Quando Sallusti elogiava Putin: il video confronto tra ieri e oggi

Quando Sallusti elogiava Putin: il video confronto tra ieri e oggi

Sallusti e il voltafaccia su Putin

In Italia deve esserci uno strano caso di bipolarismo galoppante, che andrebbe analizzato con tanto di ricerche. Sarà il cibo? Sarà l’aria inquinata che respiriamo? Sarà un fatto di cromosomi? O forse, semplicemente, si tratta del voltagabbanismo tipicamente italico che da sempre caratterizza questo paese. In grado di cambiare bandiera in base al vento.

D’altronde, è noto il motto “Con la Francia o con la Spagna, purché si magna” (versione originale: “o Franza o Spagna, purché se magna”, attribuita al fiorentino Francesco Guicciardini, ambasciatore presso la corte di Spagna nella prima metà del 1500).

In effetti, è quanto sta accadendo a molti esponenti di centrodestra (politici e opinion leader), soprattutto di Forza Italia, rispetto alla propria posizione su Russia e Putin. Quando il loro Leader supremo Silvio Berlusconi aveva tessuto (e giustamente, come spiegato qui) un ottimo rapporto con Putin, avvicinandolo anche al resto dell’Unione europea e perfino all’America, Putin appariva un perno fondamentale per la pace nel Mondo e per la questione energetica.

Ma ora, che è in corso una russofobia dilagante e vergognosa, ecco che Putin va dipinto come uno Zar (appellativo ormai costante su Il Giornale e Libero), un feroce sanguinario, un pericolo per le democrazie occidentali.

Caso palese quello di Alessandro Sallusti, che è stato direttore sia de Il giornale che di Libero. Ecco il video che mette a confronto cosa diceva su Putin 4 anni fa e come ne parla oggi.

Video su Sallusti quando elogiava Putin

Nel 2018 Alessadro Sallusti, ospite a Otto e mezzo di Lilli Gruber, affermava su Putin:

Non possiamo dimenticare che la Guerra Fredda finì di fatto quando Berlusconi portò Putin a Pratica di mare a un passo dall’entrare nella Nato. Dobbiamo renderci conto che senza Russia non esiste l’Europa. L’Europa esiste solo con la Russia che fu pericolosa proprio perché divise l’Europa in due e ne attenuò il suo peso nello scacchiere internazionale. E non dimentichiamoci che Putin nella guerra al radicalismo islamico come nell’approvvigionamento energetico deve per forza essere un nostro alleato perché è veramente un baluardo rispetto a questi temi fondamentali

Parole ben diverse da quelle che va usando oggi nelle varie ospitate televisive. Per esempio, durante l’imbarazzante trasmissione di Massimo Giletti su La7, quando si è recato a Mosca, sentendosi pure male forse per lo sbalzo termico, per fare alla fine un collegamento streaming fattibile benissimo dall’Italia, Sallusti ha definito il Cremlino un Palazzo di merda. Per poi aggiungere:

“Da dove sono partiti i peggiori crimini contro l’umanità di questo secolo e del secolo scorso. Lì il Comunismo ha fatto le peggiori tragedie del secolo scorso e di questo secolo

Ecco il video, la parte in questione inizia al minuto 3:40:

Ricevi via mail le news sulla guerra in Ucraina che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Una risposta a “Quando Sallusti elogiava Putin: il video confronto tra ieri e oggi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice