Spagna: tassate le banche per trasporti gratis e borse di studio ai giovani

Spagna: tassate le banche per trasporti gratis e borse di studio ai giovani

In Spagna, il governo guidato dal socialista Pedro Sanchez, si sta distinguendo per una serie di misure atte a contrastare la crisi. Mentre in Italia assistiamo al solito teatrino dei parlamentari, con i Cinquestelle che hanno innescato una crisi di governo senza però dimettersi e adducendo come motivo la realizzazione di un Termovalorizzatore a Roma. Nonostante le impietose immagini dei rifiuti riversati ovunque.

Dopo aver stabilito a febbraio, di concerto con i due principali sindacati del Paese Ugt e Comisiones Obreras, l’introduzione di un salario minimo a 1.000 euro al mese (per 14 mensilità), con un aumento di 35 euro rispetto a quello del 2021, e aver facilitato le assunzioni a tempo indeterminato, in questi giorni ha varato altre misure in favore delle classi medie e dei meno abbienti. In un periodo storicamente complicato.

In Spagna tassate le banche a favore del trasporto gratuito e delle borse di studio

Il governo Sanchez sta agendo da vero governo socialista e, come spiega Money, ha introdotto per i prossimi due anni una tassazione che, secondo le previsioni, faranno entrare nelle casse spagnole 7 miliardi di euro. E riguardano i profitti:

  1. delle società energetiche
  2. accumulati dalle banche, grazie ai tassi d’interesse rialzati

Ad essere tassate saranno le società dei due settori con un fatturato superiore a 1.000 milioni di euro annui.

Il denaro ottenuto sarà utilizzato per 2 scopi precisi. L’innalzamento del sussidio pubblico al 100% per gli abbonamenti dei treni su corta e media percorrenza. Ciò significa che si viaggerà gratis in treno dal 1° settembre al 31 dicembre. Gli abbonamenti, quindi, saranno totalmente detraibili.

L’altra misura prevede una borsa di studio complementare di 100 euro agli studenti con più di 16 anni e che hanno già una borsa di studio. I primi studenti a essere considerati saranno ovviamente quelli a famiglie con redditi bassi.

Infine, in prospettiva delle future difficoltà sul campo energetico, Sanchez sta cercando di promuovere due direttrici fondamentali: telelavoro, limitazione nell’uso di riscaldamento e dei condizionatori.

La Spagna si muove in direzione opposta all’Ue

Insomma, mentre il resto dei paesi dell’Unione europea si muove in direzione delle politiche di tagli al Welfare e in favore di banche, alta finanza e multinazionali, in nome del rigore da far pagare alla classe media, la Spagna sta andando dall’altra parte. Con coraggio e determinazione. Tra un anno nel paese iberico ci saranno le elezioni e vedremo se Sanchez sarà premiato o meno.

Ricevi news senza censure su Telegram

banner-TELEGRAM
/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice