Scuola, nuove regole Covid-19: discriminati i non vaccinati

Scuola, nuove regole Covid-19: discriminati i non vaccinati

Introduzione

Approvato il nuovo decreto-legge approvato nel pomeriggio del 2 febbraio nel corso del Consiglio dei Ministri. A far discutere sono soprattutto le nuove regole per la scuola relative alla gestione del Covid-19.

Del resto, quando si parla di diritti fondamentali come l’istruzione, che riguardano soprattutto minorenni, l’attenzione è doppia. La Lega ha contrastato il provvedimento, tra No e assenze. Molto critica anche Fratelli d’Italia.

Altre questioni contenute nel DPCM riguardano gli stranieri in Italia, le ridotte restrizioni per i vaccinati (come per esempio le zone rosse), nonché il Green pass illimitato per chi la terza dose. Che presta il fianco all’ipotesi di un Green pass a vita, per ora solo bollata come complottista.

Ma torniamo alle regole per la scuola riguardanti vaccinati e DAD e perché puzzano tanto di discriminazione per gli studenti non vaccinati.

Covid-19: quali sono le nuove regole per la scuola

Come riporta Bologna Today, i provvedimenti sono suddivisi per grado d’istruzione.

Nelle scuole per l’infanzia

  • fino a 4 casi di positività le attività proseguono in presenza
  • dal quinto caso di positività, le attività didattiche sono sospese per cinque giorni.

Nella scuola primaria

  • fino a quattro casi di positività, si continuano a seguire le attività didattiche in presenza con l’utilizzo di mascherina FFP2 da parte di docenti e alunni con più di 6 anni di età e fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso accertato positivo al COVID-19. Inoltre, è obbligatorio effettuare un test antigenico rapido o autosomministrato o molecolare alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto
  • dal quinto caso coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni o che sono guariti da meno di 120 giorni o che hanno effettuato la dose di richiamo, l’attività didattica prosegue in presenza con l’utilizzo di mascherine FFP2 da parte di docenti e alunni con più di 6 anni di età per dieci giorni; per tutti gli altri le attività proseguono in didattica digitale integrata per 5 giorni

Nella scuola secondaria di primo e secondo grado

  • con un caso di positività tra gli alunni, l’attività prosegue per tutti in presenza con l’utilizzo della mascherina di tipo FFP2 da parte di alunni e docenti
  • con due o più casi di positività tra gli alunni, coloro che hanno concluso il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni o che sono guariti da meno di 120 giorni o che hanno effettuato la dose di richiamo, l’attività didattica prosegue in presenza con l’utilizzo di mascherine FFP2 per dieci giorni; per tutti gli altri le attività scolastiche proseguono in didattica digitale integrata per 5 giorni

Conclusioni

Sulla vaccinazione anti-covid ai bambini anche gli stessi medici hanno suggerito prudenza ed avanzato perplessità. La Svezia, per esempio, l’ha sospesa, perché i potenziali rischi sono più alti dei potenziali benefici (ne ho parlato qui).

In Italia Italia invece si riga diritto, discriminando i figli di quanti non se la sono sentita di vaccinarli. Non mettendo a rischio di certo la vita dei loro coetanei. E il caso Mattarella ben conferma quanto il nostro Parlamento sia comunemente allineato a maggioranza su molte cose.

Pd, Forza Italia e Italia viva parlano la stessa lingua ormai. I Cinquestelle sono spariti. Liberi e Uguali è invece fintamente di sinistra. La Lega abbaia in Tv e nelle piazze ma poi nelle sedi che contano non morde.

Fratelli d’Italia si sta invece distinguendo, ma occorre sempre capire se lo fa per mera speculazione elettorale e cosa farebbe andata al governo.

Insomma, stiamo messi molto male.

Ricevi via mail le news che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice