Primo laureato italiano nel Metaverso: il futuro è già qui

Primo laureato italiano nel Metaverso: il futuro è già qui

Primo laureato italiano nel Metaverso

Edoardo, il primo laureato italiano nel Metaverso. Si dice che il Metaverso sia il futuro. Ma in realtà è già in mezzo a noi e sta cambiando il nostro modo di vivere. Rispetto alla virtualità esistente da tempo nei rapporti sociali, come una conference call o una videochiamata tra amici, il Metaverso si distingue perché siamo proiettati in una realtà parallela tramite degli avatar. Che si muovono trasponendoci in un mondo virtuale. E noi decidiamo come devono apparire esteticamente.

Orbene, il Metaverso si è fatto strada anche nella vetusta università italiana, ancora soggiogata da baronie e corsi inutili ai fini occupazionali. Edoardo Di Pietro, di Colle Val d’Elsa (Siena), è infatti il primo laureato in Italia del Metaverso.

Chi è il primo laureato italiano nel Metaverso

Come riporta Ansa, il 25enne senese, iscritto al corso di studi magistrali in Comunicazione, Ict e Media, è arrivato al Campus Einaudi di Torino nel primo pomeriggio di venerdì primo luglio. Ma ha realizzato una stanza virtuale sulla piattaforma Spatial.io, che ha creato a forma di arena, per quanti volessero seguire la sua discussione lì. Tra questi, con fierezza, la fidanzata Caterina, che si trova n Giappone. Insieme a lei un’altra quarantina di persone.

Titotlo della tesi: ‘Tra presente e futuro: l’impatto del Metaverso sulla società. Analisi e applicazioni del caso studio Tembo su Minecraft‘. Relatore Michele Cornetto.

Nella realtà ha indossato un completo azzurro e camicia bianca, ma senza cravatta. Mentre il suo avatar si è presentato con felpa bianca e jeans. Ci tiene comunque a precisare che la sua discussione non è un’apologia al Metaverso ma un esperimento che può risultare utile a capirlo ancora meglio.

Per la cronaca, Edoardo ha conseguito voto 109 con il suo elaborato che ha ottenuto il massimo dei voti. A lui un sentito in Bocca al lupo, reale o virtuale, lo deciderà lui.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna all'indice