Crea sito

I tatuaggi fanno venire i tumori? Come stanno le cose

I tatuaggi fanno venire i tumori? Quali rischi comportare fare un tatuaggio? Quali colori di un tatuaggio sono più pericolosi? Quali malattie provoca un tatuaggio? Quali sono le parti del corpo più a rischio con un tatuaggio?

Queste ed altre domande sono in genere quelle che si pone chi ha intenzione di farsi un tatuaggio o ne ha già qualcuno o molti. Il tatuaggio ha origini antichissime, come quello dell’ “uomo di Pazyryk” nell’Asia centrale raffiguranti animali o la principessa di Ukok (Mummia dell’Altai) databile intorno al 500 a.C.

Tra le civiltà antiche in cui si sviluppò il tatuaggio troviamo l’Egitto ma anche l’antica Roma. Dove venne vietato dall’imperatore Costantino, a seguito della sua conversione al Cristianesimo.

Altri popoli che svilupparono propri stili e significati proiettati in tatuaggi troviamo quelli dell’Oceania. Tra cui i più famosi sono quelli dei māori e quelli dei popoli del monte Hagen (Papua Nuova Guinea). Spostandoci in Asia, molto antichi sono anche i tatuaggi giapponesi, cinesi e degli inuit (antenati degli eschimesi).

I tatuaggi sono stati riscoperti nel Medioevo, grazie ai popolo colonizzati dalle potenze coloniatrici europee. Tra l’800 e il ‘900 sono diventati un segno distintivo soprattutto tra detenuti e marinai (il tatuaggio della sirena, di donne provocanti e dell’ancora era molto in voga).

L’Islam e l’Ebraismo, invece, vieta il tatuaggio permanente ancora oggi. La religione musulmana consente però i tatuaggi temporanei fatti per mezzo dell’henna, un pigmento organico di color rosso-amaranto. Ricavato dalla pianta della “Lawsonia inermis” (“Henna” in arabo).

A partire dagli anni ‘90, i tatuaggi sono diventati una vera e propria moda. Ad oggi, sono quasi sette milioni gli italiani che hanno un tatuaggio (circa l’11%), di cui il 7,7% sono minorenni. Una moda che piace più alle donne che agli uomini, e che generalmente si inizia attorno ai 25 anni.

Nel Regno Unito una persona su cinque ha ormai almeno un tatuaggio, mentre negli Usa la quota arriva ad una persona su quattro (24%).

La coorte anagrafica nella quale si concentrano di più le persone tatuate va dai 18 ai 50 anni.

Tuttavia, sono tante le ricerche condotte sulla correlazione tra tatuaggi e tumori. Vediamo quali sono i risultati a cui .

Tatuaggi causano il tumore?

tatuaggi tumori

Interessante è un articolo di Indipendent. Gli inchiostri sono una miscela di diversi ingredienti e i loro componenti chimici vengono spesso acquistati da un fornitore per essere miscelati e venduti ai distributori e quindi ai saloni del tatuaggio. Sebbene si supponga che gli ingredienti siano completamente etichettati, soprattutto se pericolosi, non esistono requisiti standardizzati in tutta l’UE.

Tony Raita, presidente dell’associazione finlandese dei tatuatori, ha affermato che gli inchiostri colorati a basso costo provenienti dalla Cina rappresentano un problema crescente. “Sono piuttosto pericolosi“, ha detto.

L’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) concluderà in ottobre che le restrizioni imitano l’eyeliner, per esempio.

“La proposta dell’ECHA copre circa 4.000 sostanze”, ha affermato Mark Blainey, alto funzionario scientifico dell’ECHA. “Queste sostanze sono coperte da altre leggi in cui sono vietate per l’uso sulla pelle, ovviamente non vogliamo che vengano iniettate sotto la pelle”

ha aggiunto.

Le preoccupazioni più gravi sono le allergie causate dalle sostanze negli inchiostri e che possono causare cancro, danni al DNA o effetti sulla riproduzione.

“Stiamo cercando di assicurarci che le persone ottengano un tatuaggio il più sicuro possibile.”

Nonostante le raccomandazioni e gli esempi di sostanze chimiche cancerogene utilizzate nel rapporto dell’ECHA, al momento non vi sono prove dirette di un inchiostro per tatuaggi che causa il cancro.

Tuttavia, Mark Blainey dell’ECHA ha dichiarato “ciò non significa che non si stiano verificando“.

Due aree chiave sono gli effetti dei prodotti chimici quando iniettati nella pelle – lo strato profondo della pelle – e l’effetto a lungo termine quando i pigmenti si rompono.

Uno studio del 2017 pubblicato su Scientific Reports ha trovato prove di particelle di pigmento dall’inchiostro del tatuaggio nei linfonodi dei pazienti, importanti punti di filtraggio lungo il sistema circolatorio per le cellule immunitarie del corpo.

Ma se questo ha effetti a lungo termine sulla salute del cancro è più difficile da rintracciare. L’autore dello studio Dr Hiram Castillo-Michel ha dichiarato a Medscape Medical News:

“Non emergono per anni dopo l’esposizione e sono difficili da correlare ai tatuaggi o ad alcuni ingredienti del tatuaggio”.

“Senza dati epidemiologici che rintracciano grandi coorti per decenni e indagano se le persone sono tatuate o no, è difficile scoprire una connessione tra ingredienti del tatuaggio ed effetti avversi cronici.”

Una recensione del 2012 sulla rivista medica di Lancet Oncology ha scoperto che anche i tumori della pelle, che apparentemente sarebbero più strettamente collegati agli inchiostri per tatuaggi, sono rimasti rari. Gli autori hanno trovato 50 esempi di tumori della pelle dopo una lunga caccia nella letteratura medica.

Sono pervenuti a questa conclusione: il numero di tumori della pelle che si presentano nei tatuaggi è apparentemente basso e questa associazione deve essere considerata finora.

Il consiglio dell’ECHA per le persone con tatuaggi è quello di contattare il proprio medico per qualsiasi problema.

Tuttavia, suggerisce cautela se si considera la rimozione del rischio di cancro, dicendo:

“Si dovrebbe tenere conto del fatto che la rimozione del laser è una procedura in cui le altre sostanze sono sostanze chimiche dannose, che sono quindi libere di circolare nel corpo”.

Si consiglia alle persone che stanno considerando un nuovo tatuaggio di guardare i loro inchiostri. Relatori affidabili dovrebbero essere in grado di fornire dettagli di approvvigionamento che possono essere ricondotti a un fornitore affidabile, nonché rischi per la salute e conformità di materiali pericolosi.

Un tatuaggio può provocare il cancro?

tatuaggio tumore pelle

Come riporta il Time, i tatuaggi possono anche comportare rischi per la salute. Ecco cosa dice la ricerca.

È normale provare gonfiore, arrossamento e indolenzimento dopo aver fatto un tatuaggio, secondo l’American Academy of Dermatology (AAD), e la maggior parte delle persone non noterà alcun problema di salute oltre a questi sintomi relativamente innocui.

Alcune persone, tuttavia, sviluppano infezioni o reazioni allergiche nei giorni, mesi dopo aver fatto un tatuaggio, dice l’AAD. Fai attenzione ai sintomi che possono suggerire un problema più grande, incluso il peggioramento del dolore; un’eruzione cutanea, vesciche o protuberanze sulla pelle; febbre; brividi; e pus o fluido proveniente dal tatuaggio.

Mentre le attrezzature sporche o le pratiche di tatuaggio non sicure sono talvolta responsabili di complicazioni, anche l’inchiostro da tatuaggio contaminato può essere il colpevole. Gli inchiostri per tatuaggi sono in gran parte non regolamentati negli Stati Uniti. Dal momento che sono considerati cosmetici, la Food and Drug Administration interviene solo quando qualcosa va storto – so che è difficile dire cosa c’è in loro e quanto sono sicuri.

Nel corso degli anni, gli inchiostri contaminati da batteri sono stati accusati di molti problemi di salute, tra cui reazioni cutanee e malattie trasmesse dal sangue. Tra il 2004 e il 2016, la FDA ha ricevuto segnalazioni di 363 eventi avversi associati ai tatuaggi.

I tatuaggi sono stati collegati al cancro, ma non in modo definitivo

Non ci sono prove sufficienti per fare affermazioni sul cancro, ma i medici hanno notato un piccolo numero di tumori della pelle del melanoma che compaiono nei tatuaggi. Una recensione della ricerca del 2018 ha riscontrato 30 casi simili, sebbene non sia stato possibile stabilire se i tatuaggi abbiano effettivamente causato il cancro. Un caso di studio del 2015 è stato condotto anche con inchiostro rosso. Questo modello ha suggerito che il suo tatuatore potrebbe essere esistito con l’ago di inchiostro rosso, quindi diffondersi ad altre parti della sua pelle mentre completava il disegno.

Un piccolo studio del 2017 ha anche scoperto che le particelle di biossido di titanio dall’inchiostro del tatuaggio possono diffondersi e accumularsi nei linfonodi. Sebbene lo studio non abbia portato a conclusioni su come questo accumulo possa influire sulla salute a lungo termine, la ricerca potrebbe essere associata al cancro, dal momento che il biossido di titanio è stato classificato come possibile cancerogeno.

Gli esperti hanno affermato che potrebbe essere difficile diagnosticare con precisione la malattia, dal momento che può sembrare un cancro metastatico che si diffonde attraverso i linfonodi. Ma nel complesso, sono necessarie ulteriori ricerche.

Sebbene estremamente rari, alcune persone hanno riscontrato problemi di salute insoliti e gravi dopo essere stati tatuati. Nel 2017, una modella ha quasi perso la vista dopo aver sviluppato una grave infezione dai suoi occhi per cambiare il suo colore. Ma stiamo parlando di una procedura notoriamente rischiosa e rara.

L’anno successivo, i medici scozzesi hanno affermato che il grande tatuaggio di una donna potrebbe essere stato accusato di infiammazione e dolore debilitante agli arti. Troppe persone hanno avuto reazioni allergiche gravi abbastanza da richiedere tatuaggi o altri trattamenti, secondo una ricerca del 2017

Queste situazioni spaventose sono rare e la maggior parte delle persone che ottengono tatuaggi non incontreranno problemi di salute derivanti dalla procedura. Tuttavia, vale la pena tenere a mente i potenziali rischi prima di farsi fare un tatuaggio.

I tatuaggi fanno venire i tumori?

tatuaggi foto

Uno studio di Anthony R. Doremus, ricercatore presso la Cleveland Clinic dell’Ohio, parla del tatuaggio come procedura invasiva.

Sebbene i tatuatori con licenza utilizzino sterili aghi usa e getta, un tatuaggio a volte viene eseguito in ambienti non sterili, come studi commerciali, mercati delle pulci, concerti rock e feste di piazza.

Di conseguenza, il tatuaggio può causare infezioni, tra cui epatite e AIDS. Dipendente sull’abilità dell’artista e sulla scelta di pigmenti e diluenti, reazioni allergiche e scarsi risultati cosmetici possono essere potenziali risultati e dovrebbe essere una considerazione per rischio. Coloranti vegetali e carbone sono stati usati per il pigmento del tatuaggio in passato.

I coloranti attuali includono pigmenti azoici (che vengono utilizzati nelle vernici per automobili e serigrafia), coloranti vegetali, minerali, metalli e materie plastiche. Solventi che liquefanno i pigmenti in polvere (alcool etilico, alcool denaturato o acqua distillata) sono stati usati a discrezione del tatuatore.

Le impurità nei pigmenti possono causare reazioni avverse cutanee. Anche i coloranti possono essere trasportati in altre parti del corpo, come i linfonodi, che possono presentare sfide cliniche quando i campioni

sono tinti per i test patologici. Il pigmento del tatuaggio è stato scambiato per melanoma in linfonodi.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti considera l’inchiostro del tatuaggio come cosmetico, e i pigmenti per gli additivi coloranti devono essere approvati dalla FDA. Tuttavia, non esistono standard per l’uso degli inchiostri dei tatuaggi, il loro contenuto o la quantità utilizzata su una particolare area del corpo.

Gli infermieri dovrebbero consigliare ai pazienti di fare uno screening di sicurezza prima di farsi fare un tatoo.

La FDA è a conoscenza di oltre 150 segnalazioni di reazioni avverse cutanee (ad es. eruzioni cutanee, vesciche, gonfiore) nei consumatori e continua a valutare l’estensione e gravità degli eventi ritenuti associati al tatuaggio.

La FDA sta conducendo ricerche sugli inchiostri per tatuaggi da esaminare metabolismo dell’inchiostro, composizione chimica, sicurezza ed effetti a breve e lungo termine (2009).

Una ricerca del lontano 1949 ha indicato che m-metilp-dimetilaminoazobenzene, o azo rosso colorante (noto anche come rosso 22 o PR22), ha prodotto il cancro al fegato nei ratti quando usato come un colorante alimentare. La somministrazione di colorante azoico ha ridotto la quantità di riboflavina presente nei fegati dei ratti.

Tuttavia, in aumento apparve riboflavina nei fegati dei ratti per proteggere parzialmente il fegato dagli effetti cancerogeni del colorante azoico. La cirrosi al fegato è stata rilevata nei ratti dopo quattro settimane di somministrazione dell’azo. La quantità misurabile di colorante è diminuita a 20 settimane, anche se la tintura veniva ingerita continuamente.

Fare un tatuaggio è pericoloso?

tatuaggi teschi foto

Intervistato da Donna Moderna, Antonino Di Pietro, presidente e fondatore del’International – Italian Society of Plastic – Regenerative and Oncologc Dermatology, che conta oltre 2.000 dermatologi in Italia, ha spiegato quanto segue:

“I tatuaggi consistono nell’iniettare pigmenti che, attraverso la pelle, entrano nel nostro organismo. Questi sono costituiti da particelle che, grazie al sistema immunitario che le blocca, rimangono ferme nel punto in cui sono inoculati. Il problema è che possono essere così piccole da entrare in circolo e raggiungere strutture più profonde come i linfonodi”.

Poi continua:

“L’allarme che abbiamo presentato al congresso di dermatologia plastica dell’ISPLAD a Milano riguarda proprio il rischio connesso ai tumori della pelle. Se i tatuaggi sono molto estesi, come per quelli in stile maori, possono nascondere la comparsa proprio dei melanomi: si tratta di neoplasie che, se scoperte precocemente, possono essere asportate in tempo, salvandosi la vita. Ma nel caso in cui si formi una macchiolina scura sotto un tatuaggio, questo può non renderla visibile e il rischio è che si scopra il melanoma troppo tardi, quando ormai nell’organismo si sono diffuse metastasi, con una maggiore probabilità di morte”.

“Per questo abbiamo avviato una campagna di sensibilizzazione, aprendo un laboratorio per tutti coloro che hanno un tatuaggio, in modo da effettuare controlli almeno una volta all’anno, utilizzando anche la videodermoscopia, che permettono di individuare ogni piccola anomalia del tatuaggio” conclude il direttore.

Tatuaggi quali rischi

tatuaggio rimosso foto

Come riporta sempre Donna Moderna, Marzia Duse, Presidente Società Italiana di Allergologia e Immunologia e professore ordinario di Pediatria all’Università La Sapienza di Roma ha dichiarato che:

“Secondo alcuni studi condotti nel nord Europa circa la metà dei soggetti tatuati ha qualche tipo di reazione allergica, mentre in media 1 su 10 ha conseguenze importanti – aggiunge l’esperta – Alcune sono sistemiche, come vere e proprie anafilassi: sono più rare, ma rappresentano una possibilità. Altre, invece, sono più frequenti: arrossamento, orticaria, induramento della pelle (cheratosi lichenoidi) che è molto fastidioso e sgradevole, oppure infezioni per funghi che si sovrappongono al tatuaggio o per batteri. Esistono poi i melanomi cutanei, che possono sorgere perché il tatuaggio viene fatto su un neo precedente. E’ importante ricordare che gli effetti avversi del tatuaggio non necessariamente si vedono subito, anzi spesso sono tardivi e si manifestano dopo anni di progressione asintomatica”.

Andrea Sagona, Specialista in Ostetricia e Ginecologia e assistente presso la Breast Unit dell’Humanitas Cancer Center, su LaRepubblica ha così risposto alla domanda di una lettrice:

Si può andare dalle infezioni cutanee, dovute alla scarsa disinfezione cutanea, alle reazione allergiche, per la presenza di allergizzanti nell’inchiostro, alle infezioni virali (epatiti, Hiv) per l’utilizzo di materiale contaminato non monouso.”

Per quanto riguarda i tumori, invece, il dottor Sagona restringe il campo agli inchiostri utilizzati.

Uno è quello della loro composizione, soprattutto quando parliamo di inchiostri colorati, in cui sono presenti metalli,( cadmio, cobalto, mercurio), idrocarburi e ftalati considerati cancerogeni e pericolosi per il sistema endocrino. Ad esempio si suppone che il benzopirene, individuato recentemente in un tipo di inchiostro nero prodotto non a norma in Italia, possa favorire lo sviluppo del melanoma. Altri casi di tumore della pelle (il carcinoma basocellulare e quello squamocellulare, e i cheratoacantomi) sarebbero riconducibili, stando a quanto riportato nella letteratura scientifica, alla pratica del tatuaggio. Questo sia per il trauma cutaneo indotto dagli aghi sia per i coloranti, ma anche per l’esposizione al sole senza protezioni, perché l’azione dei raggi ultravioletti risulta amplificata dalla presenza dei pigmenti”.

I tatuaggi provocano il tumore al seno?

tatuaggio tumore seno

Il dottor Sagona si esprime anche sulla presunta correlazione tra tumori al seno e tatuaggi:

Il tumore della mammella non sembra direttamente correlato ai tatuaggi. Sono noti casi in cui i pigmenti utilizzati nei tatuaggi si sono depositati a livello linfonodale nell’ascella, simulando la presenza di una metastasi da tumore al seno, o a livello inguinale, simulando la presenza di metastasi da carcinoma vulvare”.

Poi conclude:

Riassumendo: sono necessari studi di popolazione più ampi per definire in maniera più specifica se il tatuaggio sia effettivamente un fattore di rischio per l’insorgenza di melanomi, tumori della pelle e tumori in generale. Quello che per ora si evince dalla letteratura medica rende comunque necessaria una regolamentazione sulla composizione degli inchiostri utilizzati”.

Anzi, i tatuaggi spesso sono utilizzati dalle donne proprio per rimediare ad un anti-estetismo provocato da una operazione al seno per la rimozione di un tumore.

Tatuaggi, quali sono i colori più pericolosi per la salute

tatuaggi fenice foto

Sempre la professoressa Duse afferma che:

“Tra i colori che contengono più metalli e che dunque possono dare maggiori problemi c’è il rosso, per via della presenza di mercurio. Il paradosso è che ci sono molte polemiche per le tracce di mercurio omeopatico nei vaccini, mentre l’inchiostro per tatuaggi è fortemente carico di questo metallo. Altri colori a rischio sono il giallo, il rosa intenso e il blu. In generale nel pigmento si possono trovare ferro, cobalto, e cromo: sostanze che in età avanzata e in caso di necessità di protesi, possono creare problemi reagendo con i metalli delle protesi stesse”

Anche l’henné, sebbene ricavato da un arbusto (dunque di origine vegetale e naturale) può dare reazioni allergiche. Trattandosi del pigmento che viene usato per i tatuaggi temporanei, però, ha effetti negativi meno seri.

Come riporta Affari Italiani, nel marzo 2019, il Ministero della Salute ha bloccato l’importazione dei 9 colori per tatuaggi cencerogeni Dubai Gold, Sailor Jerry Red, Black Mamba, Green Beret, Hot Pink, Banana Cream, Lining Green, Lining Red Light e Blue Iris.

Oggi alla lista sono aggiunti il rosso Perma Blend – Queens Red, marca Permablend Pigments, lotto PBQH181812 e il rosa Rose Satin della Marca Eternal Ink, boccetta da 30 ml con lotto scadenza 27/07/2020

Il Ministero della Salute ha poi stilato una lista dei colori per tatuaggi più a rischio. “Le tonalità rosse, gialle e arancioni” ma “anche gli inchiostri con pigmenti azoici in generale” sono le più potenzialmente pericolose.

“Questi ultimi – spiega il ministero – possono essere individuati in etichetta attraverso il Color Index (codice a 5/6 cifre preceduto dalle lettere CI): gli azo-pigmenti hanno i Color Index compresi nell’intervallo che va dal numero 11000 al numero 29999 (es. CI 12475 = pigmento azoico). Per quanto riguarda la ricerca degli idrocarburi policiclici aromatici, anche essi cancerogeni (sono quelli tipici degli pneumatici delle autovetture), gli inchiostri più a rischio sono quelli contenenti nerofumo (neri, grigi, argento etc.), in particolare quelli nei quali in etichetta viene indicato come Color Index 77266”.

Tatuaggi proteggono dal sole?

tatuaggi sole

Ci sono anche ricerche in controtendenza. Che addirittura dimostrerebbero il fatto che un tatuaggio di colore nero possa addirittura proteggere dal sole.

Come riporta Tattomuse, uno studio recente infatti ha dimostrato che i tatuaggi realizzati in inchiostro nero (ovviamente seguendo tutte le norme igieniche e utilizzando pigmenti d’ottima qualità), riducono il rischio di tumori alla pelle. La tesi iniziale era che i tatuaggi neri possono indurre il cancro alla pelle a causa di sostanze contenute nell’inchiostro, come il Benzopirene. Anche i raggi UV causano il cancro alla pelle.

Si evince quindi, in via teorica, che una combinazione dei due fattori possa essere ulteriormente problematica e pericolosa. Nessuno studio però è stato condotto prima per avvalorare questa tesi.

Lo studio è stato condotto al Bispebjerg Hospital, in Danimarca, utilizzando 99 topi da laboratorio. Questi sono stati divisi in due gruppi, un gruppo è stato “tatuato” utilizzando una marca d’inchiostro per tatuaggio chiamata Starbrite Tribal Black™, una marca spesso accusata di contenere sostanze cancerogene (tra cui il Benzopirene), mentre l’altro gruppo non è stato tatuato affatto. Entrambi i gruppi sono stati sottoposti a intervalli regolari a raggi UV, gli stessi che subiamo noi quando prendiamo il sole al mare o simili.

Con grande sorpresa dei ricercatori, i risultati mostrano che i topi tatuati con inchiostro nero ed esposti ai raggi UV venivano colpiti dal tumore cutaneo più tardi e più lentamente dei topi non tatuati. E quindi, i tatuaggi prevengono o causano il cancro alla pelle? In sintesi, i tatuaggi neri non è detto prevengano il cancro alla pelle, ma per lo meno intralciano lo sviluppo del tumore alla pelle causato dai raggi UV.

Il 90% dei tumori alla pelle in ogni caso, sono causati proprio dall’esposizione scorretta o non protetta ai raggi solari. A tal proposito è infatti sempre utile sapere come proteggere la propria pelle (e i propri tattoo) quando ci si espone al sole.

Ma qual è la spiegazione dietro a questo risultato così sorprendente? Probabilmente, il nero del tatuaggio assorbe la luce, impedendo ai raggi UV di riflettersi negli strati più superficiali della pelle, dove normalmente si sviluppano le cellule cancerose.

Durante l’esperimento inoltre, non ci fu nessun caso tra le cavie di cancro causato dal tatuaggio di per sé e il test provò anche che i tatuaggi erano i fattori meno probabili per allergie.

Ovviamente, il test è stato condotto su dei roditori, quindi non abbiamo la certezza che gli stessi risultati potrebbero essere registrati sugli umani, anche se le probabilità sono alte. Ricordo che i topi vengono utilizzati nei laboratori in quanto hanno lo stesso DNA degli esseri umani (uguale per il 98%).

I tatuaggi fanno venire il tumore alla pelle?

tatuaggio tumore

Dunque, dovendo trarre delle conclusioni, possiamo dire che questo argomento sia un terreno molto scivoloso. Per il quale si rischia di sottostimare il problema, così come di lanciare inutili allarmismi per fare sensazionalismo.

Volendo fare un discorso complessivo, mi viene da dire che alcuni colori siano più tossici e pericolosi di altri (come il rosso, giallo, blu e le loro varietà). Così come il problema principale risieda nel fatto che i tatuaggi possono provocare danni alla salute ma nel lungo periodo, quindi in genere diventa difficile stabilire che la causa principale dell’insorgenza di un tumore sia da attribuire ad essi.

Per fortuna, tra l’altro, il Ministero della salute italiano e l’Unione europea sono molto vigili e severi sull’utilizzo degli inchiostri consentito.

Probabilmente, poi, è anche vero che ci sono soggetti più esposti. Così come incida molto la qualità dell’inchiostro usato, la sterilità dell’ago e la salubrità dell’ambiente nel quale il tatuaggio viene eseguito.

In conclusione, fate un tatuaggio se davvero ne siete convinti. Non per moda o perché tanti amici e colleghi ce l’anno. Pensateci bene soprattutto se siete disoccupati, in quanto molti datori di lavoro potrebbero essere riluttanti nell’assumervi in presenza di tatuaggi vistosi o raffiguranti simboli politici o violenti.

Infine, la scelta deve essere ben ponderata per evitare un domani di pentirvene e volerlo rimuovere. Il che è possibile, ma richiede molte sedute e solitamente lascia segni indelebili sulla pelle.

Oltre al rischio salute – piccolo o grande che sia, le ricerche danno risultati alterni e non univoci, un po’ come accade per i telefoni e determinati alimenti – ci sono dunque anche fattori sociali e psicologici da tener presente.

Tatuaggi e concorsi pubblici: quali si possono fare

Season 4 Eating GIF - Find & Share on GIPHY

Prima di fare un tatuaggio, molti si chiedono pure a quali concorsi pubblici si sarebbe esclusi.

Come spiega La legge per tutti, la presenza di un tatuaggio non dà problemi per qualsiasi tipo di concorso nella pubblica amministrazione. Ma solo per quei ruoli dediti a far rispettare la legge e a garantire l’ordine e la sicurezza dei cittadini. Alias, per concorsi in polizia, carabinieri e altre forze dell’ordine.

Negli ultimi anni, comunque, dato il fatto che farsi i tatuaggi è ormai una abitudine dilagante, la giurisprudenza sta diventando più permissiva. Sebbene si basi su sentenze sparse qua e là.

In linea di massima, comunque, sono motivo di esclusione dai concorsi nelle forze dell’ordine tatuaggi particolarmente visibili e che inneggino alla violenza (“oggettivamente deturpante della figura o incompatibile con il possesso della divisa medesima”).

Pertanto, possono essere esclusi i possessori di tatuaggi in zone non coperte dalla divisa (braccio con una divisa a maniche corte, volto, collo, testa, polpaccio per le donne) o che abbiano scritte o simboli poco consone col ruolo (“Hate”, disegno di armi, ecc.)

Per il resto, invece, non dà problemi avere tatuaggi in caso di concorsi presso Comuni, Regioni, Inps, ecc.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.