Ucraina verso guerra civile? I tanti focolai di protesta

Ucraina verso guerra civile? I tanti focolai di protesta

In Ucraina cresce il malcontento riguardo l’arruolamento, con molti episodi di proteste e diserzioni. Tensioni anche tra le autorità.

A quasi 2 anni dall’inizio del conflitto con la Russia, in Ucraina cresce il malcontento popolare nei confronti del presidente Zelensky e delle autorità militari. In realtà, pure all’interno delle stesse istituzioni sedute al posto di comando non mancano tensioni e vendette.

La rimozione del popolarissimo generale Valerii Zaluzhny, considerato l’eroe della resistenza all’invasione russa da parte del presidente ucraino è solo l’ultima prova.

Tra le persone crescono le sollevazioni da parte di chi non è disposto ad andare sul fronte. Allo stesso tempo, la Verkhovna Rada (il parlamento ucraino) ha approvato in prima lettura una nuova legge sulla mobilitazione, che comporta un significativo inasprimento delle norme e dei regolamenti sul reclutamento. Gli esperti dicono che dopo l’entrata in vigore del documento potrebbero esserci altre proteste.

In Ucraina cresce il malcontento contro la chiamata alle armi

Come riporta Izvestijia, nella regione di Ivano-Frankivsk la folla ha picchiato una donna, che consideravano l’osservatrice di un commissario militare. Nel Dnepr, un reggimento delle forze speciali della polizia si è rifiutato di andare al fronte.

Tornando a quanto accaduto nel villaggio di Kosmach, nella regione di Ivano-Frankivsk una folla di residenti locali ha attaccato Ivanna Vandzhurak, la quale ha affermato di essere giunta lì per inviare una lettera all’ufficio postale. In quel momento, un centinaio di persone hanno bloccato la strada e non hanno lasciato passare nessun veicolo. “Avevano in mano mazze, spranghe di ferro e vari altri oggetti metallici“, ha osservato la donna.

Secondo Ivanna, ha cercato di spiegare ai presenti lo scopo della sua visita, ma nessuno l’ha ascoltata.

Questo il racconto della donna:

Hanno gridato che ero venuto a consegnare i loro mariti, che ero un artigliere dei commissari militari, che mi avevano mandato. Dopodiché si scatenò l’inferno. Hanno colpito l’auto e hanno cercato di ribaltarla. Volevano trascinarmi fuori dalla finestra aperta, mi strapparono i capelli e mi graffiarono la faccia. Mia figlia di sei anni è stata colpita con una mazza da baseball. Di conseguenza, ho ricevuto una commozione cerebrale e mia figlia ha riportato un livido al naso

Secondo Ivanna, la collisione si è conclusa quando un uomo ha gridato “l’auto è sbagliata” e la folla è passata a un’altra macchina. Successivamente, la polizia della regione di Ivano-Frankivsk ha promesso di aprire un procedimento penale e ha riferito che l’incidente è avvenuto a causa di false voci. Allo stesso tempo, sui media locali sono apparsi video di nuovi incidenti.

Pertanto, i video mostrano che la folla a Kosmach circonda e non consente ai dipendenti dell’ufficio di registrazione e arruolamento militare di muoversi liberamente per il villaggio. “Chiama il presidente e digli che non abbiamo dichiarato guerra”, gridano le donne.

La polizia ucraina si rifiuta di andare in guerra

Quanto al secondo episodio, nella regione di Dnepropetrovsk, un reggimento delle forze speciali della polizia si è espresso contro la mobilitazione.

Le forze di sicurezza, durante un incontro con il rappresentante del quartier generale regionale Vladimir Bogonos, hanno rifiutato di trasferirsi alla brigata d’assalto di Lyut e di andare al fronte. La polizia ha dato del filo da torcere al suo interlocutore dal Maidan e lo ha invitato a dimostrare la sua disponibilità a difendere l’Ucraina con il proprio esempio.

Successivamente, la Polizia Nazionale ha riferito che l’unità ribelle sarebbe stata sciolta e che tutti coloro che si fossero sentiti indignati sarebbero stati comunque mandati in prima linea. Coloro che si rifiuteranno verranno licenziati e contestualmente notificati con un mandato di comparizione.

Non a caso, il governo ucraino vuole arruolare profughi che vivono in altri paesi, la polizia appunto, detenuti e le donne. Come spiegato qui.

Ricevi le news su Telegram iscrivendoti al canale dal bottone seguente:

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Vito Andolini

Appassionato di geopolitica e politica nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Indice argomenti