Crea sito

Spray al peperoncino, la nuova moda tra i giovani: quando diventa mortale

Cos’è lo spray al peperoncino? Lo spray al peperoncino è pericoloso? Morire per un concerto di Sferra e basta. Uno dei massimi esponenti italiani di un nuovo genere che sta impazzando tra i giovanissimi, di solito minorenni: il trap. Lui proviene dalla periferia milanese e, in quanto tale, racconta il disagio sociale di una generazione senza punti di riferimento. Il quale però al concerto non si era ancora presentato, avendo una agenda fitta di impegni. Lo attendevano da più di 2 ore, come si confà con le grandi star.

Non storcete però il naso leggendo l’epiteto “grandi star”. Perché, in fondo, i miti musicali di una nuova generazione sono sempre visti con diffidenza, supponenza e ridicolezza dalla generazione precedente. Perfino i Beatles e i Rolling stones, diventati leggenda, venivano visti come capelloni nullafacenti e scanzonati dai genitori di chi li ha amati.

Certo, il tempo fa la differenza. E se uno ha qualità e riesce ad avere un seguito transgenerazionale, allora vuol dire che ha stoffa e vale qualcosa. Ma nella musica “usa e getta” di oggi, resa così anche dall’essere venuti meno di supporti materiali su cui ascoltarla, è difficile che qualcosa e qualcuno duri lo spazio di qualche anno.

Ma torniamo alle domande di cui sopra. Lo spray al peperoncino sta diventando una brutta moda tra i giovani. Che può diventare anche molto pericolosa. Oltre agli ormai noti fatti della discoteca di Corinaldo, sono altri i casi di uso “ricreativo” dello spray al peperoncino.

Vediamo meglio cos’è lo spray al peperoncino e quali pericoli comporta lo spray al peperoncino.

Spray al peperoncino cos’è

spray peperoncino cos'è

Cos’è lo spray al peperoncino? Come riporta Wikipedia, noto anche come spray di capsico, è un agente lacrimogeno (un composto chimico che irrita gli occhi causando lacrime, dolore e cecità temporanea) utilizzato nelle operazioni di polizia, controllo antisommossa, controllo della folla e autodifesa, inclusa la difesa contro i cani e orsi. I suoi effetti infiammatori causano la chiusura degli occhi, portando via la visione.

Questa cecità temporanea consente agli ufficiali di frenare più facilmente i soggetti e consente alle persone in pericolo di usare spray al peperoncino per autodifesa per l’opportunità di scappare. Sebbene sia considerato un agente non letale, è stato mortale in rari casi e sono state sollevate preoccupazioni riguardo a un numero di decessi in cui il peperoncino potrebbe essere stato un fattore determinante.

Spray al peperoncino come funziona

spray peperoncino rischi

Come funziona lo spray al peperoncino? Il principio attivo in spray al peperoncino è la capsaicina, che è una sostanza chimica derivata dal frutto delle piante del genere Capsicum, tra cui il peperoncino. L’estrazione dell’oleoresina di capsico (OC) dai peperoni richiede che il capsico sia finemente macinato, da cui la capsaicina viene quindi estratta utilizzando un solvente organico come l’etanolo.

Il solvente viene quindi evaporato e la rimanente resina simile alla cera è l’oleoresina capsaicina. Un emulsionante come glicole propilenico è usato per sospendere l’OC in acqua e pressurizzato per renderlo aerosol in spray al peperoncino. La cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC) viene utilizzata per misurare la quantità di capsaicina e di capsaicinoidi principali all’interno di spray al peperoncino. La determinazione della forza di diversi produttori di spray al peperoncino può essere fonte di confusione e difficoltà. Le affermazioni di un’azienda sulla forza del prodotto non sono regolamentate. Un metodo che utilizza la capsaicina e il relativo contenuto di capsaicinoidi (CRC) del prodotto è inaffidabile, perché ci sono sei diversi tipi di capsaicinoidi, che causano diversi livelli di irritazione.

I produttori non indicano quale particolare tipo di capsaicinoidi venga utilizzato. Gli spray al pepe personali possono variare da un minimo dello 0,18% ad un massimo del 3%. La maggior parte degli spray al pepe per le forze dell’ordine utilizza tra l’1,3% e il 2%. Il governo federale degli Stati Uniti ha stabilito che gli spray deterrenti di attacco orso devono contenere almeno l’1,0% e non più del 2% di CRC. CRC non misura la quantità di OC all’interno della formulazione. Invece, CRC è il componente che produce dolore dell’OC che produce la sensazione di bruciore. Il governo federale degli Stati Uniti non menziona le unità di calore Scoville (SHU) o OC nelle loro esigenze, solo CRC (solo per gli spray anti-attacco di orso) ).

Ma ci sono paesi (Italia, Portogallo e Spagna – vedi sotto, sotto “Legalità”) e alcuni stati negli Stati Uniti che menzionano le limitazioni OC. Alcuni produttori possono mostrare una percentuale molto elevata di OC e, sebbene OC sia l’ingrediente attivo all’interno della formulazione, non indica la forza di spray al pepe.

La percentuale di OC elevata indica anche che uno spray ha più contenuto di olio; che, possibilmente, può usare oli di pepe di grado inferiore (ma, in misura maggiore) o capsaicinoidi di grado inferiore (nei principali CRC) e ha anche meno capacità di penetrare e penetrare nella pelle rispetto a una formula con un pepe meno, ma di qualità superiore olio, perché l’olio ha proprietà idrofobiche.

La percentuale di OC misura solo la quantità di estratto di olio di peperoncino contenuta nello spray di difesa, non la forza, la pungenza o l’efficacia del prodotto. Altre società potrebbero mostrare un alto SHU. Lo SHU è una misura del composto di resina base e non di quello che esce nell’aerosol. L’effetto irritante stimato della resina può essere diluito a seconda di quanto viene inserito nel can.

Spray al peperoncino effetti

Quali sono gli effetti dello spray al peperoncino? Lo spray al peperoncino è un agente infiammatorio. Infiamma le mucose degli occhi, del naso, della gola e dei polmoni. Causa la chiusura immediata degli occhi, difficoltà di respirazione, naso che cola e tosse.

La durata dei suoi effetti dipende dalla forza dello spray, ma l’effetto medio completo dura da 20 a 90 minuti.

Spray al peperoncino rischi

spray peperoncino come funziona

Quali sono i rischi derivanti dallo spray al peperoncino? Il Journal of Investigative Ophthalmology and Visual Science ha pubblicato uno studio che ha concluso che la singola esposizione dell’occhio a OC è innocuo, ma l’esposizione ripetuta può portare a cambiamenti duraturi della sensibilità corneale. La valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche del Parlamento europeo (STOA) ha pubblicato nel 1998 “Una valutazione delle tecnologie di controllo politico” con ampie informazioni su spray al peperoncino e gas lacrimogeno. Scrive:

“Gli effetti dello spray al peperoncino sono molto più gravi, compresa la cecità temporanea che dura da 15-30 minuti, una sensazione di bruciore della pelle che dura da 45 a 60 minuti, spasmi della parte superiore del corpo che costringono una persona a piegarsi in avanti e incontrollabile tosse che rende difficile respirare o parlare da 3 a 15 minuti. Per chi soffre di asma, assume altri farmaci o è soggetto a tecniche di contenimento che limitano i passaggi respiratori, c’è il rischio di morte”.

Nel 1995, il Los Angeles Times riportò almeno 61 decessi associati all’uso di spray al peperoncino dal 1990 negli Stati Uniti. L’American Civil Liberties Union (ACLU) ha documentato 27 persone sotto custodia della polizia che sono morte dopo un’esposizione a spray al peperoncino in California dal 1993. Tuttavia, il rapporto ACLU conta la morte che si verifica entro poche ore dall’esposizione a spray al peperoncino. In tutti i 27 casi, il rapporto dei coroner elencava altri fattori come la principale causa di morte, sebbene in alcuni casi l’uso di spray al peperoncino potesse essere un fattore determinante.

L’esercito americano concluse, in uno studio di Aberdeen Proving Ground del 1993 , quello spray al peperoncino potrebbe causare “effetti utagenici, effetti cancerogeni, sensibilizzazione, tossicità cardiovascolare e polmonare, neurotossicità, nonché possibili decessi umani. Vi è un rischio nell’uso di questo prodotto su una popolazione ampia e variegata”.

Sempre negli Usa, studi condotti tra gli anni ‘90 e 2000 parlano di rischio morte per malati di Bpco (broncopneumopatia ostruttiva cronica) dovuta ad asfissia e infarto. Inoltre, nei soggetti che fanno uso di droghe i rischi sono elevatissimi.

Tuttavia, lo spray al peperoncino è stato ampiamente approvato negli Stati Uniti nonostante le riserve degli scienziati militari statunitensi dopo aver superato i test dell’FBI nel 1991. A partire dal 1999, era utilizzato da più di 2.000 agenzie di sicurezza pubblica.

Il programma di armi meno letali dell’FBI al momento dello studio del 1991, l’agente speciale Thomas WW Ward, fu licenziato dall’FBI e fu condannato a due mesi di carcere per aver ricevuto pagamenti da un produttore di peppergas mentre conduceva e scriveva lo studio dell’FBI che eventualmente approvato spray al peperoncino per uso FBI.

I pubblici ministeri hanno dichiarato che dal dicembre 1989 al 1990, Ward ha ricevuto circa $ 5000 al mese per un totale di $ 57.500, da Luckey Police Products, una società con sede a Fort Lauderdale, in Florida, che è stato un importante produttore e fornitore di spray al peperoncino. I pagamenti sono stati pagati tramite una società della Florida di proprietà della moglie di Ward.

Lo spray al peperoncino è stato associato a asfissia posizionale di individui in custodia di polizia. C’è molto dibattito sulla reale “causa” della morte in questi casi. Vi sono stati pochi studi clinici controllati sugli effetti sulla salute umana degli spray al peperoncino commercializzati per uso di polizia, e tali studi sono contraddittori. Alcuni studi non hanno rilevato effetti dannosi oltre agli effetti sopra descritti. Lo spray diretto a corto raggio può causare un’irritazione oculare più grave attaccando la cornea con un flusso concentrato di liquido (il cosiddetto effetto “ago idraulico”). Alcune marche hanno affrontato questo problema mediante uno schema di spruzzatura a forma di cono ellittico.

Spray al peperoncino legale in Italia

In Italia lo spray al peperoncino è legale? Sì. Come riporta Farmacia Cavalieri, gli spray in commercio in Italia per essere legali devono riportare sulla confezione la dicitura “STRUMENTO DI AUTODIFESA conforme all’art. 2 c. 3, L. 110/75 e al Decreto del Ministero dell’Interno nr. 103/2011”, come ad esempio DiVa Spray peperoncino.

Devono inoltre essere utilizzati per autodifesa appunto. Soprattutto come strumento per le donne al fine di difendersi dai malintenzionati. Altrimenti, se vengono a mancare queste due caratteristiche, diventano una arma vera e propria.

Spray al peperoncino utilizzato in 2 scuole

peperoncino

Come riporta Il Fatto quotidiano, a due giorni dalla tragedia di Corinaldo, dove sei persone sono rimaste uccise, in due scuole scatta l’effetto emulazione: spray al peperoncino è stato spruzzato all’interno dell’Istituto tecnico industriale G. Cardano di Pavia e in una scuola di Soncino, in provincia di Cremona.

Nel primo caso sono state soccorse 48 persone – di cui 33 studenti tutti alunni di quattro classi prima – dal 118, nel secondo 5 ragazzi sono stati portati al pronto soccorso con sintomi da intossicazione in codice verde. A Soncino sarebbe stata una studentessa di 14 anni a spruzzare intorno alle 13 lo spray, per gioco.

A Pavia, gli studenti, dopo due ore di educazione fisica dalle 8 alle 10, sono rientrati negli spogliatoi dove hanno accusato i primi sintomi: bruciore alla gola e agli occhi. A quel punto gli insegnanti e altri dipendenti della scuola hanno subito aperto porte e finestre, mentre la preside ha chiamato il 118.

Oltre ai 33 studenti dell’istituto tecnico trasportati al pronto soccorso del San Matteo di Pavia e dell’ospedale di Voghera, altri 15 sono stati soccorsi direttamente sul posto dai medici del 118 giunti subito alla scuola con cinque ambulanze e un’auto medica. Per questi ultimi 15 ragazzi non si è reso necessario il trasferimento in ospedale. Tutti hanno accusato bruciore agli occhi e un senso di irritazione alla gola e ai bronchi: nessuno di loro è in condizioni preoccupanti.

A Soncino, invece, i 20 ragazzi che frequentano la prima dell’istituto stavano per lasciare l’aula quando una di loro ha spruzzato in aria il gas urticante. Si è formata una nube gassosa che è rimasta sospesa in aria e 5 dei venti ragazzi hanno subito una lieve intossicazione e sono stati trasportati per controlli all’ospedale Maggiore di Crema (Cremona).

Spray al peperoncino utilizzato nei concerti

Purtroppo, la moda degli spray al peperoncino esiste già da un paio di anni. Come hanno ammesso alcuni rapper in videomessaggi lanciati sui Social all’indomani della strage anconetana. Fino a quel momento è andata bene. Ma alla luce di quanto accaduto nelle scuole di cui sopra, pare proprio che essa non abbia disincentivato i ragazzini ad usarla. Anzi, abbia alimentato un diabolico effetto simulazione. Ormai abituale sui Social.

Luca Scialò

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.