Stefano Rodotà e Beppe Grillo: i clamorosi voltafaccia reciproci

Stefano Rodotà e Beppe Grillo: i clamorosi voltafaccia reciproci

Qualche giorno fa ci ha lasciati Stefano Rodotà, giurista di 84 anni. A scrivere il suo lungo curriculum ci vorrebbero pagine e pagine. Limitiamoci a dire che è stato, tra le altre cose, più volte eletto come deputato nelle di Pci e Pds (pur essendo partito come Radicale). Divenne vicepresidente della Camera nel 1992, ma quando la legislatura si interrompe dopo soli due anni decide di non ricandidarsi e torna al mondo accademico. Ha contribuito alla stesura della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, approvata a Nizza nel 2000, ed è stato il primo Presidente del Garante per la protezione dei dati personali, ruolo ricoperto dal 1997 al 2005. Negli anni ha diretto e collaborato con diversi giornali e riviste, e molti dei suoi studi si sono concentrati su privacy, democrazia, libertà, e diritti.

Quattro anni fa, il nome di Stefano Rodotà è tornato in auge politicamente quando fu inserito dai Cinque Stelle nella lista per le quirinarie online che avrebbero decretato il candidato del Movimento a presidente della Repubblica. E Beppe Grillo nei suoi confronti ha avuto almeno due voltafaccia, mentre Rodotà uno nei suoi confronti. Ecco quali.

Quando i Cinquestelle candidarono Rodotà al Quirinale

rodotà grilloUno, nessuno, centomila. Questo sembra essere il Beppe Grillo leader di questi anni. Disorientato da un successo politico che sicuramente non si aspettava. Al punto da cambiare continuamente opinione su più argomenti. E disorientando così i suoi stessi “discepoli” ed elettori. Sebbene ci abbia già abituati in passato a certi cambi di visione (leggi link più avanti). Fatto sta, che Grillo, come detto, ha inserito Stefano Rodotà nella lista delle Quirinarie, dove finì terzo dopo Stefania Gabanelli e Gino Strada. Poi questi ultimi si ritirarono e Rodotà preferì proseguire. Un nome che aveva alte potenzialità di farcela contro “Nonno Simpson” Napolitano, voluto dall’establishment proprio per fermare i Cinque stelle, in quanto poteva ottenere un ampio consenso anche nelle fila del Pd. Mondo politico nel quale ha militato, come detto, per anni. E invece incassò solo i voti di Sel e di quale piddino. Ottenendo lo stesso maltrattamento di Prodi, che fu tradito dai famosi 101. Rodotà invece ottenne solo 213 voti.

QUANDO GRILLO SOSTENEVA BERLUSCONI, ERA CONTRO INTERNET E GLI IMMIGRATI CLANDESTINI

Ma era da poco iniziata l’era renziana e già si sentiva il puzzo del Patto del Nazareno, poi saltato e oggi tornato in auge. Prodi non poteva essere certo candidato gradito a Forza Italia, mentre Rodotà era troppo di sinistra.

I voltafaccia di Grillo su Rodotà

Ma veniamo ai voltafaccia di Grillo su Rodotà. Come riporta Il Giornale, dopo quell’episodio, in un’intervista Rodotà, analizzando la sconfitta dei Cinque Stelle alle amministrative, pose l’accento sulle polemiche interne al Movimento. Erano i primi mesi della legislatura e i parlamentari grillini facevano notizia più per le divisioni che per le attività svolte alle Camere. Nella stessa intervista Rodotà suggerì a Grillo “un cambiamento di passo” per uscire da quella “democrazia del clic” che non funziona quando bisogna prendere delle decisioni in parlamento. Parole dure che non furono apprezzate dal comico. Che in un post lo stroncò senza pietà:

“Rodotà è un ottuagenario miracolato dalla Rete, sbrinato di fresco dal mausoleo dove era stato confinato dai suoi a cui auguriamo di rifondare la sinistra”.

Grillo non prese bene i suggerimenti educati di un uomo saggio e pacato. Proposto poco tempo prima addirittura come Presidente della Repubblica. Dopo la morte di Rodotà e qualche giorno di silenzio, forse alla luce delle polemiche in rete e forse tra un tuffo e l’altro sulla sua barca in Costa Smeralda, Grillo ha corretto il tiro e scritto su Facebook:

“Ci lascia un vero signore, Stefano Rodotà. Sono molti gli aggettivi che potremmo usare, finiremmo comunque con insigne”.

Quando però anche Rodotà criticava Grillo

In realtà, anche Stefano Rodotà cambiò idea su Grillo a distanza di un anno. Come riporta Il Giornale, in un’intervista a Left, il giurista disse del comico:

Grillo è figlio di tutto quello che non è stato fatto: la perdita di attenzione per le persone, la corruzione, la chiusura oligarchica. Gli ultimi due Parlamenti li avranno scelti al massimo 20 persone. In questo clima, ci dobbiamo aspettare fenomeni alla Grillo. Anzi, può darsi che ne vengano fuori altri, anche più pericolosi”

Ma poi l’anno dopo restò lusingato della sua candidatura al Quirinale. Chi di voltafaccia ferisce…

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: luca.scialo81@gmail.com Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice