Russia chiude gas a Polonia e Bulgaria: chi sarà il prossimo?

Russia chiude gas a Polonia e Bulgaria: chi sarà il prossimo?

Introduzione

La decisione della Russia di farsi pagare il gas in Rubli comincia a sortire i primi effetti. L’intenzione del paese è quella di far aumentare il valore della propria valuta, il che già sta dando i suoi frutti, assieme ad altre politiche monetarie della Banca centrale del paese.

Gazprom ha infatti sospeso completamente le forniture a Bulgargaz e al PGNiG. Le due società che distribuiscono il gas in Bulgaria e Polonia, giustificando la decisione con il fatto di non aver ricevuto il pagamento per il carburante blu in rubli. La società ha avvertito che in caso di ritiro non autorizzato di gas dai volumi di transito verso paesi terzi, le forniture per il transito sarebbero ridotte.

Varsavia ha definito le azioni del monopolista russo una violazione del contratto e intende sporgere denuncia contro Gazprom.

Vediamo quali saranno i prossimi paesi vittime del taglio del gas da parte della Russia. Ci sarà anche l’Italia?

Come Bulgaria e Polonia preparano l’addio al gas russo

Come riporta Izvestija, le due ex repubbliche socialiste sovietiche non sono solo destinatarie del gas russo, ma fungono anche da tappa di transito dello stesso verso gli altri paesi europei. Il che potrebbe generare problemi oltre le proprie libere scelte.

In caso di ritiro non autorizzato del gas russo dai volumi di transito verso paesi terzi, le forniture per il transito saranno ridotte di questo volume

ha sottolineato Gazprom. E ora hanno bisogno di volumi aggiuntivi.

Secondo il capo della direzione “Industriadell’Istituto di tecnologie petrolifere e del gas Olga Orlova, Varsavia si stava preparando a interrompere la fornitura di gas russo.

Impianti UGS polacchi con una capacità di 3,8 miliardi di metri cubi sono riempiti oggi del 78%. Prolungare il contratto con Gazprom, che scade a fine 2022 e contiene i termini di consegna di almeno 8,7 miliardi di metri cubi. Con un consumo annuo di poco inferiore ai 20 miliardi di metri cubi, Varsavia ha ricevuto dalla Russia quasi 10 miliardi di metri cubi. E ha preparato canali di approvvigionamento alternativi

ha affermato Olga Orlova.

La produzione propria della Polonia è di 5 miliardi di metri cubi. m, 6,2 miliardi di metri cubi. m ricevono dal terminale GNL di Svinouste, ha precisato l’esperto.

Oltre a questi volumi, prevedono di ricevere 1-2 miliardi di metri cubi dal terminal lituano a maggio, oltre 5 miliardi dalla Slovacchia tramite l’Interconnector a partire da luglio. Ebbene, in futuro Varsavia nutre grandi speranze per il gasdotto Baltic Pipe. Tuttavia, il primo gas per un importo fino a 3 miliardi di metri cubi. m La Polonia intende riceverlo non prima dell’inverno

ha spiegato Olga Orlova.

Ekaterina Kosareva ritiene che questo sia il piano più ottimista di Varsavia per sostituire il gas russo. Ha ricordato che Baltic Pipe non è pronta e che la Norvegia ha bisogno di trovare volumi aggiuntivi per Varsavia da qualche parte.

Per quanto riguarda la Bulgaria, che ha ricevuto da Gazprom 2,3 miliardi di metri cubi m all’anno, ora dovrà affrontare una scelta secondo Alexei Grivach, vicedirettore generale del Fondo nazionale per la sicurezza energetica.

Sofia dovrà avviare il ritiro non autorizzato del gas di transito o acquistare gas russo attraverso vari schemi di sostituzione dalla Turchia, dalla Grecia o dall’Ungheria. Ma sarà ancora più costoso

ha detto l’esperto.

I prossimi paesi vittima del taglio del gas russo

Il prossimo paese a essere tagliato fuori dalle forniture russe tra coloro che non sono d’accordo a pagare il gas secondo lo schema approvato dal presidente della Federazione Russa sarà la danese Orsted. Che acquista fino a 2 miliardi di metri cubi. m di gas all’anno attraverso Nord Stream, prevede Alexey Grivach. Quindi il prossimo paese dovrebbe essere la Danimarca.

La Russia si aspetta che Lituania, Paesi Bassi, Croazia e anche, con un’alta probabilità, la Francia si rifiuteranno di pagare in rubli. Ungheria e Austria continueranno invece a pagare. Da un punto di vista politico molto importante è la Germania che non si è ancora espressa a riguardo.

Significativa in termini di volumi anche l’Italia, che si è preparata allo spegnimento del gas russo rivolgendosi ad altri paesi non certo modelli di democrazia (ne ho parlato qui). Ma al tempo stesso ha assunto una posizione neutrale sul passaggio al pagamento in rubli.

Se le aziende tedesche continueranno a pagare, Gazprom potrebbe perdere fino al 20% dei volumi. Con il prezzo che aumenterà allo stesso modo.

Ricevi via mail le news sulla guerra in Ucraina che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

Ricevi le News direttamente su Telegram

banner-TELEGRAM

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Una risposta a “Russia chiude gas a Polonia e Bulgaria: chi sarà il prossimo?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Torna all'indice