculazione, ridurre i prezzi delle case e cose del genere

Conclusioni

Insomma, una nuova e pesante recessione economica è alle porte. E le parole del Ceo di una delle più importanti banche d’affari del mondo suona come una bocciatura anche per l’inattaccabile, in patria e in Europa, Draghi.

La crisi però è già iniziata con l’arrivo della Pandemia e dobbiamo attenderci un ennesimo nuovo mondo economico, ulteriormente peggiorato dal precedente. Come già accaduto nell’ultimo ventennio dopo l’affondamento delle borse post-dom com, 11 settembre e scandalo sub prime.

Guarda caso, tutte crisi partite dagli Stati Uniti. Anche questo Uragano economico, innescato dalle solite ingerenze americane nel Mondo…

Ricevi via mail le news sulla guerra in Ucraina che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice