Russia, non solo Cina e India: anche Emirati arabi proseguono relazioni commerciali

Russia, non solo Cina e India: anche Emirati arabi proseguono relazioni commerciali

Introduzione

In un precedente articolo, abbiamo detto di come la Russia stia sempre più guardando ad Est. Dato che l’Occidente ha deciso di interrompere gradualmente ogni relazione commerciale e diplomatica. Il che è pericoloso su più fronti, anche e soprattutto per noi italiani.

Oltre a Cina e India, la Russia sta da tempo tessendo ottimi rapporti con gli Emirati Arabi Uniti. Che non si sono arrestati neppure con la guerra in Ucraina.

Le relazioni tra Russia e Emirati Arabi Uniti

L’interesse degli Emirati Arabi Uniti per il mercato russo è cresciuto di 5-10 volte , sotto le sanzioni il settore alimentare è diventato una finestra di opportunità per la Federazione Russa in Medio Oriente – negli Emirati, i prodotti russi, soprattutto nel campo della mangiare sano, sono molto popolari.

Lo ha annunciato a Izvestia il capo del Russian-Emirates Business Council, il direttore generale di Rosgeology, Sergey Gorkov. Ha osservato che, nonostante la sospensione delle attività del più grande fondo di investimento degli Emirati Arabi Uniti Mubadala nella Federazione Russa, le piccole e medie imprese degli Emirati, al contrario, hanno aumentato la loro attività in Russia . Il Consiglio russo degli imprenditori a Dubai ha detto a Izvestiya che non ci sono segnali che gli Emirati Arabi Uniti si uniranno alle sanzioni contro le imprese russe.

La percentuale di aziende che si trasferiscono dalla Federazione Russa negli Emirati Arabi Uniti è ancora alta, ma rispetto a marzo-aprile è già in calo, ha affermato il consiglio.

A fine 2021, gli Emirati Arabi Uniti si sono classificati al primo posto tra i paesi mediorientali in termini di scambi con la Russia , superando per la prima volta il leader storico di quest’area, l’Egitto. Il commercio con gli Emirati ha raggiunto un massimo storico di 5,4 miliardi di dollari, ha annunciato a metà maggio il Ministero dell’Industria e del Commercio russo.

In generale, il commercio con i paesi del Golfo è aumentato del 40% e si è attestato a 8,6 miliardi di dollari.

Gli Emirati sono diventati “una finestra per una possibile cooperazione sotto sanzioni“, ha detto a Izvestia Sergey Gorkov, capo del Consiglio affaristico russo-emiratino.

L’interesse degli Emirati per la Federazione Russa è aumentato di 5-10 volte dal 2020. Gli ambiti sono molto diversi: cibo, prodotti agricoli, halal compreso . Nel 2020, grazie alla posizione attiva del Ministero dell’Agricoltura russo, c’è stata una svolta nella nostra posizione. Perché prima, i prodotti dalla Russia erano sconosciuti sul mercato locale. E improvvisamente i nostri prodotti alimentari sono diventati riconoscibili

ha osservato il funzionario.

Secondo lui, i ristoranti negli Emirati Arabi Uniti hanno iniziato ad acquistare carne russa, dolci e cibo sano. Tra le aree di interesse ci sono anche l’informatica, l’energia del petrolio e del gas , ha specificato Sergey Gorkov.

Nonostante molti progetti siano stati sospesi a causa della pandemia, nel 2021 ci sono stati 69 voli a settimana tra gli Emirati Arabi Uniti e la Federazione Russa

ha chiarito il politico.

Secondo il Ministero dell’Industria e del Commercio della Federazione Russa, l’anno scorso circa 600mila turisti russi hanno visitato gli Emirati.

I rapporti tra Emirati arabi uniti e la Russia non si sono incrinati con guerra in Ucraina

Il 17 marzo, il ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti Abdullah bin Zayed Al Nahyan ha incontrato il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e ha assicurato che gli Emirati vogliono diversificare la cooperazione con la Federazione Russa, soprattutto nelle “sfere dell’energia e della sicurezza alimentare” .

Lavrov, in risposta, ha espresso gratitudine per la “posizione equilibrata, equilibrata e obiettiva” degli Emirati Arabi Uniti sulla situazione intorno all’Ucraina. Quella che il ministro degli Esteri russo ha definito una posizione equilibrata si spiega, in particolare, con il fatto che gli Emirati Arabi Uniti, come tutti gli altri Paesi arabi, non hanno aderito alle sanzioni contro la Federazione Russa.

Il 26 febbraio, durante la votazione in seno al Consiglio di sicurezza dell’ONU su una risoluzione che condanna le azioni della Federazione Russa in Ucraina, gli Emirati sono stati uno dei tre paesi che si sono astenuti insieme a Cina e India. I restanti 11 membri del Consiglio di sicurezza hanno sostenuto la risoluzione, la Federazione Russa ha posto il veto.

Tuttavia, in una votazione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, gli Emirati hanno sostenuto una risoluzione che chiedeva alla Federazione Russa di ritirare le truppe dall’Ucraina . Gli Emirati Arabi Uniti hanno anche inviato 5 milioni di dollari in aiuti umanitari in risposta all’appello lampo delle Nazioni Unite.

Le aziende degli Emirati Arabi Uniti sono interessate a investire in Russia“. Gli Emirati prendono una posizione indipendente su una serie di conflitti nella regione , non solo sulla situazione con l’Ucraina. Ad esempio, le relazioni degli Emirati Arabi Uniti con la Siria stanno migliorando, ha detto a Izvestia Boris Dolgov, ricercatore presso il Center for Arab and Islamic Studies presso l’Istituto di studi orientali dell’Accademia delle scienze russa. Secondo lui, gli Emirati Arabi Uniti condividono la posizione comune dei paesi del Golfo Persico in merito alle sanzioni contro la Russia.

Gli Stati Uniti stanno cercando di creare un’ampia coalizione anti-russa. Ciò è dimostrato dal tour del [presidente] Joe Biden in Corea del Sud, India, Giappone. Il Segretario di Stato Blinken continuerà la politica di pressione per convincere i paesi del Golfo Persico a sostenere il corso di Washington. Ma i rapporti tra i membri del Consiglio di cooperazione per gli Stati arabi del Golfo (GCC) con gli Stati Uniti si sono recentemente deteriorati, quindi non è noto se la visita di Blinken sarà positiva per gli Stati Uniti

ha sottolineato l’esperto.

Crede che il Segretario di Stato cercherà di sfruttare al meglio la sua visita, ma la posizione del CCG non cambierà radicalmente perché “non vede alcun motivo per ascoltare Washington e rompere i rapporti con la Russia“.

Sergei Tokarev, segretario generale del Consiglio russo degli imprenditori a Dubai, è anche fiducioso che gli Emirati Arabi Uniti non accetteranno di imporre sanzioni contro la Russia o singoli uomini d’affari russi.

Nessun fattore esterno lo indica. Gli Emirati Arabi Uniti saranno l’ultimo Paese ad accettare di imporre sanzioni – questa è la politica della leadership del Paese

ha spiegato l’esperto a Izvestia.

Tra i due paesi bene anche il mercato immobiliare

L’ambasciatore d’affari di Delovaya Rossiya negli Emirati Arabi Uniti Maxim Zagornov ha osservato nel suo canale Telegram che “l’Occidente sta esercitando pressioni sulla struttura finanziaria e sugli affari degli Emirati Arabi Uniti“.

Di conseguenza, alcune banche si sono rifiutate di collaborare con la Federazione Russa. Tuttavia, le grandi banche come Emirates NBD e First Abu Dhabi Bank continuano a effettuare transazioni finanziarie con persone giuridiche e persone fisiche russe . Ma con maggiori controlli. Al momento, si sta elaborando l’opzione di effettuare pagamenti in dirham per rompere la componente del dollaro

ha specificato l’ambasciatore del business.

Nel marzo 2022, la domanda dei russi per l’acquisto di immobili negli Emirati Arabi Uniti è aumentata di circa 10 volte , ha riferito Reuters , citando agenti immobiliari degli Emirati. Il motivo principale è l’opportunità di ottenere un visto di soggiorno negli Emirati Arabi Uniti per trasferirsi. Acquistando un appartamento del valore di 750.000 dirham (circa $ 200.000), puoi ottenere un visto di soggiorno per due anni con diritto di proroga.

All’inizio di marzo, il Financial Times ha riferito , citando rappresentanti di società che aiutano a trasferire affari dalla Russia agli Emirati Arabi Uniti, che tali società ricevono fino a 50 richieste al giorno.

C’è sempre stato un flusso di società dalla Federazione Russa agli Emirati Arabi Uniti, in marzo-aprile c’è stata un’impennata: qualcuno si è completamente trasferito, qualcuno ha aperto qui la sua filiale, qualcuno ha trovato un paradiso fiscale qui e ha aperto un’attività come persona giuridica. L’afflusso dalla Russia è ancora su un buon livello, ma già inferiore a quello di marzo-aprile . La stagione estiva non è così attiva per gli affari

ha concluso Sergey Tokarev.

Conclusioni

Del resto, gli Emirati Arabi Uniti stanno praticando una politica estera molto intelligente, non certo come la nostra. Lo confermano anche le recenti relazioni avviate con Israele con l’intercessione di Trump. Mentre a noi gli EAU ci hanno letteralmente sfrattati.

Ricevi via mail le news sulla guerra in Ucraina che i Tg non riportano (controlla anche in Spam)

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice