Rimini, per Forbes meta imperdibile del 2019: le ragioni oltre la movida

Rimini, per Forbes meta imperdibile del 2019: le ragioni oltre la movida

Rimini, emblema dell’Italia che vuole divertirsi. Tra Hotel di lusso, alberghetti di poche stelle, affittacamere, B&B e campeggi, Rimini cerca di accontentare tutti i gusti. Attirando, insieme alla vicina Riccione, soprattutto per la sua instancabile Movida estiva. Anche Mussolini prediligeva quest’ultima per i suoi bagni estivi. E forse non è un caso che siano ancora oggi tante le bancarelle e i negozi che vengono prodotti riecheggianti il Duce e il Fascismo. Malgrado la Legge Fiano.

A Rimini ci sono stato nel 2006, una bella vacanza di 15 giorni in albergo. Certo, già allora qualcuno tra gestore dell’albergo e quelli dei locali, si lamentava della concorrenza spietata di Paesi più vicini. Croazia in primis, alla quale si aggiungevano la Spagna e la Grecia.

Figuriamoci quale sia la situazione oggi. A 12 anni di distanza e con l’arrivo di altre mete low cost. Soprattutto quelle post-comuniste e quelle esotiche. Nonché con una crisi economica feroce di mezzo.

Comunque, Rimini ha ancora il suo fascino, reso eterno dal grande Fellini e ancora apprezzato dai turisti stranieri. Anche americani. Tanto che la rivista economica Forbes l’ha addirittura qualificata come la meta imperdibile del 2019. E non solo per la succitata movida, né, ovviamente, per il suo poco cristallino mare.

Vediamo dunque le ragioni che rendono per Forbes Rimini metà imperdibile 2019

[sta_anchor id=”rimini”]Rimini meta imperdibile Forbes 2019 motivi[/sta_anchor]

Rimini foto

Come riporta SiViaggia, per Forbes Rimini è una meta imperdibile innanzitutto per la Domus del Chirurgo. Sita all’interno d’un area archeologica di 700 metri quadrati, è un’antica domus risalente al II secolo d.C. divenuta celebre per i tanti reperti rinvenuti al suo interno. Gli oggetti e i mosaici, ben conservati, hanno permesso di ricostruire l’identità del suo proprietario, e i 150 strumenti chirurgici non hanno lasciato spazio ai dubbi: un tempo, qui, viveva un chirurgo. Un medico militare, per la precisione, dal momento che gli strumenti recuperati venivano impiegati prevalentemente per ferite e traumi ossei.

Ma, a conquistare gli americani, è stata soprattutto la testimonianza di Federico Fellini. Che qui nacque, e la cui memoria è oggi ancora ben presente in città. Soprattutto nel Borgo di San Giuliano, l’antico borgo marinaro che il regista de “La Dolce Vita” tanto amava. Sito a due passi dal centro storico, nell’XI secolo era un quartiere popolare di stretti vicoli e casette basse.

Le pellicole di Fellini sono intrise delle suggestioni di questo borgo, e il quartiere ricambia coi suoi murales e le citazioni dedicate proprio al grande regista. E, oggi, è il posto giusto per regalarsi una passeggiata al riparo dalla frenesia di Rimini, immersi in un’atmosfera autentica e legata al passato.

Sempre legato alla memoria di Fellini, è un altro dei luoghi che Forbes ha citato: il Cinema Fulgor. Qui, il regista andava da bambino. Qui si rifugiava a vedere quei film che gli sarebbero poi serviti come ispirazione per i suoi lavori futuri; oggi, dopo cinque anni di lavori, il cinema ha riaperto. Ed è diventato una tappa imperdibile, per chiunque si regali un breve soggiorno a Rimini.

Ispirato all’epoca d’oro di Hollywood, e disegnato da Dante Ferretti, ora trasmette pellicole classiche. E alla sua apertura, lo scorso ottobre, ha seguito quella di un altro luogo storico della città: il Teatro Galli. Costruito nel 1843, e aperto al pubblico nel 1857 con l’anteprima dell’”Aroldo” di Verdi, andò pressoché distrutto durante la II Guerra Mondiale. Dopo 75 anni, ecco che ha riaperto i battenti.

Tutte cose che all’epoca snobbai. Dall’alto (o dal basso) dei miei 24 anni e della voglia di divertirmi. Potrebbe essere una motivazione aggiuntiva per tornarci.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Luca Scialò

Sociologo, blogger, web writer. Amo il Cinema, l'Inter e ovviamente scrivere. La mail per contattarmi: [email protected] Ricevi le News su Telegram senza censure Le voci di dentro su Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice